Dogecoin: superati i 4,4 milioni di indirizzi di portafoglio
Dogecoin: superati i 4,4 milioni di indirizzi di portafoglio
Altcoin

Dogecoin: superati i 4,4 milioni di indirizzi di portafoglio

By Stefania Stimolo - 4 Ott 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Dogecoin, la memecoin per eccellenza, ha superato i 4,4 milioni di wallet address ( o indirizzi di portafoglio), anche se però il sentiment su DOGE oggi sembra rimanere sulla zona Fear con 34 di punteggio. 

Dogecoin: aumentano gli indirizzi di portafoglio ma con sentiment da zona rossa

Dogecoin (DOGE) ha superato i 4,4 milioni di indirizzi di portafoglio, eppure il sentiment generale sulla crypto dei memecoin è anche oggi da zona rossa, con un indice Fear & Greed da 34 Fear. 

“APPENA ARRIVATO: Dogecoin supera i 4,4 milioni di indirizzi di portafoglio.”

La decima crypto per capitalizzazione di mercato, pare avere buone notizie in ambito di aumento di indirizzi di portafoglio, ma, proprio come per la regina delle crypto Bitcoin, sono settimane che registra un sentiment di paura. 

Anzi, Bitcoin oggi pare essere ancora negativo, segnando un Fear & Greed Index da 20 entrando in Extreme Fear. 

Indirizzi di portafoglio attivi in diminuzione come il prezzo di DOGE

Un altro dato non indifferente, riguarda quali di questi indirizzi di portafoglio di Dogecoin sono attivi e quali invece no. 

E infatti, secondo le statistiche, mentre sono aumentati gli indirizzi di portafoglio, ad oggi gli indirizzi attivi di DOGE pare siano in diminuzione, risultando solo 43.000. Siamo a oltre il 60% in meno rispetto a metà agosto, che, invece, avevano superato i 110.000. 

Un qualcosa che si rispecchia sul prezzo di DOGE che, proprio a metà agosto, aveva toccato il suo picco massimo degli ultimi 3 mesi, a quota 0,086$. Un po’ lontani dagli attuali 0,060$. 

Eppure, DOGE regge, rimanendo in decima posizione nella classifica delle crypto con i suoi 8 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato

Il supporto di Elon Musk 

Altri numeri interessanti che riguardando Dogecoin, derivano dagli interventi del suo primo influencer: l’uomo più ricco del mondo, nonché il CEO di Tesla e SpaceX, il famigerato Elon Musk. 

Andando a luglio 2022, infatti, pare che l’intervento di Musk abbia provocato un aumento dei trader al dettaglio di Dogecoin (DOGE) del 380% in un giorno

Si tratta dello stesso giorno dell’annuncio del piano da 43 miliardi di dollari per l’acquisto di Musk di Twitter Inc. Non solo, Musk avrebbe anche annunciato in quel giorno che la società di Tesla avrebbe venduto il 75% della sua scorta di Bitcoin (BTC), ma non un centesimo di DOGE. 

Una mossa quella di Musk di essere riconosciuto come primo influencer della crypto dei meme, che però pare sia stata messa sotto accusa.

E infatti, pare che la class action da 258 miliardi di dollari contro Musk per aver promosso DOGE, sia stata presentata a giugno da Keith Johnson, mentre un nuovo aggiornamento all’inizio di questo mese vede le firme anche di altre persone. I querelanti avrebbero incaricato un perito per spiegare alla Corte come e perché Dogecoin sarebbe uno schema piramidale. 

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.