HomeCriptovaluteTezos coin e Algorand: come stanno andando?

Tezos coin e Algorand: come stanno andando?

Sebbene i mercati crypto sembrano sempre muoversi quasi all’unisono, seguendo l’andamento del prezzo di Bitcoin o a volte quello di Ethereum, alcune criptovalute ogni tanto si discostano un po’ da questo andamento generale. Oggi esaminiamo Tezos coin e Algorand. 

Tezos coin 

XTZ è la criptovaluta nativa di Tezos. 

È sbarcata sui mercati crypto a luglio 2018, ovvero nel pieno del bear market del precedente ciclo. 

Tezos in particolare è un progetto nato nel 2017 con una grande ICO che raccolse 230 milioni di dollari, con ambizioni notevoli che però per ora non sembrano siano state rispettate. 

Infatti nonostante ad un certo punto negli anni scorsi XTZ riuscì ad entrare nella top 20 delle principali criptovalute per capitalizzazione di mercato, ora è scivolata al 52° posto con poco più di 1 miliardo di dollari di capitalizzazione. 

Anzi, dopo aver esordito sui mercati crypto ad un prezzo di poco inferiore ai 3$, nei cinque mesi successivi scese addirittura sotto gli 0,4$, a causa probabilmente della fase più acuta del bear market del 2018. 

Ad inizio 2020 però aveva già recuperato la soglia dei 3$, superando anche i 4$ nel corso dell’anno. 

A fine 2020 il prezzo di XTZ era tornato a 2$, ma a quel punto ha iniziato a gonfiarsi l’ultima grande bolla speculativa sui mercati crypto. 

Il massimo assoluto lo ha toccato ad ottobre 2021 ad oltre 9$, ovvero un prezzo del 350% superiore a quello di dicembre 2020, ma solo del 200% superiore al prezzo iniziale del 2018. 

In altre parole è stata tra le vere e proprie criptovalute una di quelle ad aver guadagnato di meno durante l’ultima grande bull run. 

Il bear market del 2022 ha fatto particolarmente male a XTZ, dato che ora perde l’88% dai massimi, con un picco minimo a 0,7$ a fine anno. 

Da notare che quel picco minimo non solo era del 92% inferiore a quello massimo, ma anche del 65% inferiore al prezzo di fine 2020, e del 76% inferiore al prezzo iniziale del 2018. 

Quindi la criptovaluta di Tezos nel 2021 non ha performato particolarmente bene, e nel 2022 ha performato decisamente male. Il prezzo attuale di circa 1$ è la metà di quello pre-bolla. 

Algorand (ALGO)

Per certi versi un discorso simile si può fare anche per ALGO, ovvero la criptovaluta nativa della blockchain di Algorand. 

ALGO ha esordito sui mercati crypto nel 2019, ma il progetto Algorand fu fondato nel 2017, lo stesso anno dell’avvio del progetto Tezos. Semplicemente ci mise un po’ di più ad arrivare sui mercati. 

Anche Algorand nacque con enormi ambizioni, rivelatesi per ora probabilmente eccessive, ma non sbarcò sui mercati durante la fase acuta del precedente bear market. Il 2019 infatti fu un anno di relativa lateralizzazione dei mercati crypto, con una leggera ascesa. 

Il prezzo iniziale fu di circa 1,6$, salito ad oltre 3,5$ il giorno successivo allo sbarco sui mercati. Ma già a settembre dello stesso anno era sceso a 0,2$. 

A dicembre 2020 era tornato sugli 0,3$, e grazie all’ultima grande bolla speculativa salì fino a toccare il massimo a quota 2,4$ a settembre 2021. Il massimo storico comunque rimane il 3,56$ toccato il giorno successivo al suo sbarco sui mercati. 

Il prezzo attuale di 0,24$ è inferiore a quello pre-bolla, e solo di poco superiore a quello di settembre 2019. Ma a fine dell’anno scorso era sceso anche fino a 0,16$, ovvero un prezzo inferiore anche a quello minimo del 2019. Solo durante il crollo dei mercati finanziari di marzo 2020 a causa dell’inizio della pandemia è sceso di più. 

Da notare che nel 2021 la sua crescita è stata del 700%, ovvero decisamente di più di Tezos. Non stupisce pertanto che nel 2022 il crollo sia stato del 93%. Anche il prezzo attuale è del 93% inferiore rispetto al massimo storico del 2019. 

In sintesi, sia Algorand che Tezos stanno performando peggio delle principali criptovalute, sebbene almeno ALGO nel 2021 abbia fatto meglio di BTC. 

In entrambi i casi si tratta di progetti sui quali si era concentrata molta attenzione durante il precedente ciclo, ma che sono stati poi in qualche modo sorpassati, e scavalcati, da progetti nuovi nati durante l’attuale ciclo. 

Spesso sui mercati crypto i vecchi progetti che non riescono a sfondare vengono poi sostituiti da nuovi progetti che a loro volta saranno poi sostituiti da altri progetti nel caso in cui non riescano a sfondare. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS