banner
Bitcoin: è record per prezzo e market cap
Bitcoin: è record per prezzo e market cap
Trading

Bitcoin: è record per prezzo e market cap

By Federico Izzi - 7 Gen 2021

Chevron down

Iniziano ad esaurirsi gli aggettivi per commentare e descrivere l’andamento del Bitcoin che da metà dicembre ha iniziato una corsa che sembra non conoscere più soste e che segna nuovi record per prezzo e market cap. 

Sono passati 22 giorni dalla data del 16 dicembre quanto il prezzo del Bitcoin ha rotto il muro dei 20.000 dollari disintegrando il precedente record storico. In questo periodo ben 14 giorni, cioè oltre la metà, hanno registrato nuovi record assoluti mettendo a segno un rialzo da 18.000 a oltre 37.000 USD, raddoppiando il prezzo di un Bitcoin in meno di un mese. 

Una tendenza maggiore al precedente sfolgorante rally tra novembre e dicembre 2017. Un parallelismo che giorno dopo giorno esaltata l’attuale rialzo relegando ai ricordi quanto accaduto esattamente tre anni fa.

Il ribasso di inizio settimana – 4 gennaio – che ha visto il prezzo del Bitcoin perdere poco meno del 20% in meno di 24 ore provocando una perdita di oltre 6.300 USD, la peggiore discesa giornaliera nella storia, non ha impaurito gli investitori che sono tornati nuovamente a comprare facendo lievitare il prezzo. 

coin360 20210107
Fonte: COIN360.com

Pochi minuti dopo l’inizio della giornata (calcolato sul fuso orario CET di Londra+1) il prezzo di Bitcoin ha segnato un nuovo record storico a 37.720 USD, trascinandosi dietro la salita anche di Ethereum, che aggiorna il record più alto degli ultimi tre anni a 1.225 USD, così come gran parte delle Altcoin. 

È un rialzo corale che mescola la classifica delle prime dieci capitalizzate. Continua il testa a testa per la terza posizione tra Ripple (XRP) e Litecoin (LTC) con XRP in salita di oltre il 30% in meno di 24 ore si colloca sul podio delle migliori della giornata, guidata da Stellar (XLM).

XLM 20210107

Con un volo di oltre il 60% e prezzo ad un passo dai 42 centesimi di dollaro, il più alto livello da maggio 2018, Stellar sale in 10^ posizione scalzando Binance Coin (BNB). 

Tra le migliori brilla Cardano (ADA) che recupera i 35 centesimi di dollaro con un rialzo di oltre il 20% dai livelli di ieri mattina, conquistando per la prima volta la quinta posizione in classifica, scavalcando Bitcoin Cash (BCH). Non basta la risalita a 460 USD di BCH che da inizio anno guadagna poco più del 25%.

Bitcoin: il prezzo porta il market cap al record assoluto

Il rialzo delle ultime ore fa salire la capitalizzazione totale del mercato per la prima volta sopra 1 trilione di dollari. In un anno – dal 1° gennaio 2020 – si è moltiplicato cinque volte il market cap dell’intero settore

Merito del Bitcoin che occupando circa il 69% della quota di mercato ed una capitalizzazione che in queste ore raggiunge i 700 miliardi di dollari, doppiando il precedente picco di dicembre 2017. 

La recente salita del prezzo di Ethereum spinge la capitalizzazione a $135 miliardi, oltre il precedente record raggiunto a gennaio 2018. Nonostante ciò la quota di mercato di Ethereum perde qualche decimale dal picco più alto degli ultimi due anni del 14% registrato ieri. Prova a rialzarsi XRP dalle sabbie mobili della scorsa settimana, riportandosi oltre l’1,3%.

DeFiPulse 20210107

DeFi: TVL a $ 21 miliardi

Nonostante il numero di token utilizzati come collaterale che continua ad essere ritirato dalle piattaforme decentralizzate, l’aumento di valore dei token fa lievitare il Total Value Locked (TVL) oltre i $21 miliardi, nuovo record

La leader Maker sale oltre i $4 miliardi per la prima volta nella sua storia, facendo volare le quotazioni del token di governance MKR oltre i 1.200 USD, il livello più alto dal lancio delle quotazioni avvenute a maggio 2018. Aave mantiene la seconda posizione seguita da Uniswap che continua il testa a testa con Compound.

BTC 20210107
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC)

Terzo giorno al rialzo per Bitcoin che registra un nuovo record storico ad un passo dai 38.000 dollari. È un rialzo che da lunedì 4 gennaio vede i prezzi del Bitcoin guadagnare circa il 24% in 4 giorni. 

Il rialzo dell’inizio della giornata ha coinciso anche con delle prese di beneficio che al momento riportano le quotazioni del Bitcoin sotto i 36.500 dollari, senza preoccupare il forte trend rialzista che sta caratterizzando l’andamento del Bitcoin dalla metà di dicembre. 

Esplodono i volumi che nella giornata di ieri registrano il picco più alto per scambi sui principali exchange con oltre 13,3 miliardi di dollari, record storico assoluto per scambi in controvalore in dollari. Questo marca il momento particolare del Bitcoin che vede una quantità inferiore di Bitcoin passare di mano, per un controvalore che segna record storici assoluti. In questi primi 6 giorni del 2021, solamente il 1° gennaio si sono registrati scambi sotto i 10 miliardi di dollari.

A livello tecnico i prezzi di Bitcoin si allontanano dalla prima area di supporto di breve periodo che da 30.000 dollari ora si sposta a 32.600 dollari, area del 25% del ritracciamento di Fibonacci calcolato dal minimo di metà di dicembre ai massimi registrati poche ore fa. 

Solamente un ribasso sotto questa soglia darebbe un segnale di avvertimento nel breve periodo mentre invece nel medio periodo è lontano il livello di allarme che in queste ore passa poco sotto i 29.000 dollari, area distante di oltre il 20% dai livelli attuali.

ETH 20210107
Grafico Ethereum by Tradingview

Prezzo Ethereum (ETH)

Il forte rialzo vede il prezzo di Ethereum segnare un’ascesa verticale dai minimi del 2 gennaio, con un valore che guadagna oltre il 70% in cinque giorni riportando le capitalizzazioni oltre i 1.200 dollari per la prima volta da fine gennaio 2018. 

Per Ethereum il consolidamento del trend costruito nei mesi scorsi sta trovando l’esplosione in questi giorni con livelli di supporto in un’ottica di medio lungo periodo sempre più distanti. Al tempo stesso questo forte movimento di questi ultimi 5 giorni, +75%, dà ad ETH ampio spazio di movimento in un’ottica di breve periodo, come accaduto nelle scorse settimane per Bitcoin. 

Questi forti movimenti devono far aumentare l’attenzione e la cautela per scossoni che in un’ottica intraday potrebbero svilupparsi anche in doppia cifra con maggiore evidenza rispetto a quanto accaduto lo scorso lunedì con un movimento che ha visto i prezzi oscillare di oltre il 25% in poco più di due ore. 

L’attuale struttura rialzista allontana decisamente i rischi di messa in pericolo del trend di medio lungo periodo. Il primo segnale di allarme arriverebbe con prezzi poco oltre i 700 dollari, livello distante di circa il 50% dalle quotazioni attuali.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.