Cardano: “Non regaleremo mai ADA”
Cardano: “Non regaleremo mai ADA”
Sicurezza

Cardano: “Non regaleremo mai ADA”

By Patryk Karter - 20 Set 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

La blockchain fondata da Charles Hoskinson è spesso presa di mira dalle truffe giveaway

Non regaleremo mai ADA”, è una delle frasi più ripetute dal fondatore di Cardano, Charles Hoskinson.

Nonostante ciò ci sono ancora vittime che sperano di essere irrealmente fortunate. A dire il vero, le truffe stanno diventando sempre più sofisticate e sta agli individui imparare a riconoscerle e segnalarle.

Cardano non regalerà mai ADA

Sul suo canale YouTube, Charles ha spesso affrontato in modo diretto l’argomento delle truffe Giveaway, ecco un video di un paio di mesi fa:

La sua frustrazione è abbastanza evidente

“Se ci cascate, perderete i vostri ADA. Questi sono criminali, sono truffatori. Queste sono persone che stanno cercando di derubarvi. Usate un po’ di dannato buon senso. Le cose non si ottengono gratis, non si ottengono in cambio di niente. Io non posso farci niente. Potremmo fare causa a YouTube come sta facendo Steve Wozniak e come sta facendo Ripple e potremmo trovarci in anni di battaglie legali e forse vincere una vittoria di Pirro, ma poi appariranno mille altri truffatori, continueranno a farlo finché voi continuerete a mandare i vostri soldi. Di nuovo, NOI NON REGALEREMO MAI ADA! È una truffa, è sempre una truffa, è sempre stata una truffa”.

Aggiunge poi che continua a ricevere e-mail da persone che sono arrabbiate con lui perché hanno inviato ADA senza riceverne di più indietro.

Come funzionano queste truffe?

Di solito appaiono sul web in varie forme. Per esempio, i truffatori potrebbero appropriarsi di un canale YouTube con un numero sostanziale di iscritti e visualizzazioni, e poi andare in diretta. I creatori del livestream di solito prendono filmati da famosi influencer di criptovalute e aggiungono alcune informazioni su un allettante giveaway.

A prima vista, il volto di Vitalik Buterin, Charles Hoskinson o anche Elon Musk in combinazione con un grande pubblico e molti commenti positivi (falsi), creano l’illusione di un vero giveaway.

Spesso c’è anche una quantità limitata di criptovalute disponibili, il che mette sotto pressione le vittime che seguono le istruzioni e inviano le loro criptovalute all’indirizzo visualizzato sul livestream. Poi aspettano che il doppio o anche il triplo delle crypto che hanno inviato appaiano di nuovo nei loro portafogli. Naturalmente, si rendono presto conto della loro ingenuità.

Cardano Ada
Cardano non regala Ada

I possessori di crypto non sono le uniche vittime

Come accennato in precedenza, i canali di YouTube, a volte anche non legati alle criptovalute, vengono rubati ai loro proprietari. Questo è stato il caso di “LostMines”, che è stato rinominato “Cardano (ADA)”. La cosa divertente è che questo canale è stato creato nel 2007, ancora prima del lancio di Bitcoin, quindi è evidentemente impossibile che sia un canale ufficiale di Cardano.

Un fan di LostMines ha inviato una e-mail piena di rabbia direttamente a Charles Hoskinson:

Identità decentralizzata per contrastare le truffe

Lo spazio crypto è ancora un wild west e i truffatori ne stanno approfittando. Tuttavia, ci sono già alcune soluzioni in fase di sviluppo che potrebbero contrastare questo problema

C’è Atala PRISM, una soluzione di identità decentralizzata che è in fase di sviluppo su Cardano. Consentirebbe alle persone di possedere i loro dati personali e di interagire con le organizzazioni in maniera uniforme, privata e sicura.

Questa soluzione permetterebbe anche alle persone di firmare i loro messaggi o video con la loro identità, certificando che sono loro a mettere le informazioni online. Ovviamente, sarebbe anche compito degli utenti di verificare. Come sempre:

“Don’t trust. Verify” (Non fidatevi. Verificate).

 

Patryk Karter

Appassionato di nuove tecnologie, nutrizione e filosofia, Patryk passa le giornate ad esplorare l'infinito universo del web. Si sposta a Londra dopo aver vissuto la maggior parte della sua vita a Roma. Tenta la vita da studente di Informatica presso il King's College of London ma capisce presto che non è la strada per lui, invece decide di investire il suo tempo e denaro nel mondo della Blockchain e nel frattempo completare corsi universitari disponibili sul web. Ora si occupa di trading e svolge dei lavori come freelancer.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.