banner
L’ex CEO di Overstock Patrick Byrne è stato bannato da Twitter
L’ex CEO di Overstock Patrick Byrne è stato bannato da Twitter
News dal Mondo

L’ex CEO di Overstock Patrick Byrne è stato bannato da Twitter

By Thuy Dung - 15 Gen 2021

Chevron down

Twitter sospende ufficialmente l’account di Patrick Byrne, un entusiasta e dedicato alleato online di Donald J. Trump durante le elezioni del 2020. È il fondatore e da tempo CEO dell’ex colosso dell’e-tailing Overstock – una delle prime aziende ad accettare pagamenti crypto, ha lanciato la piattaforma tZERO per il trading di security token e ha acquisito l’azienda che sta dietro a Ravencoin.

Byrne è stato bannato da Twitter martedì. La società di social media non ha ancora spiegato perché ha rimosso Byrne, ma negli ultimi mesi ha fatto diverse accuse di frode elettorale.

Alla fine di novembre, ha annunciato che avrebbe finanziato un team di hacker e cybersleuth per convalidare la teoria della cospirazione che ha alimentato l’insurrezione al Capitol. I tribunali non hanno trovato alcuna prova credibile della modifica o della manipolazione dei totali dei voti.

Alla fine di dicembre, ha creato la storia di essere stato presente a una riunione di consiglieri Trump per la strategia di rovesciamento elettorale, dove Trump e altri hanno discusso su come ribaltare la perdita di Trump a favore del presidente eletto Joe Biden.

“Il mio coinvolgimento è che ero nella stanza quando è successo. Tra le voci sollevate c’era anche la mia. Ve lo posso promettere: Il presidente Trump è stato assistito in modo terribile dai suoi consiglieri. Vogliono che perda e gli stanno mentendo. È circondato da mediocri menzogne”. – ha twittato Byrne.

Negli ultimi tempi, la notte prima della rivolta al Capital, ha detto a una folla di sostenitori di Trump che le “elezioni truccate” rappresentano l’ascesa di un regime autoritario. 

Dopo aver tentato di dare un avvertimento contro la disinformazione, Twitter ha finalmente bannato ufficialmente l’account @PatrickByrne per motivi di “violazione delle regole di Twitter”.

Le conseguenze del ban di Twitter a Patrick Byrne

In risposta alla mossa del social media, Byrne ha descritto la sua censura come “Orwelliana” e “fascista”. Ha condiviso con Gizmodo le notizie il 14/01/2021:

“Twitter non faceva parte della mia vita. Non l’ho mai usato nemmeno una volta fino a un anno fa (tutti i tweet precedenti erano di un assistente stampa). Nell’ultimo anno l’ho usato una manciata di volte al massimo, fino a quando non sono stato coinvolto in questa frode elettorale un paio di mesi fa. L’ho usato ampiamente, e i miei seguaci sono saliti a 300.000. Perché l’hanno fatto? Perché sono orwelliani. Il fascismo è un fenomeno di sinistra, ricordate”.

La decisione di rimuovere gli utenti, i post e i tweet è stata criticata da alcuni per aver violato i diritti di libertà di parola. Facebook, YouTube e Snapchat hanno già preso provvedimenti per censurare Mr. Trump, mentre Amazon ha fatto chiudere Parler, un’applicazione ampiamente utilizzata dai suoi sostenitori. 

Lunedì 11 gennaio 2021 il portavoce del cancelliere tedesco ha dichiarato di trovare “problematico” il divieto dei social media. E il presidente messicano ha detto:

“Non mi piace che qualcuno venga censurato”.

Bruce Fenton – fondatore e CEO di Atlantic Financial – esprime il suo commento sul ban dell’ex CEO di Overstock Patrick Byrne:

“La censura è sbagliata. Questa piattaforma fallirà”. 

Gli utenti di Twitter sostengono che una piattaforma chiusa non ha alcuna possibilità contro uno scambio di idee aperto e libero. Chiaramente, in un contesto di censura, indipendentemente se uno sia un investitore bitcoin o se sia un ex CEO di Overstock, la violazione delle regole di Twitter ha le sue conseguenze. 

Non è chiaro come il Presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden intenda regolamentare la Big Tech, ma è probabile che faccia un grande cambiamento. Come ha detto prima, vuole che aziende come Facebook e Twitter facciano di più per eliminare i discorsi di odio e le notizie false. 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.