Risk-off anche per Bitcoin: tensioni sui mercati
Risk-off anche per Bitcoin: tensioni sui mercati
Bitcoin

Risk-off anche per Bitcoin: tensioni sui mercati

By Eleonora Spagnolo - 20 Dic 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Dopo gli annunci della Fed che ha dato il via al tapering, da giorni Bitcoin è in ribasso e anche per la regina delle criptovalute si parla di “risk-off”. 

Cos’è il risk-off

Risk-off è un termine usato di più nel mercato azionario che nel mercato crypto. Indica la presenza di forti tensioni economiche, politiche o finanziarie che portano gli investitori a scommettere su beni a basso rischio. In questo caso avvengono forti uscite di liquidità dai mercati azionari, in particolare tra gli asset più rischiosi, per spostarsi su beni considerati sicuri tra cui oro, bund tedeschi e valute quali il franco svizzero o lo yen giapponese.

Se Bitcoin fosse l’oro digitale, se ne dovrebbe dedurre un aumento anche della sua capitalizzazione, ma questo non sta avvenendo, anzi il prezzo di BTC è al ribasso. 

Le tensioni risk-off su Bitcoin

Bitcoin in questi giorni sta risentendo come i mercati azionari delle scelte della Fed. La banca centrale degli Stati Uniti ha dato il via al tapering, ovvero alla progressiva riduzione degli stimoli economici che hanno sorretto l’economia in questi quasi due anni di pandemia.

Il punto è che la variante Omicron sta sparigliando di nuovo le carte e sta lasciando i mercati e gli investitori in un contesto di forte incertezza.

variante Omicron mercati
La variante Omicron genera incertezza sui mercati

In diverse nazioni si sta facendo sempre più concreta l’ipotesi di ricorrere a nuovi lockdown, con inevitabili conseguenze sull’economia. Si teme anche che i vaccini non possano fermare più di tanto il diffondersi della nuova variante del Covid-19.

Come se non bastasse, negli USA il piano sociale da 1,7 miliardi di dollari, il Build Back Better, ha subito un brusco stop al Senato per via del democratico Joe Manchin, che ha messo in discussione i contenuti della proposta.

A tutto questo si aggiunge un altro fattore che sta causando tensioni e cioè il taglio del loan prime rate da parte della banca centrale cinese. 

La misura servirebbe a dare maggiore liquidità al sistema bancario ma i mercati l’hanno interpretata come un segnale di rallentamento della ripresa economica. 

Bitcoin e mercati azionari oggi

In questo contesto, le borse asiatiche hanno chiuso in ribasso, con Tokyo che ha ceduto il 2,13%, Hong Kong perde l’1,93%.

Sui mercati europei Milano cede l’1,90% come Francoforte, mentre Londra cede l’1,11% e Zurigo poco più dell’1%.

Dopo i cali di venerdì, si attende ora la reazione delle borse USA.

Più marcate le perdite delle criptovalute.

Bitcoin perde il 3,2% e si porta a 45.700 dollari, Ethereum cede il 4% e si porta a 3.780 dollari. Tra le prime 10 per capitalizzazione di mercato, solo XRP e Terra si muovono in territorio positivo, poco sopra la parità.

Segno di un nervosismo che ha travolto anche i mercati delle criptovalute.

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.