Oro: boom di acquisti per le banche centrali 
Oro: boom di acquisti per le banche centrali 
News dal Mondo

Oro: boom di acquisti per le banche centrali 

By Marco Cavicchioli - 13 Ott 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Nei primi otto mesi del 2021 le banche centrali hanno aumentato le loro riserve di oro di oltre 360  tonnellate. 

L’ascesa dell’oro post pandemia

Lo rivelano i dati del World Gold Council, secondo cui la maggior parte degli acquisti si sono verificati ad aprile, ed hanno poi rallentato ad agosto, ma rimanendo comunque abbastanza elevate. 

Durante l’intero anno precedente il totale degli acquisti non aveva superato le 264 tonnellate, quindi in soli otto mesi quest’anno gli acquisti sono già stati superiori del 36%. 

Nel corso del 2019 però erano state acquistate 707 tonnellate, in particolare da Cina (96 t), Russia (158 t) Turchia (125 t) e Polonia (100 t). 

Quest’anno, fino ad ora, i maggiori acquisti sono stati effettuati da Thailandia (90 t), Giappone (80 t), Ungheria (63 t) e Brasile (62 t), seguiti da India e Uzbekistan con più di 40 tonnellate a testa. 

Rispetto all’incremento medio nei primi sei mesi dell’anno degli ultimi 5 anni, l’incremento del 2021 è stato del 39%, ovvero decisamente significativo. 

Ad un prezzo attuale di quasi 57.000$ al kilo, 360 tonnellate avrebbero un costo di oltre 20 miliardi di dollari. Molto meno sia del market cap complessivo dell’oro, sia del valore complessivo delle valute fiat in circolazione nel mondo. 

oro
Riserve d’oro contro inflazione mondiale

Thailandia e riserve d’oro post pandemia

La Thailandia è stata colpita duramente dalla pandemia, in particolare a causa del collasso del turismo. Questo potrebbe aver spinto la sua Banca Centrale ad aumentare le sue riserve di oro per far fronte ad eventuali crisi monetarie. 

Da notare che nel corso dell’anno il baht thailandese ha perso quasi il 10% del proprio valore rispetto al dollaro americano, tornando ai livelli di quattro anni fa, dopo tre anni di crescita. 

L’India è da tre anni che acquista continuamente grandi quantità di oro. Tanto che in totale dal 2019 ha già incrementato le sue riserve di 118 tonnellate, ovvero il 20% di quante ne possedeva a fine 2018. Ad oggi le sue riserve in oro sono pari al 6,4% del valore delle riserve valutarie complessive. 

Il maggior incremento in percentuale del 2021 lo ha fatto l’Ungheria, che con 63 tonnellate aggiunte ha triplicato le proprie riserve. Pur facendo parte dell’Unione Europea, l’Ungheria non ha adottato l’euro, ed utilizza il suo fiorino che, nel corso del 2021, ha perso quasi il 5% del proprio valore sul dollaro.

Banche centrali, oro e coperture contro l’inflazione

Il calo più significativo però si è verificato a partire da giugno, con una perdita di quasi il 9%. L’acquisto di oro però è stato fatto interamente a marzo, contemporaneamente ad una perdita lampo di quasi il 5% del valore del fiorino rispetto al dollaro in poco più di una settimana. 

La Russia sta effettuando continui acquisti di oro fin dal 2012. I dati della Cina si fermano invece al 2019, sebbene molti analisti ritengano che abbia continuato ad acquistare anche negli anni successivi. 

È possibile che il boom di acquisti di quest’anno sia una conseguenza della riduzione di acquisti verificatasi l’anno scorso. Potrebbe anche però essere dovuto agli stimoli monetari e fiscali erogati per fare fronte alla pandemia. 

In quest’ottica le banche centrali acquisterebbero oro per coprirsi dai rischi dovuti all’inflazione. 

Nonostante ciò il prezzo dell’oro non è aumentato. Nel corso del 2021 è sceso del 7%, tornando ai livelli di giugno 2020. E’ nettamente più elevato rispetto a quello pre-Covid, grazie ad una crescita complessiva dell’11% fino ad oggi. Rispetto a cinque anni fa la crescita è stata del 41%. 

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.