Russia: aumenta la domanda di hardware wallet crypto
Russia: aumenta la domanda di hardware wallet crypto
News dal Mondo

Russia: aumenta la domanda di hardware wallet crypto

By Amelia Tomasicchio - 7 Lug 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

A causa delle restrizioni introdotte dalle sanzioni straniere nei confronti della Russia, molti stanno optando per l’utilizzo delle crypto e per questo motivo sta aumentando nel Paese la domanda di hardware wallet, uno dei metodi più sicuri per conservare questi asset.

Nel periodo marzo-aprile, aziende come Tangem e Ledger, che producono hardware wallet, hanno visto una domanda crescente da parte degli utenti russi, come ha riportato il giornale economico russo Vedomosti.

La domanda per questo tipo di device sarebbe, infatti, cresciuta di otto volte nel primo trimestre.

Tangem, azienda che produce degli hardware wallet a forma di carta di credito, ha dichiarato che dall’inizio dell’anno ha visto le sue vendite aumentare anche perché i suoi prodotti sono diventati più economici. 

La regolamentazione crypto in Russia

A fine giugno il Cremlino aveva approvato alla Duma un disegno di legge che dovrebbe esentare chi lavora in Russia con le crypto, direttamente o indirettamente, dal pagamento dell’imposta sul valore IVA. La proposta di legge comprenderebbe anche un’aliquota fiscale sul reddito proveniente dai guadagni dovuti a vendita di criptovalute.

Questo potrebbe far sì che la Russia diventi un Paese maggiormente crypto-friendly.

Di recente la Banca Centrale russa ha anche dichiarato di voler legalizzare di nuovo il mining crypto.

A fine maggio, inoltre, la Russia aveva abilitato le fatture in criptovaluta verso soggetti giuridici in merito ad operazioni internazionali.

Queste mosse sembrano, quindi, andare verso una regolamentazione positiva nei riguardi delle criptovalute, in un periodo in cui per aggirare le sanzioni estere, le crypto sono una delle poche soluzioni. 

Nonostante ciò a fine giugno, è stata fatta marcia indietro per quanto riguarda la possibilità di accettare pagamenti in Bitcoin sulle transazioni internazionali. In compenso, però, il Ministero delle Finanze russo ha spiegato che le criptovalute potrebbero essere utilizzate per piccoli pagamenti, anche se, quindi, non per pagamenti legati ad export di materie prime o altri beni.

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e sta scrivendo un libro sugli NFT per Mondadori. Inoltre, ha lanciato due progetti NFT chiamati The NFT Magazine e Cryppo, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.