USA, nessuna regolamentazione speciale per le criptovalute
USA, nessuna regolamentazione speciale per le criptovalute
Regolamentazione

USA, nessuna regolamentazione speciale per le criptovalute

By Vincenzo Cacioppoli - 27 Gen 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Sono ormai mesi che Congresso, Fed e amministrazione americana parlano della necessità di una nuova regolamentazione per le criptovalute negli USA.

USA, regolamentazione delle criptovalute necessaria

A luglio il presidente della Fed Jerome Powell e il segretario del tesoro Janet Yellen avevano parlato della necessità di approvare in fretta una regolamentazione sul mercato crypto. Powell in particolare aveva parlato della urgenza in materia di regolamentazione delle stablecoin, la cui crescente diffusione potrebbe rappresentare un elemento di chiara destabilizzazione per i mercati finanziari tradizionali. 

In questo senso occorre anche aggiungere che per ora gli Stati Uniti non ritengono necessario impegnarsi in un progetto di CBDC di Stato, come affermato anche di recente dallo stesso presidente della Fed.

Powell li ha paragonati ai fondi del mercato monetario o ai depositi bancari, che hanno un forte quadro normativo negli Stati Uniti. 

“Questo non esiste per le stablecoin. E se diventeranno una parte significativa dell’universo dei pagamenti – cosa che non pensiamo lo saranno le criptovalute, ma potrebbero esserlo le stablecoin – allora abbiamo bisogno di un quadro normativo appropriato, che francamente non abbiamo”.

USA regolamentazione criptovalute
Nessuna regolamentazione crypto stringente in arrivo negli USA

La regolamentazione richiesta dagli stessi operatori

In un quadro ancora abbastanza incerto da parte delle autorità americane, molte sono le proposte di un quadro regolatorio da parte dagli stessi operatori del settore, come per esempio l’exchange Coinbase.

Secondo le stesse aziende del mondo crypto una precisa regolamentazione potrebbe favorire una sana crescita del mercato in generale, come ribadito a luglio dal team dell’ exchange americano Kraken.

Di recente la stessa Casa Bianca ha parlato espressamente della necessità di approvare in fretta una regolamentazione del mercato delle criptovalute e in particolare di quello delle stablecoin, per combattere il ransomware e altri crimini informatici. Nell’Infrastructure Bill di novembre è stato inserito un capitolo a parte dedicato al trattamento fiscale per il trading e lo scambio di criptovalute.

Alcuni stati americani si sono già mossi 

Mentre a livello centrale la situazione è ancora abbastanza confusa, e si cerca una soluzione condivisa che non abbia bisogno di particolari accorgimenti rispetto a quella adottata per il mercato tradizionale.

Alcuni stati federali hanno già  iniziato ad approvare alcune leggi regolatorie per il mercato delle criptovalute. 

Florida, Texas e Vermont hanno già adottato alcune leggi regolatorie su determinate attività legate alle criptovalute già dalla metà dello scorso anno.

La California di recente ha creato un Office of Financial Technology and Innovation, che assumerà un ruolo guida nella creazione di nuove regole specifiche proprio per il mercato  delle criptovalute. In questo modo il Golden State ha il chiaro obiettivo di incoraggiare l’innovazione favorevole ai consumatori e la creazione di posti di lavoro, oltre a reprimere le pratiche crittografiche criminali e irregolari.

 

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.