La Spagna toglie sanzioni per detenzione di criptovalute all’estero
La Spagna toglie sanzioni per detenzione di criptovalute all’estero
Regolamentazione

La Spagna toglie sanzioni per detenzione di criptovalute all’estero

By Vincenzo Cacioppoli - 14 Feb 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

In Spagna, il Ministero delle Finanze, due giorni fa, di concerto con il parlamento spagnolo, ha dato avvio alla modifica della “ley contra la fraude fiscal”, nella parte che si riferisce alla dichiarazione di bene all’estero nel modello 720 e 721. A luglio scorso il governo aveva imposto la dichiarazione nel detto modello anche a chi deteneva all’estero bitcoin e altre criptovalute. Il mese scorso una sentenza della Corte di giustizia Europea aveva dichiarato le dure sanzioni imposte dalla norma, in caso di inadempienze, come illegittime, imponendo al parlamento iberico di modificarle.

La dichiarazione delle criptovalute in Spagna

Il Parlamento spagnolo ha approvato un emendamento che semplifica la dichiarazione del modello 720, che obbligava i contribuenti a rivelare quali e quante criptovalute erano detenute al di fuori della Spagna. La norma prevedeva sanzioni pesanti per dati falsi, incompleti o anche solo inesatti. L’emendamento si impegnerebbe a togliere buona parte di queste sanzioni.

Il ministro delle Finanze, María Jesús Montero, ha difeso comunque la ratio della norma, considerando gli asset digitali a tutti gli effetti come beni e quindi da dichiarare nel modello che riguarda i beni posseduti dai contribuenti spagnoli all’estero.

L’emendamento dovrebbe entrare in vigore entro il 31 marzo prossimo, che è anche il termine ultimo imposto dalla Corte di giustizia Europea per la modifica della legge.

Spagna criptovalute
Cambiano le norme sulle criptovalute in Spagna

Secondo la precedente norma, i contribuenti spagnoli potevano  incorrere in sanzioni che arrivavano anche al 150% dei beni posseduti all’estero. Questa sanzione viene cancellata dal nuovo emendamento, mentre le sanzioni, che potevano arrivare anche ad un massimo di 10.000 euro, per dati forniti in maniera incompleta o inesatta vengono ridotte sensibilmente.

La dichiarazione del modello 720 spettava a tutti coloro che possedevano beni all’estero per un importo superiore ai 50.000 euro. La norma riferita alle criptovalute era piuttosto controversa sia per l’importo e sia soprattutto per la difficoltà nel considerare l’ubicazione geografica di un asset digitale come una criptovaluta. E queste sono state alcune delle considerazioni che hanno dato origine alla sentenza della Corte di giustizia Europea, che ha considerato il regime sanzionatorio come “estremamente repressivo”.

La Spagna contrasta le frodi crypto

La legge entrata in vigore ad ottobre del 2020 e mirava a contrastare le frodi e il riciclaggio era stata successivamente modificata a luglio proprio per inserire la nuova norma in materia fiscale per la detenzione di criptovalute all’estero

D’altra parte proprio in Spagna a Valencia, la Guardia Civil ha arrestato all’inizio dell’anno un 45enne accusato di essere uno dei maggiori truffatori in asset digitali d’Europa, a cui sono stati sequestrati beni per 2,5 milioni di euro.

Sempre a gennaio il governo spagnolo ha stabilito una rigida regolamentazione sulla pubblicità delle criptovalute, che è stata estesa anche agli influencer sui social. Secondo queste nuove regole ogni campagna promozionale legata al mondo delle criptovalute dovrà prima passare al vaglio della CNMV, la corrispondente spagnola della nostra CONSOB.

 

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.