banner
Elon Musk, le truffe crypto con il suo nome valgono $ 2 milioni
Elon Musk, le truffe crypto con il suo nome valgono $ 2 milioni
Sicurezza

Elon Musk, le truffe crypto con il suo nome valgono $ 2 milioni

By Eleonora Spagnolo - 20 Mag 2021

Chevron down

Le truffe crypto che hanno sfruttato nome e volto di Elon Musk sono costate agli utenti ben 2 milioni di dollari da ottobre 2020. È quel che rileva la FTC statunitense. 

La Federal Trade Commission ha raccolto infatti circa 7.000 denunce tra ottobre 2020 e marzo 2021 di altrettanti utenti rimasti vittime di truffe. In media ogni truffa è costata 1.900 dollari alla malcapitata vittima, per un totale di 80 milioni di dollari persi da chi è incappato nelle frodi. 

Purtroppo le truffe sono fin troppo comuni nel settore crypto. Nota a questo proposito la commissione: 

“Le truffe sugli investimenti in criptovaluta assumono una varietà di forme, a volte iniziando come offerte di “consigli” o “segreti” di investimento nelle bacheche online che portano le persone a siti web di investimento fasulli. Un’altra forma comune di truffa coinvolge la promessa che una celebrità associata alla criptovaluta moltiplicherà qualsiasi criptovaluta che si invia al loro portafoglio e la invierà indietro. Infatti, i consumatori hanno riferito di aver perso più di 2 milioni di dollari solo per gli imitatori di Elon Musk da ottobre”.

Il rapporto rivela anche che la fascia di età che cade vittima di queste truffe è compresa tra i 20 e i 49 anni In particolare, nei sei mesi presi in esame, sono coloro che hanno tra i 20 e i 30 anni i più penalizzati. Secondo la FTC, hanno perso molti più soldi con le truffe crypto che in altri tentativi. 

Le truffe crypto con il volto di Elon Musk

Elon Musk è certamente uno dei volti più popolari del settore delle criptovalute. I tweet del CEO di Tesla riescono a smuovere il mercato come pochi altri fattori. Per questo è seguitissimo sui social. 

Ma basta imbattersi nei commenti sotto ad ogni tweet per trovare account con il suo nome (o spesso con quello di Tesla) e una icona che somiglia alla spunta blu che propone queste truffe. 

Di solito i post sono abbastanza identici: viene proposto un giveaway in criptovalute, per cui l’utente che invia una certa cifra se ne vedrà restituire il doppio. Purtroppo, come dimostra anche l’analisi della FTC, in tanti ci credono e inviano i loro soldi.

Eppure, basterebbe fare un controllo superficiale. Per prima cosa, bisognerebbe verificare se l’account è effettivamente quello di Elon Musk. Oltre al nome bisogna leggere il tag che ovviamente non è mai quello ufficiale (@elonmusk o @Tesla). Ma il consiglio che è sempre valido è che bisogna sempre diffidare di chi promette di regalare denaro o criptovalute. Di solito sta mentendo, soprattutto se chiede di inviargliene un po’ in anticipo. 

Poi ci sono anche le truffe ben congegnate. È il caso del Twitter hack di luglio 2020, quando tre ragazzi riuscirono a impossessarsi degli account verificati di personaggi celebri, tra cui proprio Elon Musk, e persino Barack Obama, avviando un giveaway. I truffatori raccolsero in questo modo oltre 100.000 dollari ma poi furono rintracciati e arrestati.

Anche in questo caso però vale il consiglio precedente: mai fidarsi di chi regala denaro o criptovalute.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.