banner
Kings of Leon, l’album versione NFT cambia la musica
Kings of Leon, l’album versione NFT cambia la musica
NFT news

Kings of Leon, l’album versione NFT cambia la musica

By Eleonora Spagnolo - 10 Mar 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

I Kings of Leon sono la prima band ad emettere un album su NFT. Si chiama When you see yourself

Secondo quanto riportato da Rolling Stones, saranno disponibili tre tipi di NFT:

  • Una versione speciale dell’album:
  • Una versione che offre vantaggi negli spettacoli dal vivo, tipo posti in prima fila, 
  • Una versione con arte audiovisiva. 

Ad ogni modo la versione “NFT Yourself”, cioè l’album (disponibile anche in comune download o su vinile) in versione non fungible token, nonostante qualche difficoltà, è stato un successo che ha permesso loro di raccogliere 2 milioni di dollari in pochi giorni.

L’album è stato emesso in collaborazione con la piattaforma YellowHeart che si candida ad essere leader di questo speciale settore che coniuga musica e blockchain. 

NFT Yourself sarà disponibile fino al 19 marzo. Per acquistarlo è necessario partecipare con un wallet MetaMask e un account OpenSea, piattaforma leader dei marketplace degli NFT

Il successo dei Kings of Leon una svolta per gli NFT

Questo primo esperimento rappresenta una svolta per il settore musicale che approda sulla blockchain in modo nuovo. Un po’ come sta facendo lo sport con i fan token di Chiliz, nella musica sono gli NFT a segnare un nuovo modo di coinvolgere i fan. 

Simon Peters, analista di eToro, così ha commentato il successo dell’album inversione NFT dei Kings of Leon:  

“I Kings of Leon hanno raggiunto le vendite di 2 milioni di dollari del loro primo album in formato NFT – o token non fungibile – che dà ai fan della band la possibilità di ottenere contenuti esclusivi e pone le basi per altri artisti per seguire l’esempio. Tuttavia, oltre ad essere un nuovo sviluppo per l’industria musicale, è anche di buon auspicio per le criptovalute”. 

Per Simon Peters questo farà crescere l’adozione di Ethereum, su cui si basano gli NFT, e potrebbe portare anche alla crescita dell’intero settore delle criptovalute. 

“Gli NFT siedono su piattaforme tra cui la rete Ethereum, e dato che siamo solo alla punta dell’iceberg in termini di adozione e uso diffuso degli NFT, ci aspettiamo che questo darà ancora più slancio a Ethereum e ai suoi pari”.

È la consacrazione dell’arte su Ethereum: 

“I critici spesso discutono su quale siano i casi d’uso per alcune criptovalute, ma qui vediamo quanto facilmente possano entrare in mercati enormi, come l’industria musicale multimiliardaria, e diventare mainstream. Questo è solo l’inizio di questa esplosione di NFT. Le opere d’arte digitali NFT Cyberpunks sono recentemente passate di mano per somme enormi, mentre il mondo dell’arte inizia la sua adozione, e le reti blockchain come Ethereum, che le consentono, stanno per raccogliere i frutti”.

E la consacrazione anche di Ethereum stessa. 

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.