Chiude il primo exchange turco di criptovalute Coinzo
Chiude il primo exchange turco di criptovalute Coinzo
Blockchain

Chiude il primo exchange turco di criptovalute Coinzo

By Vincenzo Cacioppoli - 14 Ott 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Coinzo il primo exchange di criptovalute turco con oltre 50 milioni di dollari di transazioni giornaliere ha comunicato lunedì la cessazione della sua attività di trading.

Coinzo supporta gli utenti della piattaforma

La società comunica che lascerà online la piattaforma per sei mesi, senza però la possibilità di effettuare compravendita di criptovalute. Questo solo per dare la possibilità ai propri utenti di ritirare i soldi. Non vengono date ulteriori spiegazioni sui motivi che hanno indotto l’exchange a prendere una simile decisione.

“Il nostro team di supporto continuerà a fornire soluzioni ai problemi dei nostri utenti durante questo processo”, scrive sul proprio sito Coinzo, assicurando che “tutte le lire turche e le criptovalute appartenenti ai nostri utenti sono al sicuro”.

Le partecipazioni in criptovaluta inferiori al limite minimo di prelievo verranno accreditate sui conti degli utenti in lire turche entro una settimana dall’annuncio. 

Questa chiusura segue di pochi mesi quella di altri due grandi exchange turchi, Thodex e Vebitcoin. La chiusura di questi due exchange è stata la conseguenza della decisione della Banca Centrale turca, che ha vietato l’uso di criptovalute.

D’altra parte a settembre il premier turco Erdogan era stato molto duro con le criptovalute, affermando senza mezzi termini che il paese non supporterà mai le criptovalute.

Coinzo
Coinzo

Turchia e criptovalute

Le dichiarazioni di settembre del premier turco rappresentano un atteggiamento piuttosto contradditorio del Paese verso il mondo delle criptovalute. Da tempo la Banca Centrale ha allo studio un  progetto in stato avanzato di una sua valuta digitale. La stessa Banca Centrale ad inizio aveva posto il divieto di utilizzare le criptovalute come forma di pagamento ed aveva messo una stretta ai principali exchange del Paese. Questo per evitare possibili collegamenti con il riciclaggio di denaro.

Secondo i dati di Chainalysis il Paese turco vanta il più alto tasso di transazioni su criptovalute del medio oriente, segno tangibile della loro diffusione fra la popolazione locale. Nel 2020 sarebbero circa 5 milioni i turchi che possiedono o investono in criptovalute. Da aprile 2020 a giugno 2021 le transazioni in criptovalute sono salite del 600%.

I problemi di Thodex

Su questo entusiasmo verso le criptovalute si sono abbattuti nei mesi alcuni scandali legati ad exchange e società crypto, come per esempio quello di Thodex.

Uno degli exchange più vecchi del Paese, fondato nel 2017, ha interrotto la sua operatività senza dare ulteriori spiegazioni.  Nei giorni successivi la procura turca ha effettuato 62 arresti e spiccato un mandato di cattura internazionale per il fondatore dell’exchange, Faruk Fatih Ozer, volato forse in Albania o Thailandia, con il forte sospetto che abbia fatto sparire 2 miliardi di dollari dei propri utenti.

Questo fatto ha convinto la Banca Centrale a mettere una pesante stretta al mercato delle criptovalute. Anche altri exchange hanno così deciso di interrompere la propria attività, come annunciato lunedì anche da Coinzo.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.