HomeDeFi2023 CMC Crypto Playbook: gestione del rischio dei prestiti centralizzati e decentralizzati;...

2023 CMC Crypto Playbook: gestione del rischio dei prestiti centralizzati e decentralizzati; lezioni apprese con Compound Labs

Il 2022 ha visto le principali entità di prestito centralizzate cadere come tessere del domino, mentre i protocolli per prestiti decentralizzati hanno continuato a funzionare senza problemi. 

Mentre il prestito decentralizzato ha le sue sfide in termini di rischio degli smart contract e di progettazione economica, il prestito centralizzato deve affrontare rischi ancora maggiori in termini di pregiudizi umani e opacità. Data l’assenza di fiducia in un sistema decentralizzato, il prestito deve essere fondamentalmente affrontato in modo prudente.

L’obiettivo principale di un protocollo di prestito decentralizzato deve essere quello di mantenere al sicuro i beni degli utenti. Il secondo obiettivo è quello di aumentare i saldi patrimoniali dei fornitori. 

Compound lo fa seguendo alcune regole: Prestare gli asset forniti solo a mutuatari sovra-collateralizzati, incentivare la liquidità con tassi di interesse algoritmici e incentivare pesantemente la liquidazione delle posizioni che si avvicinano all’insolvenza. Sembra semplice, forse limitante, ma è efficace. Le principali società che hanno dichiarato bancarotta nel 2022 non hanno seguito questi precetti.

Lasciare che sia il codice a decidere

In un sistema on-chain, permissionless (senza permessi) e decentralizzato, non esiste un processo di recupero basato sul tribunale per spremere i beni da un mutuatario moroso. I mutuatari possono essere indirizzi anonimi della blockchain, o anche smart contract senza proprietario o entità fisica.

Per garantire un valore non negativo di un prestito, una parte (diversa dal prestatore) deve essere incentivata a rimborsarlo. Il mutuatario deve essere adeguatamente incentivato a chiudere la propria posizione, oppure il mutuante deve avere il diritto di chiuderla per lui attraverso la liquidazione e recuperare l’intero saldo.

Queste precondizioni sono applicate nel codice del protocollo Compound, che funziona in modo autonomo ed è open source. Il codice non può essere negoziato. Il suo funzionamento e le sue decisioni sono completamente trasparenti. 

Ciò consente a mutuatari e prestatori di conoscere le regole e di decidere se partecipare. Qualsiasi modifica al codice deve superare un processo di governance conservativo. Il processo di governance include un blocco temporale, in modo che se un partecipante non gradisce un’imminente modifica delle regole, abbia tutto il tempo di uscire dal protocollo. 

Il codice non prende decisioni arbitrarie, non soffre di pregiudizi umani (come la scelta di liquidare i clienti migliori), né si lascia prendere dall’entusiasmo (e fa prestiti rischiosi sotto-collateralizzati).

La rigidità, la trasparenza e l’autonomia hanno dimostrato il loro valore, soprattutto quest’anno, in quanto si pongono in netto contrasto con le rotture dei desk di prestito centralizzati che operano nel settore crypto. 

Vale la pena notare che Celsius, Three Arrows Capital e Alameda hanno chiuso le loro posizioni su Compound (e altri protocolli DeFi) prima di dichiarare bancarotta. 

Non potevano chiedere a questi protocolli di cambiare le regole attraverso la procedura fallimentare, e così facendo hanno sbloccato più valore per loro stessi (a causa della sovra-collateralizzazione) di quanto hanno rimborsato. 

Le loro controparti centralizzate non sono state altrettanto fortunate e avranno bisogno di anni per districare i loro rapporti in tribunale.

Essere sovra-collateralizzati

Essere sovra-collateralizzati sembra semplice: detenere in garanzia un valore superiore a quello del prestito. 

Quando si opera in uno smart contract decentralizzato, la parte di detenzione fisica della garanzia è necessaria fin dall’inizio, poiché il contratto non può fare alcuna ipotesi sulla fiducia nel mutuatario o rivolgersi al tribunale per un ulteriore recupero. 

Quando le società CeFi in bancarotta hanno dato origine ai loro prestiti, credevano (si spera) che il mutuatario avrebbe pagato loro almeno quanto dovuto. Utilizzando risorse non disponibili per gli smart contract, gli esseri umani determinavano che un prestito era sicuro e inviavano i beni dell’utente al mutuatario. 

Dal momento della creazione del prestito a oggi, gli esseri umani sembrano essersi sbagliati.

