Beppe Grillo accusa di Maio di averlo tradito per 30 Bitcoin
Beppe Grillo accusa di Maio di averlo tradito per 30 Bitcoin
Bitcoin

Beppe Grillo accusa di Maio di averlo tradito per 30 Bitcoin

By Marco Cavicchioli - 29 Giu 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

L’ex comico Beppe Grillo, ora garante del Movimento 5 Stelle, oggi ha citato Bitcoin parafrasando il Vangelo e accusando Di Maio di averlo tradito.

La citazione di Beppe Grillo avvicina il Vangelo al Bitcoin

bitcoin di maio
Di Maio viene accusato di aver tradito il M5S per 30 BTC

Lo ha fatto questa mattina in occasione di un breve incontro con la stampa all’uscita dell’hotel Forum, a Roma, dove sta incontrando alcuni esponenti del suo partito. 

Ad un certo punto, uno dei giornalisti presenti gli ha chiesto un parere sull’abbandono del partito da parte dell’ex leader politico Luigi Di Maio, e come fa spesso Grillo ha commentato con creatività ed ilarità. 

Per prima cosa ha specificato che verso Luigi Di Maio non prova alcun rancore. 

Poi, però, ha aggiunto

“Se Draghi pensa che il Movimento è quello del guaglione di Pomigliano d’Arco allora noi non ci stiamo al governo. Anche Giuda ha tradito Gesù, ma poi Gesù è risorto ed è diventato Gesù, mentre Giuda ha fatto la figura che ha fatto. Ecco, qui siamo alle prese con Giuda venduto per 30 Bitcoin”. 

Il “guaglione di Pomigliano d’Arco” ovviamente è proprio Luigi Di Maio, che Grillo ha accusato esplicitamente di aver tradito il partito. Anzi, lo ha accusato addirittura di essere come Giuda che tradì Gesù Cristo. 

La verità sul rapporto tra Di Maio e le crypto

Il Vangelo di Matteo narra che Giuda si vendette per 30 monete d’argento, mentre Grillo ironizza dicendo che Di Maio si è venduto per 30 Bitcoin. Si tratta ovviamente di una battuta, perché non risulta affatto che Luigi Di Maio abbia ricevuto denaro, o BTC, per abbandonare il partito. 

La cosa davvero curiosa, però, è proprio che abbia scelto di citare Bitcoin, anche perché non risulta affatto che Di Maio si sia mai interessato a BTC. È stato protagonista del lancio di un’iniziativa governativa legata alla blockchain, poi fallita, ma non si è mai realmente espresso a favore di Bitcoin. 

Tuttavia Grillo probabilmente non voleva usare l’espressione “trenta monete d’argento”, o trenta denari come spesso si dice, forse perché sarebbe stata troppo vaga e troppo poco concreta. 

Trenta euro sarebbero stati pochi, e trenta lire ancora di meno, quindi ha optato per trenta Bitcoin, che ad oggi avrebbero un controvalore di circa 570.000 euro. 

Grazie a questa battuta di Beppe Grillo ormai è chiaro che Bitcoin sia entrato a pieno titolo nel mainstream italiano, anche a livello politico.

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.