Immobiliare in crypto: villa a Marbella accetta Bitcoin e Ethereum
Immobiliare in crypto: villa a Marbella accetta Bitcoin e Ethereum
Criptovalute

Immobiliare in crypto: villa a Marbella accetta Bitcoin e Ethereum

By Stefania Stimolo - 26 Set 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Anche a Marbella, in Spagna, c’è un nuovo caso di immobiliare in crypto: il proprietario di una villa da €4,3 milioni ha deciso di metterla in vendita accettando Bitcoin (BTC) e Ethereum (ETH). 

Immobiliare in crypto: il caso della villa di Marbella e non solo

Secondo una fonte anonima, anche nella città di Marbella in Spagna pare sia possibile vendere e acquistare un immobile in criptovalute. 

Si tratta di una villa messa in vendita al prezzo di €4,3 milioni che ha aggiunto come modalità di pagamento Bitcoin (BTC) e Ethereum (ETH). 

Il lungo inverno crypto, dunque, non ferma quello che è stato definito come “immobiliare in crypto” che, seppur ancora raro, pare non essere una novità.

Infatti, nel mondo, esistono già altri casi in cui gli immobili sono stati acquistati in criptovalute, soprattutto in BTC. 

villa marbella btc
Villa a Marbella venduta anche in Bitcoin ed Ethereum

Portogallo: la casa di Braga venduta per 3 BTC

Al contrario della villa di Marbella, la casa a Braga in Portogallo è stata venduta direttamente per 3 BTC, senza conversione in euro e risultando la prima transazione del Paese per questo genere d’acquisto 100% crypto. 

Secondo quanto riportato, lo scorso maggio 2022, infatti, l’appartamento con tre camere da letto situato a Braga, è stato il primo a vedere una transazione interamente in crypto, del valore equivalente all’epoca di 110.000 euro. 

Il tutto è stato possibile grazie all’atto di proprietà di questa casa, firmato a Póvoa de Varzim, distretto di Porto, che ha accettato il rivoluzionario metodo di pagamento innovativo, e con la partecipazione di Zome e dello studio legale ECIJA di Antas da Cunha, del Bastonário dos Notários in Portogallo e di altri partner di Crypto Valley in Svizzera.

A tal proposito, Carlos Santos, CTO di Zome ha detto:

“il futuro della mediazione passerà attraverso le crypto-asset, quindi crediamo che questa transazione darà il via a un mondo completamente nuovo di possibili affari”

Stati Uniti: il primo acquisto immobiliare in BTC in Texas del 2017 e il coinvolgimento degli NFT

Andando negli Stati Uniti, è facile trovare notizie riguardanti il primo acquisto immobiliare in Bitcoin registrato in Texas già nel “lontano” 2017. 

Senza rivelare la somma di compravendita, pare che la proprietà situata nella parte centrale di Austin, quartiere ricco e noto come capitale mondiale della musica dal vivo e di crescita del settore tech, la Kuper Sotheby’s International Realty sia stata la prima agenzia di intermediazione a chiudere l’affare. 

Come per il caso in Portogallo, anche la casa del Texas è stata acquistata interamente in Bitcoin (BTC). 

Un altro caso, invece, di immobiliare in crypto, ma con la partecipazione degli NFT si è verificato a Gulfport, in Florida, attraverso la startup Propy

Molto più recentemente (lo scorso febbraio 2022), pare che la casa di 2.164 metri quadrati sia stata venduta all’asta per 653.000 dollari (210 ETH) e l’offerente vincitore si è aggiudicato un Non-Fungible Token (NFT) come prova della proprietà della casa.

Una nuova sperimentazione dell’immobiliare in crypto che oltre ad accettare ETH per la compravendita di una casa, ha voluto legare un NFT come prova di proprietà anche se non è ancora vincolato all’atto di proprietà ma alla proprietà di una LLC che possiede il bene fisico. 

La startup sostiene che gli NFT possono essere utilizzati come garanzia per i mutuatari e gli investitori di criptovalute. A tal proposito, il CEO di Propy, Natalia Karayaneva, ha detto:

“Abbiamo ricevuto centinaia e centinaia di richieste da parte di venditori per vendere le loro case in tutti gli Stati Uniti. La prossima grande vendita sarà di nuovo a Tampa, si tratta di un appartamento che vale tra i 200.000 e i 300.000 dollari”.

Italia: la casa fisica da 940.000€ venduta in crypto insieme a LAND nel metaverso e NFT per certificazione

A Milano, invece, durante maggio 2022, un famoso regista ha venduto la sua casa da 940.000€ in criptovalute, grazie al portale di lusso con sede a Sanremo di Luxforsale che si occupa dell’operazione immobiliare. 

La pratica ha poi visto un regalo per l’acquirente di 3 LAND nel metaverso e un NFT per la certificazione autentica virtuale dell’immobile. 

Non solo immobiliare in crypto, dunque, ma anche NFT e metaverso sono stati coinvolti nell’originale atto di compravendita dell’appartamento di Piazza Cinque Giornate di Milano. 

D’altronde non è una novità che il real estate è anche un settore esplosivo del metaverso. Basti pensare agli investimenti che sono stati fatti sulle grandi piattaforme di Sandbox e Decentraland nell’immobiliare. 

Le ragioni per utilizzare le criptovalute per acquistare una casa secondo BitPay

Il celebre fornitore statunitense di servizi di pagamento in Bitcoin e crypto, BitPay, ha pubblicato una lista di motivi che spingerebbero le persone a voler utilizzare le criptovalute per acquistare una casa. 

Ecco le ragioni di Bitpay:

  • Diversificare gli investimenti: l’acquisto di immobili con criptovalute può offrire stabilità;
  • Incasso per la pensione: dopo una carriera di investimenti in criptovalute, potreste essere pronti ad andare in pensione scegliendo di acquistare una casa in crypto, piuttosto che vendere i propri asset. 
  • Prezzo di vendita scontato per i pagamenti in crypto: se un venditore è particolarmente favorevole alle crypto, può offrire uno sconto sugli acquisti immobiliari effettuati con le crypto.
  • Transazioni più veloci: la tecnologia blockchain e gli smart contract possono eliminare i tradizionali tempi di attesa e gli intermediari dal settore immobiliare.

Ovviamente, al contrario, BitPay specifica anche quelli che possono essere visti come svantaggi, come la riluttanza dei venditori ad accettare pagamenti in criptovaluta e le fluttuazioni giornaliere dei prezzi delle criptovalute che incidono sul potere d’acquisto.

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.