HomeCriptovaluteBitcoinLe previsioni sull’approvazione dell’ETF sul Bitcoin stanno migliorando giorno per giorno

Le previsioni sull’approvazione dell’ETF sul Bitcoin stanno migliorando giorno per giorno

Senza alcun dubbio, uno degli sviluppi chiave che gli investitori attendono con ansia è l’approvazione di un fondo negoziato in borsa (ETF) sul Bitcoin negli Stati Uniti e le previsioni sembrano sempre più positive. 

Questo ambito traguardo potrebbe potenzialmente aprire le porte a un’adozione più diffusa del Bitcoin come classe di investimento legittima. 

Secondo gli analisti di Bloomberg Intelligence, le possibilità che quest’anno venga lanciato un ETF sul Bitcoin a spot negli Stati Uniti sono notevolmente migliorate, passando dal 50% a un incoraggiante 65%.

Migliorano le previsioni sull’approvazione dell’ETF sul Bitcoin: gli analisti vedono il 65% di probabilità

Gli analisti, James Seyffart ed Eric Balchunas, hanno sottolineato diversi sviluppi recenti che hanno contribuito a rendere le loro previsioni più ottimistiche. 

Uno di questi è l’apparente approvazione della piattaforma di trading Bitcoin di Coinbase da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense. 

Questo semaforo verde per Coinbase è considerato un segnale positivo per il più ampio mercato delle criptovalute, indicando che gli ostacoli normativi potrebbero attenuarsi.

Un altro fattore che contribuisce è la posizione del presidente della SEC Gary Gensler sulla questione. 

In una recente intervista, Gensler ha minimizzato il suo ruolo all’interno dell’agenzia quando è stato interrogato sulle questioni relative alle criptovalute, sottolineando che ci sono altri quattro commissari coinvolti nel processo decisionale. 

Questo cambiamento di tono e di approccio ha attirato l’attenzione degli analisti, che lo interpretano come un potenziale segnale che il sentimento anti-crittografia all’interno della SEC potrebbe perdere sostegno politico e diventare insostenibile.

Anche il coinvolgimento di importanti istituzioni finanziarie nella corsa al lancio di un ETF sul Bitcoin aggiunge peso all’aumento delle probabilità. 

Società come BlackRock, Fidelity, WisdomTree e Valkyrie hanno presentato domanda per creare un ETF su Bitcoin a spot, e quella di BlackRock è particolarmente interessante. 

BlackRock ha una solida esperienza di successo con le richieste di ETF, avendo raramente affrontato rifiuti in passato. Questo, unito al crescente interesse mainstream per le criptovalute, rafforza ulteriormente le possibilità di approvazione dell’ETF.

La propensione della  SEC all’approvazione

Per quanto riguarda la potenziale disponibilità della SEC ad approvare un ETF sul Bitcoin, Seyffart e Balchunas hanno fatto notare che la SEC sembra più propensa a piegarsi agli ETF legati specificamente al Bitcoin, rispetto ad altre criptovalute. 

L’apparente approvazione da parte della SEC della piattaforma di trading Bitcoin di Coinbase rafforza questa idea. Coinbase, in quanto partner e depositario di un importante accordo di condivisione della sorveglianza, è profondamente coinvolta in molti degli attuali depositi di ETF, il che la rende un attore cruciale nel processo.

Inoltre, anche la causa legale in corso contro il gestore di criptovalute Grayscale potrebbe giocare un ruolo nella definizione del panorama normativo. Bloomberg prevede che la SEC perderà la causa, il che potrebbe avere un effetto catalizzatore sull’approvazione degli ETF Bitcoin.

 Una sconfitta della SEC potrebbe indurre l’agenzia a riconsiderare la propria posizione e potenzialmente aprire la strada a un maggior numero di prodotti di investimento legati alle criptovalute.

Sebbene il percorso verso l’approvazione di un Bitcoin ETF a spot negli Stati Uniti rimanga incerto, questi recenti sviluppi hanno certamente rafforzato le prospettive. La revisione delle stime degli analisti al 65% riflette la crescente convinzione che il settore si stia avvicinando al raggiungimento di questo importante traguardo. 

Tuttavia, gli investitori e le parti interessate dovrebbero rimanere cautamente ottimisti, poiché le decisioni normative possono essere imprevedibili e soggette a cambiamenti.

Conclusioni

In conclusione, le crescenti probabilità che quest’anno venga lanciato un ETF sul Bitcoin a spot negli Stati Uniti, come previsto dagli analisti di Bloomberg, rappresentano un promettente passo avanti per il mercato delle criptovalute

Il crescente interesse da parte delle principali istituzioni finanziarie, l’apparente approvazione della piattaforma di trading Bitcoin di Coinbase e il cambiamento di posizione del presidente della SEC Gary Gensler contribuiscono ad aumentare la probabilità di un’accettazione normativa.

La potenziale approvazione di un ETF sul Bitcoin ha un significato immenso per la più ampia adozione e legittimazione delle criptovalute come asset di investimento mainstream. Potrebbe aprire la strada a una partecipazione più diffusa da parte degli investitori retail e istituzionali, rendendo più facile l’esposizione al Bitcoin senza le complessità della proprietà diretta.

Tuttavia, è essenziale temperare l’ottimismo con la cautela, poiché le decisioni normative sono soggette a imprevedibilità e potrebbero richiedere più tempo del previsto. 

La SEC ha storicamente esercitato prudenza nel suo approccio agli asset digitali, dando priorità alla protezione degli investitori e all’integrità del mercato. Pertanto, gli investitori e gli stakeholder devono rimanere pazienti e vigili mentre il settore si muove nel panorama normativo.

Per andare avanti, gli operatori del settore, le autorità di regolamentazione e i partecipanti al mercato devono continuare a collaborare per trovare un equilibrio tra innovazione e regolamentazione. Un ambiente ben regolamentato e trasparente può favorire una crescita sana, incoraggiando ulteriori progressi nello spazio delle criptovalute.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick