banner
Daniel Larimer: “EOS non sarà mai in grado di promuovere una tecnologia che rende liberi”
Daniel Larimer: “EOS non sarà mai in grado di promuovere una tecnologia che rende liberi”
Interviste

Daniel Larimer: “EOS non sarà mai in grado di promuovere una tecnologia che rende liberi”

By Amelia Tomasicchio - 30 Gen 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Dopo la sua decisione di lasciare Block.one, abbiamo contattato l’ormai ex CTO dell’azienda, Daniel Larimer, per capire meglio le sue intenzioni e cosa vuole realizzare nel prossimo futuro, dato che EOS non è più il suo progetto.

Da cosa è dipeso il tuo allontanamento da Block.one?

Ho lasciato block.one per perseguire le tecnologie decentralizzate che danno potere alle persone, invece di farle dipendere dai servizi di enti centralizzati regolamentati. Block.one ha un dovere nei confronti degli azionisti e di costruire prodotti che siano conformi alle normative; quindi, block.one non sarà mai in grado di costruire e promuovere tecnologie che liberino le persone dalla dipendenza dai poteri esistenti. Le tecnologie veramente decentralizzate sono difficili da monetizzare e regolamentare, poiché non ci sono punti di controllo centralizzati dove si possano estrarre le tasse o far rispettare i regolamenti. Questo rende difficile giustificare agli azionisti le spese di ricerca e sviluppo di tale tecnologia, poiché le passività superano il potenziale di profitto. 

Bitcoin ha fallito come sistema di pagamento, credi che la blockchain di EOS sia un “layer” ideale per quel tipo di transazioni?

Credo che EOS abbia bisogno di diventare una forma di denaro più competitiva se vuole vedere le plusvalenze che molti nella community associano al successo. Bitcoin è meno divisibile dell’oro se si considera la tassa minima di transazione. EOS, essendo molto più divisibile, può avere migliori qualità per il denaro. Spostare Bitcoin su EOS aiuterà certamente a rendere BTC più divisibile, ma centralizzerà la custodia di BTC e contemporaneamente renderà EOS meno competitivo come valuta indipendente. Cos’è più prezioso, le azioni su una borsa valori o le azioni scambiate sulla borsa? 

Nei prossimi mesi verrà implementato il “power up model” sulla blockchain di EOS, ci puoi spiegare i vantaggi rispetto al sistema attuale?

Il nuovo “power up model” riduce i costi di capitale delle transazioni sulla rete EOS. Quando EOS.IO è stato rilasciato, era strutturato in modo tale che se venivano messi in staking l’1% di tutti gli EOS staked, allora si poteva eseguire l’1% di tutte le transazioni. In questo modo “le transazioni erano gratuite” per i possessori di EOS, perché non si perdeva lo stake. Il problema con questo modello è che ha strettamente accoppiato il valore di EOS al costo delle transazioni. Vale a dire, bisognava mettere in staking migliaia di dollari di EOS per eseguire un paio di dozzine di transazioni al giorno. Considerando che la maggior parte delle persone non ha quasi nessun risparmio, questa era una grande barriera per l’adozione di massa. Con il nuovo modello, gli utenti possono “affittare” la larghezza di banda. Invece di comprare migliaia di dollari di EOS, ora possono pagare un paio di dollari al mese per la stessa larghezza di banda. Le transazioni sono comunque “gratuite” se si utilizzano le ricompense derivanti dallo staking per coprire i costi di affitto della larghezza di banda. Questo disaccoppia il valore di EOS dal costo delle transazioni sulla rete.

Alcune persone lamentano di EOS che non performa a causa della poca influenza e marketing di Block.one, che ne pensi?

Penso che sia come incolpare l’azienda dietro il software open source “QuickBooks” che la vostra azienda ha scelto di adottare per gli errori del vostro business. Per raggiungere il successo in termini di prezzo che la community di EOS sta cercando, è necessario che la community adotti EOS come moneta e questo significa evitare che EOS sia considerata una security.

EOS.IO è stato venduto come un software che consente a qualsiasi community di adottarlo e gestire una “piattaforma di smart contract”. I token di ogni community erano rappresentati come una percentuale della capacità di rete disponibile. EOS ha avuto un incredibile successo nell’attrarre la maggior parte delle transazioni giornaliere su blockchain e nel dimostrare la rete globale a più bassa latenza e a più alto throughput. 

Dal lancio di EOS.IO 1.0, block.one ha migliorato notevolmente la qualità del software EOSIO e ne ha aumentato il throughput di un ordine di grandezza. Durante questo stesso periodo il prezzo di EOS è stato relativamente piatto. Chiaramente, le prestazioni tecniche e le prestazioni di prezzo sono variabili indipendenti. 

Abbiamo tutti assistito a ciò che è successo a XRP ora che i regolatori stanno dando del filo da torcere a Ripple. Block.one ha mantenuto una chiara separazione tra il suo lavoro sul protocollo EOSIO e l’uso del software da parte delle community per far funzionare una blockchain decentralizzata, a beneficio delle varie community. Senza questa chiara separazione il token EOS avrebbe potuto subire un destino simile a quello di XRP con delisting dai principali exchange e cali di prezzo ancora maggiori.  

Segui qualche progetto/dApp su EOS in particolare e che non dovremmo perderci?

Ho seguito molti dei progetti DeFi su EOS. Mi piace particolarmente il lavoro che stanno facendo i team di Everipedia e Liquidapps.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.