banner
Deutsche Bank: Bitcoin troppo importante per essere ignorato
Deutsche Bank: Bitcoin troppo importante per essere ignorato
Bitcoin

Deutsche Bank: Bitcoin troppo importante per essere ignorato

By Marco Cavicchioli - 19 Mar 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Deutsche Bank ha pubblicato un report in cui scrivono esplicitamente che Bitcoin ormai è troppo importante per essere ignorato. 

Infatti a pagina 2 si legge:

“La capitalizzazione di mercato di Bitcoin di 1 trilione di dollari lo rende troppo importante per essere ignorato”. 

Si tratta di un report ufficiale di Deutsche Bank Research, intitolato “Parte III. Bitcoin: può l’Effetto Campanellino farlo diventare una profezia che si autoavvera?”, e che fa parte di uno studio più ampio intitolato “Il futuro dei pagamenti: serie 2”. 

Questo report riguardante Bitcoin è un PDF lungo 19 pagine redatto dall’economista Marion Laboure, del Dipartimento di Economia dell’Università di Harvard, già collaboratrice anche della Banca Centrale del Lussemburgo e della Commissione Europea, specializzata in finanza pubblica, economia monetaria e tecnologia finanziaria.

In altre parole si tratta di una vera e propria esperta in materia, che in effetti ha prodotto un’analisi decisamente approfondita. 

Deutsche Bank: perché Bitcoin continuerà a salire

Oltre a ritenere Bitcoin troppo importante per essere ignorato, Laboure afferma anche che finché i gestori patrimoniali e le società continueranno ad entrare in questo mercato i prezzi di BTC potrebbero continuare a salire.

Inoltre ritiene che il prezzo di Bitcoin potrebbe essere influenzato da quello che viene chiamato “Effetto Campanellino”, ovvero l’effetto che fa sì che se più persone credono in qualcosa, più è probabile che questa cosa accada, così come nella favola di Peter Pan Campanellino esiste solo perché i bambini credono che esista.

Laboure aggiunge anche che le banche centrali ed i governi stanno capendo che le criptovalute sono qui per restare, quindi dovrebbero iniziare a regolamentarle già quest’anno o all’inizio del prossimo. 

L’economista afferma anche che si stima che meno del 30% dell’attività transazionale in bitcoin sia legata a pagamenti, mentre il resto è in gran parte legato ad investimenti finanziari, ma con una liquidità ancora bassa. Nel 2020 risultano essere stati scambiati 28 milioni di BTC, pari al 150% del totale dei bitcoin esistenti, mentre ad esempio per quanto riguarda le azioni Apple questa percentuale è stata del 270%.

Per questo motivo il prezzo dovrebbe rimanere volatile. 

L’analisi di Laboure risulta essere approfondita, obiettiva e realistica, caratteristiche a dire il vero non così comuni in lavori di questo tipo. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.