HomeCriptovaluteEthereumEthereum: la quotazione è ancora colorata di rosso

Ethereum: la quotazione è ancora colorata di rosso

Ethereum dal 20 di febbraio registra una quotazione in continua discesa, ma il trend potrebbe presto cambiare.

La quotazione di Ethereum persevera nel canale discendente ma per la maggior parte degli analisti sembra pronta a ripartire con slancio. 

Quotazione attuale e possibili trend futuri di Ethereum (ETH)

Negli ultimi venti giorni Ethereum è passato dai 1592,87 Euro di lunedì 20 febbraio agli attuali 1450,87 Euro di oggi.

La parabola discendente si conferma anche oggi con la valuta che perde lo 0,10% (1,43 Euro) nelle 24 ore. 

Solo nell’ultima settimana, il prezzo di ETH ha lasciato sul campo l’1,37%. 

Nonostante questo periodo negativo, la quasi totalità degli esperti è concordo che nel futuro della crypto ci saranno grandi soddisfazioni per gli investitori.

Febbraio si è dimostrato buono per ETH che a fine mese quotava 1650 Euro, anche la coppia di trading ETH/BTC dà la valuta di Vitalik Buterin vincente. 

L’opinione comune è che Ethereum sovraperformerà Bitcoin poiché ha retto con stabilità il canale discendente che è iniziato a fine ottobre.

Solitamente questo tipo di situazione porta ad un cambio repentino di direzione. 

La Securities and Exchange Commission americana torna a pontificare sul mondo crypto e come spesso accade lo fa per il tramite del suo capo. 

Gary Gensler, Il capo del regolatore americano, intervistato dal NYMAG, è tornato sull’argomento crittografico spiegando ciò che già aveva dichiarato un mese fa. 

Per Gensler, in sostanza, Ethereum sarebbe un prodotto/strumento finanziario come tanti altri e per tale è sotto l’egida e le regole della SEC. 

SEC: l’infinita sfida tra commodity e security

Il capo supremo della SEC non cita direttamente la creatura di Buterin, ma parla del ruolo di Bitcoin e di tutto ciò che non lo è.

Per l’alto funzionario americano, solo Bitcoin può fregiarsi del titolo di commodity, mentre tutte le altre criptovalute o quasi rientrerebbero nella giurisdizione della SEC.

“Tutto al di fuori di Bitcoin…Puoi trovare un sito web, puoi trovare un gruppo di imprenditori che potrebbero anche aver messo in piedi società in paradisi fiscali offshore, potrebbero avere una fondazione, potrebbero fare arbitraggio legale e […] Sotto sotto questi token sono securities perché c’è un gruppo nel mezzo e il pubblico si aspetta profitti basati su quel gruppo”.

A quanto pare Gary Gensler, non lascia molto scampo alle crypto e nelle sue parole si legge una chiara volontà di mettere ordine al settore motu proprio. 

La tanto temuta stagione della regolamentazione a pioggia potrebbe vedere la luce a breve se la SEC darà concretezza alle proprie parole. 

Non solo SEC, però, a tenere banco a casa Ethereum sono ancora una volta gli aggiornamenti o meglio detti Fork. 

A distanza di pochi mesi dal Merge di Ethereum, l’aggiornamento attualmente più atteso è quello di Shangai, che per ora è stato rimandato ad aprile.  

I prossimi, invece, saranno quelli relativi alla Goerli testnet ed Ethereum mainnet, ma al momento non ci sono date ufficiali. 

George Michael Belardinelli
George Michael Belardinelli
Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS