“;}
?>

Bitcoin: profittabilità del mining in netta crescita
Bitcoin: profittabilità del mining in netta crescita
Mining

Bitcoin: profittabilità del mining in netta crescita

By Marco Cavicchioli - 8 Lug 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Dopo il recente aggiustamento della difficulty, la profittabilità del mining di Bitcoin è aumentata. 

Grazie a ciò, le entrate dei miner sono aumentate del 50% negli ultimi 4 giorni. 

Il 27 giugno, ovvero sei giorni prima dell’aggiustamento della difficulty, si è verificato il picco minimo di profittabilità di tutto il 2021, a 0,17$ al giorno per THash/s, ma il giorno stesso dell’aggiustamento era già salita a 0,37. Ora si sta assestando più o meno attorno agli 0,3$. 

L’aggiustamento di sabato è stato del -28%, ovvero una delle maggiori riduzioni di sempre, dovuta allo stop del mining in Cina. 

Basti pensare che il 13 maggio fu toccato il picco massimo dell’hashrate del mining di Bitcoin a quota 197 Ehash/s, mentre il giorno dell’aggiustamento era sceso sotto quota 80, ovvero meno della metà. 

Da allora l’hashrate è risalito sopra quota 90 Ehash/s, tanto che il block-time di Bitcoin è tornato vicino ai 10 minuti. 

Il crollo dell’hashrate verificatosi tra maggio e giugno è dovuto alla chiusura forzata delle mining farm cinesi, ed ha fatto impennare il block-time fino addirittura ad un picco massimo oltre i 24 minuti il 27 giugno. 

Un tale picco non si vedeva addirittura dal 2009, ovvero l’anno di creazione di Bitcoin, pertanto ciò che è accaduto tra maggio e giugno al mining di Bitcoin può essere tranquillamente definito “epocale” per Bitcoin stesso. 

Il mining di Bitcoin privo della Cina

In particolare ad essere epocale più che altro è l’uscita, storica, della Cina dal mining di Bitcoin, visto che le mining farm nel loro complesso erano le protagoniste principali in questa attività. 

I numeri certificano sia quanto ampio e profondo sia stato questo passaggio, sia quanto sia stato veloce. 

Infatti quello che avrebbe potuto essere un enorme problema, si è risolto nel giro di poche settimane grazie agli aggiustamenti automatici della difficulty che hanno riportato tutto alla normalità, anche con un hashrate più che dimezzato in poco più di un mese. 

La difficulty del mining di Bitcoin si aggiusta in automatico ogni circa due settimane, in modo da consentire al block-time di rimanere più o meno costantemente attorno ai 10 minuti. Il picco del 27 giugno era completamente fuori da ogni norma, ma fortunatamente era giunta l’ora in cui il protocollo di Bitcoin si doveva autoregolare per risolvere il problema automaticamente, ed alla radice. Così è stato, come sempre, e Bitcoin ha ripreso a funzionare come se nulla fosse.

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.