L’ETF su Futures Bitcoin di Valkyrie debutta al Nasdaq
L’ETF su Futures Bitcoin di Valkyrie debutta al Nasdaq
Bitcoin

L’ETF su Futures Bitcoin di Valkyrie debutta al Nasdaq

By Eleonora Spagnolo - 22 Ott 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Un altro ETF basato su futures bitcoin sta per debuttare al Nasdaq: è quello di Valkyrie che dovrebbe essere quotato a partire da oggi, 22 ottobre. 

La notizia è stata confermata anche dal CEO Leah Wald in un’intervista a CNBC

L’ETF su Bitcoin di Valkyrie

Questo nuovo ETF che debutterà al Nasdaq avrà come ticker BTF e si augura di replicare lo stesso successo avuto dal precedente ETF di ProShares (che invece è quotato al NYSE). La SEC ha finalmente dato il via libera anche a questo prodotto, che come quello di ProShares, ha come sottostante i future su Bitcoin.

Lunedì, si aggiungerà anche l’ETF di VanEck che farà il suo debutto sui mercati.

Il prezzo di Bitcoin si sgonfia

Nel frattempo, dopo la sbornia dello scorso 20 ottobre che ha portato Bitcoin ad un nuovo record storico, il prezzo di Bitcoin oggi sembra in affanno. BTC è tornato sotto quota 64.000 dollari e oggi perde il 4%.

Bisognerà attendere l’apertura dei mercati statunitensi per vedere se le vendite del nuovo ETF di Valkyrie potranno avere un impatto anche nel prezzo di Bitcoin.

ETF Futures Bitcoin Valkyrie
Almeno tre ETF su Bitcoin si contendono il mercato degli investitori istituzionali

La competizione tra ETF

Negli Stati Uniti, fino ad una settimana fa, non c’era alcun ETF su Bitcoin. Nel giro di pochi giorni si è registrato il debutto di quello di ProShares, poi il lancio di Valkyrie e per lunedì è atteso anche  VanEck. Questo vuol dire che ci sarà potenzialmente molta concorrenza.

Per l’exchange Huobi questo porterà le aziende coinvolte a competere sui costi di commissione, che potrebbero fare la differenza. Più le fee saranno ridotte, più investitori entreranno sul mercato, cercando esposizione in BTC a costi minimi.

Molti istituzionali potranno entrare in un mercato che ora ha delle garanzie. Infatti, a differenza del comune acquisto di BTC sugli exchange, gli ETF approvati dalla SEC hanno come sottostante i future su Bitcoin, che sono quotati al CBOE o al CME, entrambi regolamentati dalla CFTC, il che è una garanzia. Spiegano da Huobi :

“Questo significa anche che gli investitori istituzionali dovranno affrontare meno opposizione da parte dei loro consigli e LP quando investiranno in questi ETF futures. In breve, vedremo sempre più interesse degli investitori istituzionali nelle criptovalute e nei prodotti legati alle criptovalute, il che aiuterà a guidare il mercato in futuro”. 

Arriverà anche un ETF spot su Bitcoin?

Resta però una domanda: la SEC approverà mai un ETF basato su Bitcoin e non sui futures? Secondo Huobi, la strada è tracciata:

“I mercati futures e spot sono intrinsecamente legati l’uno all’altro, e i dati del Proshares futures ETF e di altri ETF possono fornire indicazioni che rendono più facile per la SEC approvare gli ETF spot in futuro”.

Per il CEO di Valkyrie Leah Wald è probabile che questo tipo di ETF saranno approvati nel 2022. Quindi tanto vale concentrarsi sulla tendenza del momento: gli ETF basati sui futures di Bitcoin.

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.