HomeCriptovaluteA causa dei problemi regolamentari statunitensi le azioni di Coinbase saranno declassate...

A causa dei problemi regolamentari statunitensi le azioni di Coinbase saranno declassate a “neutral”

Coinbase, il popolare exchange di criptovalute, è stato al centro delle cronache negli ultimi tempi a causa del prezzo delle sue azioni e dei problemi normativi. 

Sebbene il prezzo delle azioni della società abbia registrato un aumento significativo dopo la sua quotazione diretta sul Nasdaq, da allora ha dovuto affrontare diverse battute d’arresto. 

Di recente, gli analisti di Citi hanno declassato le azioni della società da “buy” (acquistare) a “neutral” (neutrale) e hanno abbassato l’obiettivo di prezzo, citando le incertezze normative come motivo principale.

Gli analisti Citi hanno declassato le azioni di Coinbase da “buy” a “neutral

La questione della regolamentazione è da tempo una spina nel fianco del settore delle criptovalute

Se da un lato molti governi e istituzioni finanziarie stanno iniziando a riconoscere i potenziali vantaggi delle criptovalute, dall’altro vedono la necessità di una regolamentazione per proteggere i consumatori e prevenire attività illegali come il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. 

Di conseguenza, le agenzie di regolamentazione di tutto il mondo hanno lavorato per stabilire regole e linee guida per il settore delle criptovalute.

Negli Stati Uniti, l’ambiente normativo per le criptovalute è stato particolarmente impegnativo. Mentre alcuni Stati hanno stabilito le proprie normative, non esiste un quadro federale completo che disciplini il settore. 

Questo ha portato a un mosaico di regole e linee guida che variano da Stato a Stato, creando confusione e incertezza per le società di criptovalute come Coinbase.

La mancanza di chiare linee guida normative è stato un fattore significativo che ha pesato sul prezzo delle azioni di Coinbase. 

Senza regole chiare, gli investitori esitano a investire nella società. Inoltre, l’incertezza che circonda l’ambiente normativo rende difficile per Coinbase pianificare il futuro e prendere decisioni strategiche.

Gli analisti di Citi hanno citato queste incertezze normative come la ragione principale del declassamento delle azioni di Coinbase. 

Secondo gli analisti, fino a quando le autorità di regolamentazione non stabiliranno delle linee guida chiare per il settore delle criptovalute, il prezzo delle azioni di Coinbase continuerà a subire un calo.

Tuttavia, è importante notare che il problema della regolamentazione non riguarda solo Coinbase. L’intero settore delle criptovalute è da anni alle prese con le incertezze normative.

Mentre alcune società sono riuscite a prosperare nonostante la mancanza di normative chiare, altre hanno faticato a farsi strada nel mercato.

La buona notizia per Coinbase è che le agenzie di regolamentazione negli Stati Uniti stanno iniziando ad assumere un ruolo più attivo nel settore delle criptovalute. 

Negli ultimi mesi, la Securities and Exchange Commission (SEC) ha preso provvedimenti per regolamentare gli scambi di criptovalute e le offerte iniziali di monete (ICO). 

Inoltre, la Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) ha proposto nuove regole che impongono agli scambi di criptovalute di raccogliere informazioni sui loro clienti per prevenire il riciclaggio di denaro.

Attori e incertezze da affrontare sulla regolamentazione crypto

Sebbene questi sviluppi siano incoraggianti, c’è ancora molta strada da fare prima che il contesto normativo per le criptovalute negli Stati Uniti diventi chiaro e coerente. 

Fino ad allora, società come Coinbase continueranno ad affrontare l’incertezza e la volatilità del mercato.

Un altro fattore che potrebbe influire sul prezzo delle azioni di Coinbase in futuro è la concorrenza. Sebbene Coinbase sia attualmente il più grande exchange di criptovalute negli Stati Uniti, deve affrontare la forte concorrenza di altre società come Binance e Kraken.

Queste società hanno ampliato la loro presenza sul mercato statunitense e potrebbero potenzialmente intaccare la quota di mercato di Coinbase.

Per rimanere al passo con la concorrenza, Coinbase dovrà continuare a innovare e ad ampliare la propria offerta. 

Negli ultimi mesi la società ha già effettuato diverse acquisizioni strategiche, tra cui quella di Skew, una piattaforma di analisi dei dati per i derivati delle criptovalute. 

Inoltre, Coinbase ha annunciato l’intenzione di lanciare una propria carta di debito e sta esplorando la possibilità di offrire una propria stablecoin.

Nel complesso, il futuro della quotazione di Coinbase è incerto. Se da un lato le incertezze normative e la concorrenza appesantiscono le azioni della società, dall’altro ci sono anche motivi per essere ottimisti. 

Con il settore delle criptovalute in continua crescita ed evoluzione, Coinbase ha un potenziale significativo per espandere la propria offerta e consolidare la propria posizione di leader del mercato. 

Tuttavia, fino a quando le agenzie di regolamentazione non stabiliranno linee guida chiare per il settore, gli investitori rimarranno probabilmente cauti, il che potrebbe avere un impatto sul prezzo delle azioni di Coinbase nel breve termine.

I problemi di Coinbase con la SEC

Oltre alle incertezze normative che Coinbase si trova ad affrontare, la società è anche alle prese con una potenziale azione esecutiva da parte della SEC. 

A marzo, la società ha rivelato di aver ricevuto un avviso di Wells dalla SEC per possibili violazioni delle leggi sui titoli. Questo avviso è una notifica formale da parte della SEC che sta valutando la possibilità di intraprendere un’azione esecutiva contro la società.

L’avviso di Wells è legato al previsto lancio da parte di Coinbase di un programma di prestito che consentirebbe agli utenti di guadagnare interessi sulle criptovalute in loro possesso. La SEC ha espresso il timore che il programma possa offrire titoli senza una registrazione o un’esenzione adeguata.

Coinbase ha risposto alle accuse della SEC, sostenendo che il programma di prestito non è un titolo e non richiede la registrazione. L’azienda ha anche accusato la SEC di non aver fornito linee guida chiare per il settore delle criptovalute, il che ha creato incertezza per aziende come Coinbase.

Ad aprile, Coinbase ha presentato un’azione legale presso un tribunale federale per obbligare la SEC a fare chiarezza sul trattamento normativo di alcuni asset digitali. 

La società chiede un’ordinanza del tribunale che imponga alla SEC di chiarire la sua posizione in merito al fatto che alcune criptovalute siano titoli e siano soggette alla supervisione della SEC.

L’esito dell’indagine della SEC sul programma di prestito di Coinbase è ancora incerto. Se la SEC decidesse di intraprendere un’azione esecutiva contro la società, potrebbe avere un impatto significativo sul prezzo delle azioni di Coinbase e sul settore delle criptovalute in generale. 

Tuttavia, se Coinbase riuscisse a respingere con successo le accuse della SEC, potrebbe dare una spinta molto necessaria alle azioni della società.

Nonostante le sfide normative e legali che Coinbase si trova ad affrontare, la società rimane uno degli attori più importanti del settore delle criptovalute. 

Poiché sempre più investitori e istituzioni iniziano ad abbracciare le criptovalute, Coinbase è ben posizionata per beneficiare di questa tendenza.

La piattaforma della società offre a privati e istituzioni un modo semplice per acquistare, vendere e detenere criptovalute e la sua recente espansione in nuovi mercati e prodotti dimostra che non si accontenta di riposare sugli allori.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS