banner
IOTA riparte dall’aggiornamento Chrysalis
IOTA riparte dall’aggiornamento Chrysalis
Blockchain

IOTA riparte dall’aggiornamento Chrysalis

By Marco Cavicchioli - 18 Mag 2021

Chevron down

L’aggiornamento denominato “Chrysalis” del protocollo di IOTA è terminato, tanto che molti exchange stanno riaprendo depositi e prelievi. 

Chrysalis è un aggiornamento molto importante perché rilancia il progetto IOTA con una sorta di “nuova alba“. Basti pensare che il token MIOTA non ha ancora superato il massimo valore storico di 5,25$ fatto registrare il 19 dicembre del 2017. 

Anzi, il prezzo attuale è ancora molto più basso (sotto i 2$), e addirittura fino a febbraio era precipitato sotto gli 0,5$. 

Tuttavia questo aggiornamento è stato in grado, fin dal suo annuncio, di far risalire il prezzo di MIOTA prima fino a quasi 1,5$ a metà febbraio, e poi fino ad un picco annuale di 2,5$ a metà aprile. Rispetto a 12 mesi fa vale l’870% in più, mentre rispetto al massimo storico di dicembre 2017 vale ancora il 62% in meno. 

L’anno scorso il progetto fece segnare una notevole battuta di arresto, a causa di un grave problema che ha richiesto molto lavoro per essere risolto ed un aggiornamento radicale per rimettere in corsa il progetto. 

Chrysalis di fatto è l’aggiornamento più ampio in tutta la storia del progetto IOTA, e tocca tutti gli aspetti del protocollo, delle librerie ai wallet, passando anche per le implementazioni software sviluppate dalla Fondazione IOTA. 

L’obiettivo ora è quello di sviluppare nuove innovazioni come Automated Market Maker scalabili, piattaforme finanziarie decentralizzate, oracoli e startup basate su smart contract. 

Di fatto cambia anche la prospettiva “industriale” del progetto, che sembra rifocalizzarsi sulla finanza, piuttosto che per l’appunto sull’industria, come invece era in origine. 

I vantaggi dell’aggiornamento Chrysalis su IOTA

Chrysalis è stato lanciato definitivamente a fine aprile ed ora tutto sembra funzionare correttamente. 

Uno dei punti di forza di IOTA è sempre stato il consumo energetico molto ridotto, con un numero molto elevato di transazioni eseguibili, senza costi di commissione. 

IOTA infatti è progettato per essere leggero, tanto che ad esempio un intero nodo Hornet può essere eseguito anche su dispositivi a bassa potenza come Raspberry Pis. Inoltre Chrysalis introduce un’ulteriore riduzione dei consumi energetici compresa tra il 33% e il 95%.

IOTA oltretutto non si basa su blockchain, ma su Tangle, ed è proprio questo che riduce enormemente i consumi energetici della rete nel suo complesso, pur garantendo prestazioni elevate. 

Ora bisognerà però vedere se il progetto sarà in grado di superare del tutto i problemi del passato, e reinventarsi come piattaforma di base economica e veloce per progetti di finanza decentralizzata.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.