banner
Ripple è ora registrata in Wyoming
Ripple è ora registrata in Wyoming
Altcoin

Ripple è ora registrata in Wyoming

By Eleonora Spagnolo - 22 Feb 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Ripple si è registrata in Wyoming, uno degli stati degli USA più crypto friendly. Da quel che emerge dal sito ufficiale del governo, Ripple Markets WY LCC si è registrata lo scorso febbraio 2020. Ad annunciarlo è stata Caitlin Long, CEO di Avanti Bank, che ha pubblicato il modulo con cui risulta che Ripple sia ora domiciliata in Wyoming:

“Più società di crypto stanno realizzando che il Wyoming è un domicilio migliore del Delaware grazie alle nostre leggi cripto-amichevoli. La gente spesso chiede quante società si sono trasferite/ridomiciliate in Wyoming – non lo sappiamo. Non abbiamo delle liste e ci piace così”

Perché le aziende crypto dovrebbero preferire il Wyoming? Spiega Caitlin Long: 

“Nessuna tassa statale sulle società, nessuna tassa sul franchising, crypto esenti da tasse sulla proprietà e sulle vendite, le nostre leggi commerciali chiariscono lo status legale delle crypto, le banche crypto-friendly apriranno presto, accesso a gov/legislatori/senatore USA crypto-aperti. Tutte le leggi open-source”

Ripple si andrebbe ad aggiungere a Kraken e IOHK.

Perché Ripple ha scelto il Wyoming

Il Wyoming è uno degli stati più flessibili degli Stati Uniti rispetto alle aziende che operano con le criptovalute. Fu già scelta da Kraken che proprio dallo stadio del Wyoming ha ottenuto una licenza per offrire servizi bancari. 

A rendere questo stato ancora più forte, è la presenza di una senatrice pro-Bitcoin, Cynthia Lummis. Lei si è fatta carico di interagire con il nuovo segretario del tesoro dell’era Biden, Janet Yellen, per promuovere i benefici di Bitcoin e delle criptovalute. 

La notizia della registrazione di Ripple in Wyoming ha fatto bene al prezzo. Ripple infatti oggi si muove in controtendenza, con un guadagno a doppia cifra del 13%. Questo ha portato il prezzo di XRP ad un passo dai 60 centesimi. Questo incremento arriva dopo un periodo turbolento per Ripple. La causa contro la SEC, che proprio oggi vedrà la sua udienza preliminare, a fine dicembre ha affossato il prezzo del token portandolo a 19 centesimi. 

Ripple poi si è accodata alla bull run del settore e si è ripresa, e oggi dà segnali positivi, e non è neppure troppo lontana dai picchi di novembre 2020 oltre i 70 centesimi.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.