banner
Coinbase: nuovo acquisto da $500 milioni in crypto
Coinbase: nuovo acquisto da $500 milioni in crypto
Exchange

Coinbase: nuovo acquisto da $500 milioni in crypto

By Stefania Stimolo - 20 Ago 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Coinbase ha rivelato oggi di voler e poter eseguire un nuovo acquisto da 500 milioni di dollari in crypto, aggiungendo che il 10% di tutti i profitti futuri saranno nuovamente investiti in criptovalute.

A dare l’annuncio sul social Twitter è stato proprio il CEO di Coinbase, Brian Armstrong:

“Abbiamo recentemente ricevuto l’approvazione del consiglio di amministrazione per acquistare oltre 500 milioni di dollari di crypto sul nostro bilancio da aggiungere alle nostre partecipazioni esistenti. E investiremo il 10% di tutti i profitti in futuro in crypto. Mi aspetto che questa percentuale continui a crescere nel tempo con la maturazione della cryptoeconomy. Speriamo che nel tempo possiamo operare più del nostro business in crypto – oggi è ancora un mix”.

Non solo, secondo quanto riportato sul blog ufficiale di Coinbase, l’intenzione di questo sostanzioso investimento da parte dell’exchange leader degli Stati Uniti sembra quello di voler affermare la visione di voler operare solo in crypto e di non usare più le valute fiat.

Coinbase e la nuova politica di investimento in crypto

Quotata al Nasdaq dal 14 aprile 2021 e con oltre 68 milioni di utenti verificati, Coinbase è un colosso prezioso per l’adozione di massa delle criptovalute.

Non solo, la piattaforma lamenta che tutte le operazioni finanziarie aziendali come pagare i fornitori, dipendenti, o investire il denaro aziendale, rimangono ancora pesantemente ponderate in fiat.

Ecco perché la decisione di aggiornare questa politica di investimento massiccio nelle crypto sembra possa diventare l’esempio perfetto per spingere la crypto economy anche nelle pratiche aziendali. 

A tal proposito, Coinbase descrive quanto segue:

“Ci siamo impegnati a investire 500 milioni di dollari della nostra liquidità ed equivalenti di cassa. In futuro, assegneremo anche il 10% del reddito netto trimestrale in un portafoglio diversificato di criptovalute. Questo significa che diventeremo la prima società quotata in borsa a detenere Ethereum, asset Proof of Stake, token DeFi, e molti altri asset crypto supportati per il trading sulla nostra piattaforma, oltre al Bitcoin, sul nostro bilancio.”

L’idea è proprio quella di aumentare le allocazioni di Coinbase in crypto nel tempo.

Una vera strategia di investimento di lungo termine quella del crypto-exchange così descritta:

“I nostri investimenti saranno continuamente distribuiti su una finestra pluriennale utilizzando una strategia di media del costo del dollaro. Siamo investitori a lungo termine e cederemo solo in determinate circostanze, come la cancellazione di un asset dalla nostra piattaforma.”

La posizione del crypto-exchange leader degli USA

Coinbase ha anche spiegato di voler sostenere gli stakeholder del titolo COIN.

A inizio di questo mese, è stato pubblicato un outlook negativo per COIN proprio perché rapportato al bear market vissuto dalle crypto. In quel momento la stima era quella di vedere il titolo scendere a 210$. 

E invece, la lettera inviata agli stakeholders da Coinbase la settimana successiva, con i dati relativi al secondo trimestre, non sembra voler rispecchiare tale previsione.

Il Q2 di Coinbase ha generato 2 miliardi di dollari di revenue con aumento del 26% rispetto al primo trimestre, solo per il revenue delle transazioni retail.

Anche le entrate da transazioni istituzionali hanno visto un +20% rispetto il trimestre precedente, mentre ricavi e abbonamenti sono cresciuti dell’82%.

Al momento della scrittura, COIN vale 248$, ben lontana dalla previsione stimata di 210$ ma anche a -24% dal suo valore iniziale di lancio.

Il massiccio investimento di Coinbase di oggi potrebbe rappresentare una buona strategia per rivalutare dunque la piattaforma da entrambi i lati. L’annuncio, infatti, avviene proprio il giorno dopo che la stessa piattaforma ha lanciato i suoi servizi in Giappone, fissando una partnership con Mitsubishi UFJ Financial Group (MUFG), una delle più grandi banche del paese con 40 milioni di clienti.

 

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.