HomeCriptovaluteBitcoin di nuovo sopra i $27K dopo che Hong Kong conferma il...

Bitcoin di nuovo sopra i $27K dopo che Hong Kong conferma il trading crypto al dettaglio

È ufficiale: Hong Kong conferma che darà il via libera al trading crypto al dettaglio a partire dal primo giugno, Bitcoin reagisce positivamente alla notizia.

Di seguito tutti i dettagli. 

Hong Kong dice sì al trading crypto, Bitcoin sale dell’1,7%

Come anticipato, i prezzi delle crypto sono aumentati martedì dopo che l’autorità di regolamentazione dei titoli di Hong Kong ha annunciato che consentirà il trading al dettaglio di alcune criptovalute a partire dal 1° giugno.

Di conseguenza, Bitcoin è salito dell′1,7% a $27,293,64, secondo Coin Metrics. La più grande criptovaluta è stata scambiata in un piccolo intervallo per tutto il mese di maggio, lottando per superare i $30,000, ma rimanendo sopra i $25,000. 

Nella tarda serata di lunedì, la Securities and Futures Commission di Hong Kong ha dichiarato che consentirà agli investitori al dettaglio di scambiare determinate criptovalute a partire dal prossimo mese su piattaforme di trading registrate. 

La mossa era ampiamente attesa, con l’annuncio che ha segnato la fine di una richiesta di commento pubblico presentata a febbraio sui requisiti normativi proposti per il commercio al dettaglio di criptovalute.

C’è da sottolineare che le nuove linee guida fanno parte di un impegno più ampio di Hong Kong per diventare un hub crittografico globale

Tuttavia, questa ambizione è in netto contrasto con la Cina, che ha vietato il trading di criptovalute nel 2021, così come con gli Stati Uniti, dove la posizione normativa nei confronti delle criptovalute è diventata ostile dopo il crollo di FTX.

Considerazioni in merito all’andamento di Bitcoin

La Securities and Futures Commission di Hong Kong ha già concesso in licenza due piattaforme di asset digitali, OSL e Hash Blockchain, ed è probabile che alcune stiano già negoziando attivamente offshore, ha affermato Acheson.

Inoltre, Owen Lau, analista di Oppenheimer, ha definito Hong Kong “piuttosto aggressiva” per il suo tentativo di voler diventare un hub crittografico: 

“Continuerà a catturare l’attenzione della comunità e ad attrarre più aziende ad aprire uffici a Hong Kong. È difficile valutare l’impatto esatto, ma ha un effetto a lungo termine sul flusso di capitali e sul movimento dei talenti.” 

Sebbene il movimento dei prezzi sia piccolo, la notizia arriva in un momento in cui il mercato è privo di grandi catalizzatori e il trading ha raggiunto una pausa. 

Inoltre, mentre gli investitori monitorano le negoziazioni sul tetto del debito e le aspettative di aumento dei tassi aumentano, Bitcoin ha ricominciato a comportarsi come un asset di rischio, proprio mentre stava iniziando a essere scambiato di più in tandem con l’oro.

Vediamo anche che Bitcoin ed Ether sono sulla buona strada per il peggior mese del 2023, rispettivamente in calo del 7,6% e del 3,1%. Bitcoin è in calo del 4,5% per il trimestre, dopo aver chiuso il primo trimestre in rialzo del 71%. Ether è in rialzo dell′1%, dopo aver registrato un guadagno del 52% nel primo trimestre.

I livelli storicamente bassi delle risorse crittografiche: perché? 

Negli ultimi tempi, importanti risorse digitali hanno registrato una liquidazione totale di circa $55 milioni, con Bitcoin ed Ethereum in testa al gruppo rispettivamente a $15,54 milioni e $14,77 milioni. 

Di conseguenza, il resto del mercato delle altcoin ha riportato una liquidazione di circa $25 milioni, evidenziando un calo significativo dei trader di criptovalute

Allo stesso tempo, il calo del volume degli exchange crypto si allinea con il calo del prezzo di Bitcoin al di sotto del livello di supporto cruciale di $27,5K. 

I rialzisti di Bitcoin stanno ora cercando di mantenere la stabilità al di sopra della 200 MA settimanale, attirando l’attenzione sui prossimi verbali della riunione del FOMC in programma mercoledì.

Inoltre, un recente rapporto della piattaforma on-chain Santiment rivela una sostanziale diminuzione dei volumi di scambio di criptovalute dal rimbalzo di Bitcoin all’inizio di marzo. 

Inoltre, è interessante notare che l’attesissimo Ethereum Shanghai Upgrade del 12 aprile non è riuscito ad innescare un volume di scambi significativo nell’ecosistema delle criptovalute a causa delle preoccupazioni per le potenziali repressioni normative negli Stati Uniti.

Infatti, il rapporto di Santiment sottolinea che le più grandi risorse crittografiche stanno attualmente registrando livelli storicamente bassi di volume di scambi settimanali. In particolare, il volume delle altcoin si è notevolmente ridotto. 

Guardando al futuro, con l’avvicinarsi dell’halving di Bitcoin entro un anno, gli esperti si aspettano che il mercato delle criptovalute continui a consolidarsi e negoziare in sincronia con le prospettive generali del mercato. 

Di conseguenza, gli analisti delle criptovalute prevedono una potenziale scossa prima di un rimbalzo, poiché i timori di un’imminente recessione incombono nella seconda metà del 2023.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS