L’ascesa di Trust Wallet per la custodia di Bitcoin
L’ascesa di Trust Wallet per la custodia di Bitcoin
Criptovalute

L’ascesa di Trust Wallet per la custodia di Bitcoin

By Marco Cavicchioli - 14 Nov 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

In questi ultimi giorni stanno riscuotendo molto successo alcuni wallet non custodial per Bitcoin, tra cui in particolare Trust Wallet. 

Tutto nasce dalla sospensione dei prelievi su FTX, e dal suo conseguente fallimento. 

Gli exchange centralizzati come FTX fungono anche da custode dei fondi depositati dai loro clienti. Ovvero i wallet crypto degli exchange centralizzati sono custodial, perchè il seed e le chiavi private non sono in possesso degli utenti, ma dell’exchange stesso. 

Questo significa che anche i token in essi conservati sono di fatto posseduti dall’exchange, e non dagli utenti. 

Nel settore crypto è molto celebre il motto “not your keys, not your coins”, ovvero il fatto che se non si posseggono le chiavi private (o il seed) di un wallet allora di fatto non si possiedono veramente nemmeno i token in esso conservati. In tal caso il cosiddetto custode non è altro che chi possiede le chiavi private, e nel caso dei wallet degli exchange centralizzati sono proprio loro stessi i custodi dei fondi dei loro utenti. 

I wallet non custodial per Bitcoin: Trust Wallet tra i migliori

Chi non volesse affidare la custodia dei propri token a terzi può spostarli e custodirli da sè nei cosiddetti wallet non custodial. 

Si tratta banalmente di wallet di cui solo l’utente stesso detiene le chiavi private o il seed. Va ricordato che la cosa importante è possedere le chiavi private, ma visto che queste possono essere ricavate dal seed, è sufficiente possedere il seed di dodici, diciotto o ventiquattro parole. 

Ci sono fondamentalmente due tipi di wallet non custodial: quelli fisici e quelli software. 

I wallet fisici sono anche detti hardware wallet, ed hanno la particolarità di custodire le chiavi offline, quando non sono connessi ad Internet. 

I wallet software, come ad esempio le app, sono molto più comodi da usare, ma sono praticamente sempre connessi ad Internet, quindi potenzialmente meno sicuri. 

Se i wallet fisici sono più adatti a conservare grandi cifre offline per lunghi periodi, i wallet software risultano molto più comodi se utilizzati per conservare cifre limitate per periodi più brevi, in particolare modo se devono essere movimentate spesso. 

Trust Wallet: la custodia di Bitcoin e il supporto multi-chain

Uno dei wallet software non custodial in assoluto più utilizzato è Trust Wallet. 

Si tratta di un’app che si installa su smartphone e tablet e che consente di gestire un wallet multi-valuta che supporta Bitcoin, Ethereum, BNB Chain, Tron, ed altre blockchain. 

Ha diverse funzionalità, anche se è noto soprattutto per essere di proprietà di Binance. Ovvero pur essendo un wallet non custodial il suo sviluppo è a carico di Binance, e non è quindi un caso che lo promuovano esplicitamente. 

Infatti negli ultimi due giorni per ben due volte il co-fondatore e CEO di Binance, Changpeng CZ Zhao, ha suggerito esplicitamente l’utilizzo di Trust Wallet sul suo profilo Twitter. 

Proprio grazie a questa pubblicità negli ultimi giorni il valore di TWT, ovvero il token di Trust Wallet, è decollato. 

Il token TWT

Fino a sabato 12 novembre il suo prezzo di mercato era di 1,1$, mentre il giorno dopo ha toccato i 2,2$. In altre parole il suo valore di mercato è raddoppiato in poco più di 24 ore. Il giorno successivo ha fatto registrare il nuovo massimo storico a 2,3$.  

Il prezzo attuale è ancora superiore ai 2$, ovvero vicino ai livelli massimi di ieri, ed è curioso perché si tratta di un token esistente da maggio 2020. 

Ha esordito ad un prezzo di 0,008$, e durante la bull run dell’anno scorso riuscì a malapena a superare 1,5$. 

A dire il vero dopo il calo di fine 2021, nel corso dei primi mesi 2022 si era già ripreso bene, riportandosi a 1,3$ a marzo. 

In altre parole negli ultimi sette giorni ha fatto registrare un incredibile +75%, che sale a +11% se si considerano gli ultimi 30 giorni. 

Rispetto al prezzo precedente all’innesco dell’ultima grande bull run, ovvero gli 0,1$ di dicembre 2021, il prezzo attuale è del 1.900% superiore. Tale crescita è avvenuta in meno di due anni. 

Conclusioni

TWT non è l’unico token di wallet non custodial a crescere molto negli ultimi giorni, ma è la crescita di Trust Wallet ad essere per certi versi unica. 

Già da prima di quest’ultima crisi risultava essere in assoluto uno dei wallet software non custodial più utilizzati. Grazie alla pubblicità di CZ, che su Twitter ha più di sette milioni e mezzo di follower, il suo utilizzo si è ulteriormente ampliato. 

Più si diffonde l’abitudine a non lasciare i propri fondi nelle mani di terzi, più si diffonderà l’utilizzo di wallet non custodial. Gli hardware wallet ed i wallet software ne trarranno i maggiori benefici. 

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.