Edward Snowden usa Zcash
Edward Snowden usa Zcash
Altcoin

Edward Snowden usa Zcash

By Marco Cavicchioli - 22 Nov 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Ieri Edward Snowden ha dichiarato esplicitamente e pubblicamente di usare Zcash. 

Perché Edward Snowden supporta ZCash

Snowden è famoso per le sue lotte a favore della libertà e dell’accesso libero e pubblico alle informazioni, quindi non stupisce questo suo endorsement a Zcash. 

Zcash infatti è una di quelle criptovalute definite “ad alto livello di privacy”, perché consente di criptare le informazioni contenute nella sua blockchain pubblica. In particolare consente di non rendere leggibili pubblicamente gli importi delle transazioni e gli indirizzi di mittente e destinatario, nonostante le transazioni vengano registrate sulla sua blockchain pubblica. 

Snowden vs Zucco: problemi di privacy

Ieri Giacomo Zucco ha accusato su Twitter Snowden di aver appoggiato Zcash nonostante si tratti a suo parere di una “garbage-coin” centralizzata, e di essersi schierato ingiustamente contro la mancanza di privacy di Bitcoin. 

Snowden ha risposto affermando invece di ritenere Zcash una blockchain decentralizzata e funzionale, con uno scopo specifico: consentire transazioni private. 

Ha anche aggiunto che ammira Zcash perché ha dimostrato cosa potrebbero fare concretamente le criptovalute per aiutare i cittadini, ribadendo la sua critica a Bitcoin per quanto riguarda “il suo enorme problema di privacy on-chain”.

Edward Snowden
Edward Snowden

Ha scritto: 

“Quello che voglio vedere è un mondo in cui chiunque può pagare qualsiasi cosa, ovunque e in qualsiasi momento. Ciò non accade senza privacy”.

Zucco ha però poi sottolineato che Zcash in realtà è un progetto gestito da una società centralizzata con sede negli Stati Uniti, che addirittura minaccia di citare in giudizio le persone che usano il loro logo. Inoltre ha definito Zcash

 “una shitcoin con “tasse” centralizzate integrate e molte bandiere rosse come possibile honeypot di privacy”.

Il punto è che Zucco, noto massimalista di Bitcoin, sostiene che Bitcoin sia realmente decentralizzato, a differenza di Zcash, e che consenta anche una certa protezione della privacy, se si utilizzano gli strumenti giusti (mixer, LN, eccetera). 

La privacy di Bitcoin

A tal proposito va ricordato che dietro Bitcoin non c’è alcuna singola azienda, ma molte società che contribuiscono indipendentemente con i loro sviluppi. Inoltre il livello di privacy raggiunto ad esempio con LN è persino maggiore di quello delle privacy-coin, visto che le transazioni non vengono registrate sulla blockchain pubblica, e grazie all’aggiornamento Taproot è anche possibile rendere indistinguibili le transazioni di apertura e chiusura di canali LN. 

Questo conflitto tuttavia non è destinato ad esaurirsi tanto in fretta, anche perchè va avanti da anni, con i massimalisti Bitcoin che molto difficilmente accetteranno di riconoscere ad altri progetti crypto meriti maggiori rispetto a quelli di Bitcoin.

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.