Qual è il futuro dei crypto exchange? La parola a Binance, Huobi e tanti altri
Qual è il futuro dei crypto exchange? La parola a Binance, Huobi e tanti altri
Criptovalute

Qual è il futuro dei crypto exchange? La parola a Binance, Huobi e tanti altri

By Amelia Tomasicchio - 26 Set 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

“The future of the crypto exchange”, ovvero “Il futuro dei crypto exchange”, è stato il titolo di un panel che si è tenuto durante Zebu Live, evento organizzato dall’omonima azienda la scorsa settimana a Londra, UK, alla presenza di Binance, Huobi, Globe, Swapsicle e l’influencer The Martini Guy.

Per la precisione, questi i panelist coinvolti nella discussione:

  • Diego Clerc, Binance;
  • Michela Silvestri, Huobi;
  • James West, Globe;
  • Lee Erswell, Swapsicle;
  • The Martini Guy, Crypto Saving Expert.

La situazione dei crypto exchange durante il bear market

In un periodo definito di ‘crypto winter’ visti i continui ribassi dei prezzi, ci si aspetterebbe che il trading non sia così prolifico. E, invece, Diego Clerc di Binance spiega esordisce sul palco di Zebu Live dicendo:

“Durante il bear market abbiamo meno volatilità, ma Binance ha aumentato a 3 trillion dollar di volumi quindi come spot trading è la maggior parte delle revenue dell’exchange, ma anche il lending e gli NFT stanno andando bene, che è secondo solo dopo Opensea”.

Grandi numeri quindi per l’exchange fondato da CZ Zhao, non solo per il trading spot ma anche per gli NFT.

Anche Huobi, dal canto suo, spiega Michela Silvetri, ha visto aumentare di molto gli scambi soprattutto sui futures, utilizzati dall’80% dei clienti istituzionali dell’exchange durante il periodo del Merge. Su Huobi, gli altri prodotti di punta sono anche poi il programma di Earn per fare staking e anche i prestiti.

Tra gli sponsor dell’evento c’era poi Swapsicle, che dal canto suo ha spiegato che come exchange decentralizzato il suo focus è ovviamente sulla DeFi, per fornire trasparenza e decentralizzazione agli utenti.

Come gli exchange aiutano il settore

Parlando poi di come le piattaforme di trading stanno aiutando il settore dall’alto del loro potere, Silvestri spiega che “gli exchange stanno aiutando il settore Web3 grazie per esempio agli incubatori e investimenti in progetti nuovi e innovativi”, cosa che fa Huobi ma anche Binance con il token BNB che serve, tra le altre cose, ad incentivare progetti e le community del mondo della DeFi.

Dal canto suo, invece, The Martini Guy spiega che:

“gli exchange si preoccupano dei profitti, il mio lavoro invece è usare gli exchange e education focused, cercando di consigliare”. 

Infatti, secondo l’influencer ed esperto di trading, gli exchange non farebbero educazione in maniera disinteressata, perché il tipo di contenuti che le piattaforme fanno sarebbero rivolte ad insegnare come funziona l’exchange stesso e come fare trading,  quindi non davvero educazione per il lungo periodo. Al contrario, l’influencer ha fondato Crypto Saving Expert anche a questo scopo, per rendere consapevoli gli utenti.

La necessità di regolamentazione

Tema caldo del panel e toccato in realtà durante praticamente tutti gli speech è stato quello della regolamentazione del settore crypto.

In questo caso, soprattutto per quanto riguardo al mercato dei futures, che è ancora early stage perché i prodotti ci sono ma si ha ancora bisogno di regolamentazione per una mass adoption.

“In Europa, ad esempio, non possiamo fornire futures per retail”, spiegano infatti sia Binance che Huobi, entrambe piattaforme che tempo addietro hanno già dovuto chiudere questo tipo di servizi per i clienti europei.

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e sta scrivendo un libro sugli NFT per Mondadori. Inoltre, ha lanciato due progetti NFT chiamati The NFT Magazine e Cryppo, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.