Sam Bankman Fried, fondatore di FTX, estradato negli Stati Uniti, mentre FTT crolla sotto $1
Sam Bankman Fried, fondatore di FTX, estradato negli Stati Uniti, mentre FTT crolla sotto $1
News dal Mondo

Sam Bankman Fried, fondatore di FTX, estradato negli Stati Uniti, mentre FTT crolla sotto $1

By Alessia Pannone - 21 Dic 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Sam Bankman-Fried, fondatore di FTX, a quanto pare ha firmato per essere estradato negli Stati Uniti. Come sappiamo, SBF e FTX sono stati al centro dell’attenzione dell’intero comparto crypto negli ultimi mesi. 

Dopo il crollo di FTX, gli investitori che avevano affidato i propri fondi alla piattaforma hanno perso miliardi. L’exchange conseguentemente dichiarato bancarotta e Sam Bankman-Fried si è dimesso da CEO.

Recentemente, invece, SBF è stato arrestato alle Bahamas. Tuttavia, gli Stati Uniti chiedevano l’estradizione di SBF, mentre il suo team legale ha inizialmente espresso che avrebbero combattuto l’estradizione.

Ora, l’incertezza in corso sul fatto che l’estradizione sarebbe stata negata o proseguita è stata risolta.

Sam Bankman Fried, fondatore di FTX,  estradato negli Stati Uniti: i dettagli 

Il commissario ad interim per le correzioni delle Bahamas, Doan Cleare, ha comunicato a Reuters che i documenti per l’estradizione di SBF sono stati firmati martedì. Un funzionario del tribunale li ha anche informati che un’udienza sul caso SBF si terrà mercoledì alle 11:00 EST.

SBF è attualmente accusato dalla Securities and Exchange Commission (SEC), dal Dipartimento di Giustizia e dalla Commodity Futures Trading Commission. Deve affrontare molte accuse diverse, tra cui il riciclaggio di denaro e la frode in titoli. L’attuale rapporto emerso sulla decisione di SBF calmerà la confusione sulla sua estradizione negli Stati Uniti.

Inoltre, Fried è attualmente detenuto nella prigione Fox Hill delle Bahamas. Una volta estradato negli Stati Uniti, molto probabilmente sarà detenuto presso il Metropolitan Detention Center di Brooklyn. Secondo quanto riferito, anche SBF deve sostenere un’udienza entro 48 ore dal suo ingresso nel Paese.

Tuttavia, la caduta catastrofica dell’exchange FTX non ha distrutto solo SBF, ma ha scosso anche l’intero regno delle criptovalute. Infatti, il mercato, che si stava lentamente riprendendo dalla caduta di Terra a maggio, non si aspettava il crollo di uno dei più grandi colossi delle criptovalute.

Dopo SBF: $1 miliardo di attività individuate dal nuovo management di FTX 

Coindesk riferisce che il nuovo management dietro FTX ha individuato $1 miliardo di asset, inclusi $720 milioni in contanti. Il rapporto, inoltre, arriva nel mezzo del fallimento della piattaforma a seguito di segnalazioni di attività criminali da parte del fondatore Sam Bankman-Fried e dei massimi dirigenti dell’azienda. La notizia viene riportata anche su Twitter, da Watcher.Guru, in cui si legge: 

“Il nuovo management di FTX afferma che la società ha individuato oltre $1 miliardo di attività, inclusi $720 milioni in contanti.” 

Secondo quanto riferito, il nuovo team di gestione dietro FTX sta lavorando per accedere ai milioni attraverso centinaia di vari conti bancari. La piattaforma sta tentando di risolvere le carenze finanziarie dell’exchange di criptovalute, secondo le dichiarazioni rilasciate ai creditori in questa settimana.

La notizia è stata data in un’udienza procedurale questa settimana, a seguito dell’autorizzazione da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti a trattenere i fondi. Inoltre, altri quasi 500 milioni di dollari sono già detenuti da istituzioni statunitensi.

Il nuovo Chief Financial Officer di FTX, Mary Cilia, ha parlato sotto giuramento durante la procedura fallimentare, dichiarando: 

“Stiamo contattando tutte quelle banche e cambiando i firmatari sui conti in modo da poter accedere ai conti e trasferire il denaro il più possibile a un istituto di deposito autorizzato.”

Cilia, inoltre, ha aggiunto che circa 130 milioni di dollari sono bloccati in Giappone. Infatti, lì le normative locali hanno riservato fondi per i clienti locali, ha riferito. Mentre, altri 6 milioni di dollari sono rimasti per le spese operative.

FTT scende sotto $1, in bancarotta il token dell’exchange FTX fondato da Sam Bankman Fried 

A quanto pare, per la prima volta da quando FTX è crollato, FTT rompe il supporto di $1 e scende sotto la fascia di prezzo. Nello specifico, FTT, la moneta ERC20 dell’exchange di criptovalute legata all’ormai defunto exchange FTX, è scesa lunedì 19 dicembre 2022 al di sotto della linea di supporto di $1. 

È interessante notare che, a differenza del crollo di Terra e del bombardamento subacqueo del token nativo LUNA a zero, FTT è sceso da $25,78 per moneta il 5 novembre 2022, a circa $1,59 per unità il 14 novembre, tre giorni dopo che FTX ha presentato istanza di protezione dal fallimento.

FTT, infatti, ha toccato $1,92 per moneta il giorno successivo, il 15 novembre, e dopo quel punto non avrebbe più visto quell’altezza di prezzo. Per 38 giorni consecutivi dal 12 novembre, FTT è stato al di sotto di $2 e al di sopra dell’intervallo di $1, e ha toccato un massimo di $1,88 per moneta il 9 dicembre. Undici giorni dopo ha raggiunto il suo minimo storico, il 19 dicembre.

Il token di scambio è sceso a $0,894 per unità intorno alle 14:30 (ET) di lunedì pomeriggio. Martedì, invece, FTT era in calo dell’8,6% rispetto al dollaro USA. Inoltre, il grado di capitalizzazione di mercato di FTT non è applicabile, perché il mese scorso il distributore del contratto del progetto ha sbloccato i token FTT bloccati in circolazione.

Inoltre, i siti di aggregazione della capitalizzazione di mercato delle monete come Coingecko.com non classificano il limite dell’asset crittografico tra le migliaia di altri asset crittografici elencati. Si presume che ci sarà una fornitura totale di 328.895.112 token FTT in circolazione e nelle ultime 24 ore, FTT ha registrato un volume di scambi globali di 7,26 milioni di dollari.

I volumi degli scambi FTT sono diminuiti molto dal crollo di FTX e oggi il trading FTT più attivo si sta svolgendo su Binance, Kucoin e Sushiswap. Mentre FTT è sceso al di sotto del supporto di $ 1, l’asset crittografico è rimasto consolidato appena sotto quella regione a prezzi compresi tra $ 0,89 e $ 0,98 per unità.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.