L’Iran approva un regolamento per il commercio con le criptovalute
L’Iran approva un regolamento per il commercio con le criptovalute
Criptovalute

L’Iran approva un regolamento per il commercio con le criptovalute

By Vincenzo Cacioppoli - 30 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il governo dell’Iran ha ufficialmente approvato, con un nuovo regolamento ad hoc, l’uso delle crypto per le importazioni come misura per aggirare le sanzioni statunitensi imposte al suo settore finanziario e bancario.

Iran: le importazioni saranno pagate in crypto

Dando ascolto all’associazione iraniana degli importatori, aveva sottolineato, una settimana fa, la necessità che fosse approvato un quadro normativo stabile per le criptovalute, il governo dell’Iran ha approvato un regolamento per autorizzare l’uso delle criptovalute per il commercio estero.

La decisione è arrivata dopo che il governo iraniano, ai primi di Agosto, come riportato dal giornale locale Tasmin, ha presentato il suo primo ordine basato su criptovalute, del valore di 10 milioni di dollari, senza, però, che fosse specificato di quale transazione si trattasse e quale asset digitale fosse stato utilizzato.

Alireza Peyman-Pak, capo dell’Organizzazione per la promozione del commercio (TPO) del Paese, ha confermato quest’ordine in un tweet e ha affermato che potrebbe essere il primo di molti altri:

“Entro la fine di settembre, l’uso di criptovalute e contratti intelligenti sarà diffuso nel commercio estero con i paesi target”.

Secondo la principale associazione degli importatori iraniani, il quadro regolatorio che è stato approvato si rendeva necessario per rendere stabile la possibilità di utilizzare questa forma di pagamento per le transazioni commerciali e permettere a chi lo desiderasse di avere una precisa normativa in materia.

Il ministro del Commercio, Seyed Reza Fatemi Amin, ha affermato che:

“La risoluzione appena approvata specifica tutte le questioni relative alle criptovalute, incluso come fornire carburante energia per il loro estrazione e come concedere licenze”.

Il nuovo quadro normativo

Le nuove normative consentono il pagamento in asset digitali per l’importazione di qualsiasi merce nel Paese, una mossa che potrebbe consentire all’Iran di aggirare le sanzioni statunitensi che hanno paralizzato l’economia e indebolito gravemente la valuta nazionale. 

Un sistema che secondo alcuni viene utilizzato già da diversi anni nel Paese per pagare beni anche di prima necessità. Le criptovalute si stanno diffondendo grandemente negli ultimi anni, proprio per l’opportunità che offrono di aggirare in parte le dure sanzioni imposte al Paese.

L’anno scorso, un’indagine dell’agenzia di stampa internazionale Reuters ha rivelato come il 4,5% dell’estrazione globale di Bitcoin si svolgeva in Iran, in parte a causa dell’elettricità a basso costo, dove è fortemente sovvenzionata. Secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa, le sanzioni statunitensi avrebbero contribuito ulteriormente all’aumento delle attività minerarie e all’uso delle criptovalute.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.