Fidelity Investments Canada: più di 5 milioni per l’Ethereum Index Fund
Fidelity Investments Canada: più di 5 milioni per l’Ethereum Index Fund
Ethereum

Fidelity Investments Canada: più di 5 milioni per l’Ethereum Index Fund

By Marco Cavicchioli - 5 Ott 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

A fine settembre Fidelity Investments Canada ha lanciato il suo Ethereum Index Fund. 

Fidelity Investments Canada: ha venduto oltre 5 milioni grazie Ethereum

Stando ad un documento pubblicato ieri sul sito ufficiale della SEC sono già stati incassati 5.018.184 dollari dalle vendite di questo fondo basato su Ethereum. 

Sul sito web ufficiale di Fidelity Investments Canada il fondo è chiamato Fidelity Advantage Ether ETF Fund™ (codice 7634), e si scopre che è stato lanciato il 28 settembre. 

Si tratta di un fondo che investe direttamente in ETH, che a loro volta vengono custoditi in modo sicuro utilizzando i servizi di archiviazione interni di Fidelity. 

secÈ un fondo idoneo per account registrati, inclusi RRSP e TFSA, quindi consente di ottenere un’esposizione ad ETH con un prodotto completamente regolamentato. 

ETH infatti non è un prodotto finanziario regolamentato in sè, pertanto quegli investitori che sono costretti per legge ad investire solo su prodotti regolamentati semplicemente non possono acquistarlo direttamente. Gli strumenti come i fondi ETF consentono a chiunque di effettuare investimenti su prodotti finanziari regolamentati, dando però in questo modo anche l’opportunità di prendere posizione su asset non regolamentati. 

D’altronde per questo specifico fondo l’investimento minimo è di 50.000$, ovvero una cifra che di fatto taglia fuori la stragrande maggioranza degli investitori retail. Infatti è stato reso disponibile solo ad investitori accreditati. 

Il Fidelity Advantage Ether ETF Fund si basa su un indice progettato proprio per riflettere le performance di ETH in dollari USA. Utilizza dati prelevati da piattaforme di trading ritenute “idonee”, calcolando un prezzo medio ponderato per i volumi di scambio, basato su una finestra di 5 minuti immediatamente prima della chiusura delle 16:00 ET. 

Ogni sei mesi il Fidelity Index Committee esaminerà il Fidelity Ethereum Index per eventuali aggiornamenti. 

Fidelity Advantage Ether ETF non ha come obiettivo quello di speculare sulle variazioni a breve termine dei prezzi di ETH, ma mira ad investire a lungo termine. Tuttavia sul sito ufficiale si legge anche: 

“Data la natura speculativa di Ether, e la volatilità del suo mercato, esiste un rischio considerevole che questi fondi non siano in grado di raggiungere i propri obiettivi di investimento. Un investimento in questi fondi non è inteso come un programma di investimento completo ed è appropriato solo per gli investitori che hanno la capacità di assorbire una perdita parziale o totale del loro investimento. Un investimento in questi fondi è considerato ad alto rischio”.

Addirittura sul sito ufficiale del fondo si legge: 

“Questo sito è solo per persone in Canada. I fondi comuni e gli ETF sponsorizzati da Fidelity Investments Canada ULC sono qualificati per la vendita solo nelle province e nei territori del Canada”. 

Nonostante ciò, non è affatto vietato agli investitori stranieri acquistare questo fondo sui mercati canadesi, anche nel caso di investitori statunitensi. È vietato venderli negli USA, ma non è vietato acquistarli. 

Fidelity Investments: cos’è?

Fidelity Investments, che si trova a Boston, è un’entità distinta da Fidelity Investments Canada. Nonostante Fidelity Investments Canada abbia emesso un ETF crypto in Canada, nessuno vieta la vendita di questi prodotti finanziari anche ad investitori USA. 

Fidelity Investments è anche in assoluto uno dei più grandi gestori patrimoniali al mondo, con circa 4.500 miliardi di dollari di asset in gestione a fine 2021. È attiva sui mercati crypto fin dal 2018 tramite la sua controllata Fidelity Digital Assets, che tra le altre cose si occupa di custodia. Nel frattempo, Fidelity Investments Canada ha incaricato Fidelity Clearing Canada di occuparsi della custodia degli ETH che fanno da collaterale al valore dell Advantage Ether ETF Fund. 

