banner
Binance querela Bloomberg per diffamazione
Binance querela Bloomberg per diffamazione
News dal Mondo

Binance querela Bloomberg per diffamazione

By Vincenzo Cacioppoli - 26 Lug 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Changpeng Zhao, il CEO di Binance, ha intentato una causa contro Modern Media per diffamazione.

Bloomberg viene accusata di diffamazione dal CEO di Binance

Il CEO di Binance, Changpeng Zhao, ha intentato una causa contro la Modern Media Company, un agente indipendente per i contenuti Bloomberg, per diffamazione. Nello specifico, CZ non ha intentato alcuna causa, ma solo una mozione per scoperta prove. 

L’oggetto della querela è un articolo del giornale che definisce l’exchange come una sorta di schema Ponzi. Zhao ha sottolineato come l’articolo, che aveva anche un richiamo in copertina di Modern Media, aveva danneggiato l’immagine pubblica di Zhao, specialmente nel mondo degli affari.

La mozione intentata da Zhao si riferisce ad un rapporto pubblicato il 6 luglio 2022 da Bloomberg Businessweek, che riferisce di supposte pratiche scorrette operate dall’exchange. Il giornale aveva già modificato il titolo dell’articolo che recitava “Changpeng Zhao’s Ponzi Scheme” in più moderato e diplomatico “ The Mysterious Changpeng Zhao”.

Zhao sul suo profilo ha ritwittato il lancio della notizia da parte del celebre giornale crypto WatcherGuru.

Binance: accusato e accusatore

Per una volta insomma, Binance incarna il ruolo di accusatore, invece che quello di accusato. Dopo le indagini portate avanti da enti regolatori di mezzo mondo, con il divieto ad operare in molti Paesi, come Gran Bretagna e Giappone, il 13 giugno scorso un investitore ha intentato causa all’exchange per cattive informazioni sulla piattaforma in merito alla stablecoin di Terra, prima del suo fallimento.

Nella causa intentata a San Francisco dall’investitore americano, Jeffrey Lockhart, Binance sarebbe accusata di aver falsamente pubblicizzato Terra USD come “sicuro” e supportato da valuta fiat, quando in realtà era un titolo non registrato. 

Lockhart nella sua causa, depositata presso il tribunale federale di San Francisco, ha scritto:

“Binance US trae profitto da ogni operazione, e quindi ha un forte incentivo a vendere criptovalute indipendentemente dalla loro conformità con le leggi sui titoli”.

Zhao nella sua querela chiede che il giornale faccia ammenda di quello scritto, chieda scusa e paghi i danni che dovranno appunto essere quantificati da un tribunale.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.