Wall Street, frenata per i titoli tech
Wall Street, frenata per i titoli tech
News dal Mondo

Wall Street, frenata per i titoli tech

By Eleonora Spagnolo - 14 Gen 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

“Buy the dip”, il detto che è spesso applicato nel campo delle criptovalute, vale anche per Wall Street e per i titoli tech. Dopo i cali dei giorni scorsi infatti sono tornati gli acquisti, ma ieri si è registrato un nuovo stop per il Nasdaq.

La ripresa dopo le parole di Powell

A trascinare la ripresa dei titoli su Wall Street anche le parole del presidente della Fed Jerome Powell. Nel corso di un’audizione nei giorni scorsi in Senato, Powell ha spiegato come la Federal Reserve intende affrontare l’attuale scenario economico, ha anticipato l’aumento dei tassi di interesse per contrastare l’inflazione e ha anche annunciato la fine del tapering entro marzo.

In pratica, per l’economia degli Stati Uniti si avvicina il ritorno alla normalità dopo la crisi pandemica. Non che il Covid-19 sia definitivamente sconfitto, perché negli Stati Uniti circola la variante Omicron, ma secondo Powell porterà ad un rallentamento della crescita, ma non ad una nuova retrocessione.

titolo Amazon
Le azioni di Amazon sono in calo

Le performance dei titoli tech a Wall Street

Come detto, i titoli tech a Wall Street sono stati protagonisti di una ripresa, che si è arrestata solo nella giornata di ieri. Il Nasdaq Composite ha perso il 2,51%. 

Tra i titoli peggiori ci sono Amazon che ha perso il 2,4%, Microsoft che ha perso il 4,2%, Nvidia ha accusato un calo di oltre il 5%. In ribasso anche Apple, Amazon, Meta, Netflix e Alphabet.

Mercati in attesa dei trimestrali delle banche

Oggi le borse europee hanno aperto al ribasso sulla scia dei cali registrati ieri a Wall Street, anche le borse asiatiche ne hanno risentito. A pesare ieri sulle borse statunitensi anche alcuni dati macroeconomici, come l’aumento dell’indice dei prezzi alla produzione, balzato del 9,7%.

Ora si attendono i dati trimestrali delle grandi banche USA. Saranno resi noti oggi i dati di Citigroup, JP Morgan e Wells Fargo. 

Intanto, i futures USA sono positivi dopo la chiusura negativa di ieri. Alle 11.30 circa ora italiana, i futures sul Dow Jones salgono dello 0,26% a 36.086 punti; i futures sullo S&P 500 avanzano dello 0,21% a 4.662 punti, mentre i futures sul Nasdaq crescono dello 0,11% a 15.505 punti (dati Lapresse).

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.