Il principale vantaggio competitivo probabilmente è proprio la custodia diretta dei token, ovvero un’attività tutt’altro che semplice da fare in totale sicurezza. Questo consente a Fidelity di soddisfare le richieste sia di quegli investitori che vogliono semplicemente aprire posizioni sui prezzi delle criptovalute senza doversi prendere l’impegno di custodirle in sicurezza, sia di quelli che non possono investire in prodotti finanziari non regolamentati. 

Infatti la stessa società dichiara esplicitamente di aver riconosciuto l’esistenza sul mercato della necessità di un insieme diversificato di prodotti e soluzioni che aiutino i clienti a ottenere esposizione nei confronti delle criptovalute in linea con i loro distinti obiettivi e con la loro tolleranza al rischio. Inoltre conferma che è cresciuta tale domanda anche per asset digitali diversi da Bitcoin. 

Fidelity ormai sono anni che offre prodotti finanziari derivati su Bitcoin, ma sulle altcoin era rimasta indietro. Infatti, tutti i prodotti finanziari emessi finora sono stati basati proprio sul BTC.

C’è da dire che molte altcoin sono asset finanziari a cui è associato un rischio di livello tale da non renderle affatto appetibili per prodotti finanziari come quelli che propone al mercato Fidelity. 

In particolare Fidelity si concentra sugli asset meno speculativi, come ad esempio proprio BTC ed ETH, ovvero con rischio alto ma non elevatissimo. Giusto per citare qualche esempio, questa società non avrebbe mai emesso un prodotto derivato su Luna, o su altre criptovalute altamente speculative e con livelli di rischio massimi. 

I clienti di società come Fidelity tendono infatti a non essere speculatori, ma investitori di medio o lungo periodo. In questo momento sono ben poche le criptovalute che possono risultare interessanti per questo tipo di investitori. Anzi, molto probabilmente non è un caso che Fidelity abbia creato fondi simili ancora solo per Bitcoin ed Ethereum. 

Non bisogna dimenticare che i mercati finanziari non solo sono decisamente complessi, ma coinvolgono anche attori molto differenti tra di loro. Oltre ai classici speculatori di breve periodo che fanno day-trading, ci sono anche grandi investitori istituzionali che non sono affatto interessati alla speculazione di breve periodo, ma principalmente alla salvaguardia del valore del loro patrimonio. 

Spesso gli investimenti in criptovalute sono ritenuti da costoro degli investimenti cosiddetti asimmetrici, ovvero che comportano sì un elevato livello di rischio, ma che possono consentire di ottenere rendimenti elevati a fronte anche solo di investimenti minimi. In altre parole proprio per queste loro caratteristiche BTC ed ETH rientrano nelle opzioni di investimento anche di quei portafogli più grandi e conservativi come investimenti molto contenuti ma che possono garantire rendimenti altrimenti molto difficili da ottenere. 

Dato che spesso questo tipo di investitore preferisce allocare gran parte del proprio portafoglio su asset a basso o bassissimo rischio, che generano però rendimenti reali minimi o a volte addirittura negativi, allocare una piccola percentuale su asset ad alto rischio può aiutare a compensare i rendimenti molto bassi generati dagli asset a basso rischio. 

Fidelity conosce estremamente bene queste dinamiche, e sa anche che investitori di questo tipo rifuggono completamente dai rischi derivanti da regolamentazioni e pratiche tecniche come ad esempio la conservazione dei token. 

Si tratta insomma di investitori che non investirebbero mai direttamente in BTC o ETH, ma che possono invece farsi attrarre da prodotti derivati che eliminino praticamente tutti i rischi non finanziari associati alle criptovalute. 

Se da un lato i 5 milioni già raccolti per l’Advantage Ether ETF Fund possono sembrare tanti, visto che il fondo è stato lanciato solamente da pochissimi giorni, d’altro canto però sono molto pochi se confrontati con i numeri di Fidelity. Ciò suggerisce che, qualora abbia successo, la raccolta ha ancora enormi margini potenziali di crescita. 

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.