Un modo in cui i decisori umani possono valutare i mutuatari è quello di guardare alla loro reputazione di affidabilità e successo finanziario. La dichiarazione di fallimento rovina immediatamente questa reputazione. 

Quando un debitore diventa effettivamente insolvente, la sua reputazione ne risente. Se la reputazione si basa sulla presenza di beni, è meglio trattare direttamente i beni come garanzia, piuttosto che credere nella reputazione e nei beni contemporaneamente. 

C’è anche la possibilità che più finanziatori di questo tipo tengano conto della presunta reputazione o della semplice conoscenza dei beni del debitore piuttosto che detenere effettivamente il collaterale. Trattare la reputazione come garanzia per un prestito diventa una sorta di doppio conteggio.

Un altro modo fatale per valutare male le garanzie è quello di trascurare di considerare cosa succede quando si ha bisogno di venderle. Il prezzo spot di un bene può erodersi rapidamente quando si vendono grandi quantità. 

Il momento di vendere un asset per la liquidazione spesso coincide con un calo del prezzo dell’asset stesso. Ciò rende doppiamente pericolosa una valutazione ottimistica delle garanzie in tempi di stabilità o di mercato rialzista. I protocolli DeFi devono tenerne conto in modo aggressivo a causa dell’estrema volatilità dei prezzi delle criptovalute. 

Compound utilizza i fattori di garanzia per determinare il potere di prestito degli asset in base alla volatilità dell’asset e alla forza del mercato. Terze parti, come Gauntlet, eseguono simulazioni numeriche, utilizzando dati storici e scenari peggiori, per aiutare a determinare quali dovrebbero essere i parametri di rischio per il protocollo attraverso la governance della catena.

Anche i prestatori sono caduti nella trappola di lasciare che il loro destino sia legato a quello di coloro che prendono in prestito da loro. Si è tentati di far crescere le dimensioni di un singolo mutuatario o di un prestito a fronte di un singolo tipo di garanzia, al fine di raccogliere maggiori pagamenti di interessi. 

Nel caso di Alameda / FTX, le società erano talmente intrecciate che la motivazione di liquidare i prestiti di Alameda su FTX era apparentemente assente. Forse c’era il desiderio di conservare quello che si riteneva un rapporto redditizio, ma questo errore umano (insieme a molti altri fattori) alla fine ha portato all’insolvenza di entrambe le società. Non si tratta solo di una parte amica che il prestatore non è disposto a liquidare, ma di un particolare tipo di garanzia che il prestatore è riluttante a vendere. 

Se un prestatore assume come garanzia un’attività in cui ha un interesse, potrebbe non essere disposto a vendere rapidamente quando necessario per paura di compromettere la propria posizione. 

I programmi informatici che non differenziano la loro relazione con un mutuatario o un bene da un altro non hanno questo problema.

Il futuro

I principali punti di forza della gestione del rischio della DeFi sono la sua trasparenza e la rigidità con cui valuta equamente i partecipanti. 

Un protocollo DeFi può prendere decisioni sbagliate sulla gestione del rischio al momento del lancio o nella gestione corrente della DAO, con la stessa facilità di una società centralizzata, ma i suoi difetti sono messi a nudo fin dal primo giorno. Quando si realizzano soluzioni puramente algoritmiche e si fa affidamento su un codice che funziona 24 ore su 24, 7 giorni su 7, senza l’intervento umano, i pregiudizi personali (come la fiducia nella controparte sbagliata a causa della vicinanza personale) non esistono.

Se un difetto di progettazione permette di avere una posizione troppo grande da liquidare, la trasparenza di un protocollo DeFi significa che gli utenti hanno l’opportunità di evitare l’uso e di spingere per una soluzione piuttosto che confidare che le cose stiano andando bene a porte chiuse.

I prestatori decentralizzati e quelli centralizzati devono affrontare sfide di gestione del rischio simili, ma i protocolli decentralizzati sono di default più trasparenti e non fanno favoritismi.

Il prestito decentralizzato è stato fortunato perché molti dei modi più semplici per sbagliare quando si presta denaro sono in gran parte non disponibili per un protocollo on-chain fin dall’inizio. 

I migliori prestatori centralizzati andranno oltre i minimi richiesti dalle normative e porteranno le lezioni della DeFi nel mondo regolamentato. 

Le società che sono fallite quest’anno forse conoscevano già queste lezioni, ma hanno corso rischi spropositati, in parte a causa della mancanza di trasparenza e di discrezione umana. 

I prestatori centralizzati hanno l’opportunità di imparare dai successi della DeFi

Siate trasparenti, robotici, eliminate la discrezione e, soprattutto, non perdete il patrimonio dei vostri utenti.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS