Hal Finney è improbabile che sia Satoshi Nakamoto
Hal Finney è improbabile che sia Satoshi Nakamoto
Bitcoin

Hal Finney è improbabile che sia Satoshi Nakamoto

By Hostfat - 1 Mar 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Hal Finney non credo sia Satoshi Nakamoto. Questa è giusto la mia opinione ovviamente, ma vorrei portare all’evidenza alcuni elementi contrastanti.

“Sto pensando a come ridurre le emissioni di CO2 da un’implementazione estesa di Bitcoin”.

Questo post lo ha scritto il 27 gennaio 2009, quando Bitcoin era stato lanciato poche settimane prima.

Quindi, Hal Finney, un possibile Satoshi, dopo il lancio della sua creazione, su cui ha lavorato dal 2008 se non prima, si preoccupa ora dell’emissione di CO2?

Sempre Satoshi ha fatto valutazioni sul futuro di Bitcoin ben oltre il tempo in cui pure lui stesso avrebbe vissuto, però ora starebbe cambiando idea?

Ma ancora, nel 29 Luglio 2010, quindi dopo quel messaggio di Hal Finney su Twitter, Satoshi scriveva questo messaggio, più di un anno dopo

“Il sistema attuale in cui ogni utente è un nodo di rete non è la configurazione prevista per la grande scala. Sarebbe come se ogni utente Usenet gestisse il proprio server NNTP. Il design supporta il fatto che gli utenti siano solo utenti. Più è oneroso gestire un nodo, meno nodi ci saranno. Quei pochi nodi saranno grandi server farm. Il resto saranno nodi client che effettueranno le transazioni e non le genereranno”.

Satoshi aveva già previsto che sarebbero nate le mining pool (la prima, la Slush, arrivò a fine 2010), che chiama “big server farms”. Da far notare che Satoshi quando parla di nodi si riferisce sempre a “miner”, infatti dopo i nodi “non generanti” li chiama “client nodes”. Nodi che avrebbero fatto solo transansazioni senza generare (minare)

Credo che ci sia troppo contrasto fra queste due visioni perché possano essere condivise dalla stessa persona.

Se non è Hal Finney, chi è Satoshi Nakamoto? 

Personalmente continuo a considerare Kleiman un più probabile Satoshi (puntualizzando che eviterei di considerare per vera qualsiasi affermazione di Craig Wright), o forse anche Paul Le Roux (anche se più improbabile).

Questo perchè erano entrambi sviluppatori e/o esperti sull’OS Windows, su cui fu rilasciata la prima versione di Bitcoin. Kleiman partecipava anche alla mailing list dove Bitcoin fu annunciato nel 2008.

Magari nessuno dei due indicati sopra è Satoshi, ma per quanto evidenziato mi sentirei di escludere più facilmente Hal Finney come un possibile candidato.

Hostfat

Impegnato nello studio ed evoluzione della tecnologia P2P dal 1999/2000. Ha scoperto il Bitcoin nei primi mesi del 2010. Impegnato come moderatore della sezione italiana sul forum bitcointalk.org.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.