Temenos e Amazon Web Services (AWS) fanno squadra per migliorare prestazioni e costi
Temenos e Amazon Web Services (AWS) fanno squadra per migliorare prestazioni e costi
Fintech

Temenos e Amazon Web Services (AWS) fanno squadra per migliorare prestazioni e costi

By George Michael Belardinelli - 19 Mag 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Temenos e Amazon Web Services hanno deciso di fare squadra in modo da offrire tutto ciò che necessitano le banche e i grandi colossi finanziari come strumenti, archiviazione, potenza di calcolo, il tutto in modo sicuro ed affidabile. 

La nuova collaborazione tra Temenos e Amazon Web Services

La società Svizzera e Amazon Web Services (AWS) hanno ampliato la propria partnership per offrire l’adozione di Temenos e avviare soluzioni.

La collaborazione punta a dare la possibilità a tutte le banche retail e corporate, tradizionali e challenger di fornire soluzioni digitali con prestazioni superiori, scalabilità e sicurezza.

Questo permetterà alle banche maggiore versatilità riducendo il tempo delle operazioni e migliorando il cost income. 

AWS e Temenos entreranno sul mercato con soluzioni per il banking retail, business, corporate e privato, oltre che patrimoniale.

Le web solution delle banche

Il mondo della finanza è in continua evoluzione e per come sono strutturate le banche, basate su modelli a volte concepiti negli anni ‘50/’70, sono il vero tallone d’Achille di un sistema che non tiene il passo delle evoluzioni tecniche e della domanda con la giusta tempestività. 

A tal proposito le banche si sono evolute negli anni abbracciando le web solutions con progetti propri o acquistando software. La nuova offerta permette ad esempio di gestire portafogli online o il proprio conto corrente con Internet banking. 

Aumenta la domanda e la scalabilità

banche sistema finanziario
La nuova soluzione offerta da Temenos e AWS per il sistema finanziario

Il punto ora è che la domanda è in rapida evoluzione e così le innovazioni tecnologiche, la capacità di archiviare informazioni spesso sensibili e far fronte a nuovi mercati e strumenti finanziari come le crypto. 

L’83% delle aziende di servizi finanziari, interpellate in una ricerca da Google Cloud, afferma di implementare il cloud alle proprie infrastrutture informatiche primarie, in questo emerge che le banche americane sono leader in termini di utilizzo del cloud appunto. 

John Kain, capo del Financial Services Market Development di Amazon Web Services, ha dichiarato:

“Temenos offre soluzioni di digital banking cloud-native a migliaia di organizzazioni di servizi finanziari leader nel mondo e siamo entusiasti di espandere il nostro rapporto con loro. Combinando l’affidabilità, le prestazioni elevate e la sicurezza di AWS con le soluzioni di digital banking Temenos, possiamo offrire alle banche l’agilità aziendale di cui hanno bisogno per passare al cloud con fiducia e innovare più velocemente che mai”.

La nuova piattaforma scaturita dall’accordo pluriennale, può elaborare 100.000 transazioni al secondo e permette una fluidità delle operazioni mai vista prima grazie all’enorme potenza di calcolo e al cloud.

Il quadro che emerge dal World Payment Report

Secondo il World Payment Report redatto da Capgemini, entro il 2025 i pagamenti istantanei e l’e-money saranno più del 25% delle transazioni globali non-cash. Il dato è in forte aumento (14,5%) rispetto al 2020.

Il 45% degli utenti fa uso di wallet on line per fare pagamenti (più di 20 transazioni all’anno e +23% del 2020. Le transazioni globali non-cash nel B2B si stima che arriveranno a 200 miliardi entro il 2025. 

Per le operazioni non-cash a livello globale si stima che raggiungeranno un volume di 1,8 trilioni entro la fine del periodo 2020 – 2025.

A seguito del rimbalzo dei consumi del 2021 e della guerra in est Europa, instant payment, e-money, BNPL (Buy Now Pay Later), crypto, pagamenti invisibili e biometrici sono in aumento a due cifre oramai quasi da una decade. 

Monia Ferrari, direttore dei servizi finanziari di KPMG Italia, ha dichiarato:

“Con la progressiva diffusione di pagamenti digitali e tramite dispositivi mobili, le aziende del settore devono essere in grado di soddisfare le aspettative dei consumatori in termini di velocità e facilità d’uso. Per abbracciare la nuova era dei pagamenti, le banche devono costruire un ecosistema di partnership che consenta loro di stare al passo con i cambiamenti”.

George Michael Belardinelli

Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.