HomeCriptovaluteDogecoin: la crypto è sostenuta dalla rete Litecoin grazie al merged mining

Dogecoin: la crypto è sostenuta dalla rete Litecoin grazie al merged mining

Dogecoin, la crypto preferita di Elon Musk, è sostenuta dalla rete Litecoin grazie al “merged mining”, un accordo proposto da Charlie Lee per prestare la sicurezza della sua blockchain. 

Dogecoin: la crypto preferita da Elon Musk è sostenuta da Litecoin col merged mining

Dogecoin (DOGE), la memecoin diventata famosa grazie anche all’interesse del CEO di Tesla, Elon Musk, è sostenuta dalla rete Litecoin col merged mining. 

Ecco perché una delle crypto più storiche non dovrebbe essere sottovalutata, dato la sua importanza nel sostenere anche quelle diventate più popolari. 

In pratica, era il 2014 quando la blockchain Dogecoin era a rischio attacco, in quanto stava per esaurire le ricompense dei blocchi, dato il ritmo frenetico di emissione della moneta. E allora, Charlie Lee, CEO di Litecoin, ha voluto proporre l’accordo di merged mining, che ha permesso a Dogecoin di prendere in prestito la sicurezza della rete di LTC. 

Nel giro di un mese, la difficoltà di hashrate/mining di Dogecoin è aumentata del +1500% grazie all’ampliamento delle operazioni dei grandi pool di mining.

Da allora, l’hashrate di Dogecoin ha mostrato una correlazione estremamente forte e positiva (0,95) con l’hashrate di Litecoin. A luglio 2019, quasi il 90% dell’hashrate totale di Dogecoin proveniva da grandi pool di mining di Litecoin e la sua blockchain elaborava circa 30.000 transazioni al giorno.

Dogecoin e Litecoin: le due crypto a confronto

Nonostante Litecoin è la crypto più storica, nata nel 2011 e diventata presto l’argento digitale, il suo market cap è inferiore a quella di Dogecoin, nata per gioco nel 2013. 

E infatti, al momento della scrittura, LTC è in 11esima posizione nella classifica generale delle crypto, con un capitalizzazione di mercato totale di oltre 6 miliardi di dollari. Dogecoin, invece, è all’ottava posizione, con un market cap totale di oltre 10 miliardi di dollari. 

Per quanto riguarda i prezzi attuali delle due crypto, LTC vale 86,23$ in dump del -5,5% nell’ultima settimana, mentre DOGE 0,073$, in dump del -7% negli ultimi sette giorni. 

Ad ogni modo, mentre Litecoin ha visto il suo successo nel voler essere la seconda blockchain a Bitcoin, Dogecoin ha avuto dei celebri sostenitori del calibro di Elon Musk. 

Non solo, nella giornata di ieri, Litecoin ha registrato il suo halving:

La notizia dell’implementazione di BTC e DOGE su X

Da qualche giorno, sembra stia circolando la notizia che la nuova X di Elon Musk (Twitter), potrebbe implementare anche la compravendita di crypto come Bitcoin o Dogecoin. 

In realtà, tale voce non è ancora stata confermata. Ma come è noto, con Musk tutto è possibile. E infatti, le sue intenzioni con la sua nuova X, non è solo fare il rebranding di Twitter, ma di espandere il suo servizio di social network in molto altro. 

Tra le altre cose, ci sarebbe infatti l’intenzione di creare un’interfaccia unica per tutti i suoi utenti anche nel mondo finanziario che, dato il suo coinvolgimento nel mondo crypto, non potrà non integrarle. 

Non solo, secondo uno studio di CryptoBetting.com, DOGE è anche tra le crypto più popolari in America, insieme a Bitcoin e Shiba Inu. Il report si basa sui dati relativi al volume di ricerca per analizzare e confrontare le diverse crypto, tra le prime 100 criptovalute per market cap. 

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS