Licenziamenti in vista per Robinhood
Licenziamenti in vista per Robinhood
News dal Mondo

Licenziamenti in vista per Robinhood

By Vincenzo Cacioppoli - 27 Apr 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il CEO di Robinhood, la celebre app per investimenti in borsa, ha comunicato che l’azienda sta per licenziare il 9% della sua forza lavoro.

Robinhood, licenziamenti del 9% delle risorse umane

robinhood risorse umane
Robinhood licenzia circa 300 persone a causa del calo delle performance

Il CEO di Robinhood, Vlad Tenev, ha annunciato martedì che avrebbe licenziato il 9% dei suoi dipendenti a tempo pieno. Il CEO ha giustificato questa mossa clamorosa affermando che in questo ultimo periodo sarebbero cambiate le abitudini dei propri utenti.

Tenev, in un post sul blog aziendale, afferma che:

“Stiamo anticipando e rispondendo ai cambiamenti nel modo in cui i nostri clienti investono, specialmente in questo periodo di conflitto globale, incertezza economica e alta inflazione.” 

Ha anche aggiunto che Robinhood sta dando la priorità alle “opportunità interne di automazione”, procedendo con una riduzione della forza lavoro non più necessaria.

La risposta del titolo in borsa

Le azioni della società quotata al Nasdaq hanno reagito alla notizia con un ribasso del 3,75% a circa 10 dollari, per un titolo che in un anno ha lasciato sul terreno oltre il 70% del suo valore e che era stato quotato a 38 dollari per azione.

D’altra parte come ha anche ribadito il CEO della società, Robinhood ha avuto un anno e mezzo di crescita esplosiva anche dopo che l’app si era resa protagonista del clamoroso caso di Gamestop lo scorso anno. 

Il caso ha visto la piattaforma di investimenti protagonista di una battaglia in borsa tra utenti di Reddit e fondi di investimento che scommettevano al ribasso sul titolo.

Ora, invece, complice anche la situazione incertissima a livello globale, a causa del conflitto in Ucraina e del riacutizzarsi della pandemia in Cina, la crescita di Robinhood sta rallentando. Durante il quarto trimestre del 2021, la società ha registrato un fatturato totale di 363 milioni di dollari, in calo rispetto ai numeri del secondo e terzo trimestre.

La scelta del licenziamento

Ecco allora che per la società arriva il momento di ridimensionarsi, cominciando con il ridurre la propria forza lavoro di circa 3400 dipendenti, con il licenziamento di circa 300 persone.

Nel suo post sul blog, Tenev ha spiegato come la grande crescita dell’azienda sia stata favorita dai lockdown, dai bassi tassi di interesse e dai pacchetti di stimolo fiscale dei governi di mezzo mondo.

Il CEO spiega che, grazie anche a questi fattori:

“La società ha aumentato i conti con fondi netti saliti da 5 milioni a 22 milioni e le entrate da  $ 278 milioni nel 2019 a oltre $ 1,8 miliardi nel 2021. Per soddisfare le richieste dei clienti e del mercato, abbiamo aumentato il nostro organico di quasi 6 volte da 700 a quasi 3800 in quel periodo di tempo.” 

Secondo gli analisti Robinhood nel primo trimestre dovrebbe fare peggio dell’ultimo trimestre del 2021, registrando una perdita di $0,36 per azione con un fatturato in flessione a $355,78 milioni.

La notizia giunge però inaspettata. Solo poche settimane fa Robinhood aveva annunciato che stava aggiungendo il supporto Lightning Network per le transazioni Bitcoin, aumentando ulteriormente la sua offerta in criptovalute.

A metà Aprile, Robinhood ha anche aggiunto nuove criptovalute alla sua piattaforma, consentendo agli utenti di acquistare Solana, Compound, MATIC di Polygon e Shiba Inu, l’ultimo dei quali ha visto i prezzi aumentare del 20% dopo essere stato quotato sulla piattaforma.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.