Dove può arrivare Bitcoin: le previsioni dei “big”
Dove può arrivare Bitcoin: le previsioni dei “big”
Blockchain

Dove può arrivare Bitcoin: le previsioni dei “big”

By Eleonora Spagnolo - 19 Ott 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

BTC raggiungerà i 200.000 dollari, anzi no. In questi giorni le previsioni sul prezzo di Bitcoin fioccano. L’entusiasmo per il raggiungimento (visto come imminente) di un nuovo record storico, si accompagna alla paura di possibili e repentine inversioni di tendenza. 

Gli esperti e i big del settore stanno avanzando le loro ipotesi.

La previsione di Raoul Pal: Bitcoin a 400.000 dollari

Secondo Raoul Pal, CEO di Real Vision e di Global Macro Investor, siamo nel bel mezzo di una bull run in cui BTC può anche arrivare a 400.000 dollari. 

Anzi, ha detto durante un’intervista con Anthony Pompliano che ritiene che a fine anno BTC può valere 200.000 dollari, mentre al culmine di questo ciclo, sarà addirittura raddoppiato: varrà 400.000 dollari. 

Ethereum invece raggiungerà rispettivamente 15.000 e 40.000 dollari. In proporzione, la crescita di ETH sarebbe decisamente maggiore rispetto a BTC. 

Bitcoin record
Bitcoin nuovo record

Bitcoin a 100.000 dollari con gli ETF

Secondo Forbes, il lancio degli ETF su Bitcoin dovrebbe portare il prezzo a 100.000 dollari. In realtà il primo ETF basato su futures Bitcoin è stato lanciato proprio oggi da ProShares sul NYSE. Le reazioni del mercato però sono state tiepide. 

Bitcoin infatti è a 62.200 dollari, in aumento del 2% sulle 24 ore, ad un passo dal nuovo all-time high. Tuttavia, il debutto degli ETF ha portato cifre verdi, ma non il rally tanto atteso. Per ora. 

Scott Minerd: “basta investire in Bitcoin”

Chi non ha mai indovinato previsioni sembra essere Scott Minerd, CIO di Guggenheim Investments. A dicembre aveva detto che Bitcoin avrebbe raggiunto i 400.000 dollari. A febbraio era convinto che BTC potesse arrivare a 600.000 dollari. A giugno, quando BTC si era dimezzato rispetto al suo record storico di 65.000 dollari, aveva ipotizzato un crollo a 15.000 dollari.

Nei giorni scorsi, in un’intervista con CNBC, si è arreso: 

“L’unica cosa che ho imparato anni fa come trader di obbligazioni, quando non capisci cosa sta succedendo, esci dal mercato. Quindi la disciplina mi dice che ora non capisco appieno la situazione”.

E infatti Guggenheim sembra non avere più investimenti in BTC

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.