HomeBlockchainDavid Bchiri: "è così che educhiamo la community su XRP Ledger"

David Bchiri: “è così che educhiamo la community su XRP Ledger”

The Cryptonomist ha intervistato David Bchiri di XRPL Commons durante l’APEX Developer Summit organizzato dall’ecosistema Ripple ad Amsterdam un paio di settimane fa.

Qual è il ruolo di XRPL Commons nell’ecosistema Ripple?

Siamo una fondazione costituita a Parigi. L’abbiamo lanciata 6 mesi fa, ad aprile, con l’idea di avere uno spazio fisico che diventasse un hub per sviluppatori e imprenditori. Abbiamo tre pilastri su cui ci concentriamo: l’educazione, quindi la diffusione dell’ecosistema Ripple, l’adozione da parte delle aziende, che è la mia visione per l’adozione mainstream, e l’organizzazione della community. Siamo un team di otto persone che gestisce questo programma da Parigi e l’obiettivo è di replicarlo in altri territori. Per quanto riguarda l’istruzione, lo facciamo in modi diversi. 

Innanzitutto abbiamo un’aula gratuita nel nostro quartier generale, dove ospitiamo corsi di formazione sullo sviluppo. Ogni corso è disponibile anche online. Inoltre, collaboriamo con le università. Secondo un rapporto, in Francia entro il 2025 ci sarà una carenza di competenze nello spazio blockchain di circa 10.000 persone, quindi ci sono incentivi per le università a formare su questi set di competenze. La nostra idea è quella di formare gli insegnanti in modo che possano insegnare.

E per quanto riguarda il miglioramento dell’adozione di Ripple?

Per quanto riguarda l’adozione, abbiamo un responsabile del dipartimento di formazione aziendale che si occupa di aprire conversazioni con i dirigenti, come CEO, CFO e CTO, per ridurre il rumore intorno a NFT e crypto e verificare cosa possono realmente aspettarsi dalla blockchain come azienda. Di solito vogliono usare la blockchain per ricreare un livello di fiducia. Abbiamo colloqui con settori molto diversi, dalle aziende alimentari alle banche e alle assicurazioni. Abbiamo altri progetti con gli hedge fund, ecc. Il nostro piano non è quello di concentrarci solo sul settore finanziario. 

Tutti i marchi che hanno un valore nell’autenticare la provenienza di un prodotto, come lo champagne, vendono il fatto di provenire da un unico luogo, quindi è importante per loro tracciare la provenienza del prodotto. Oppure è importante tracciare i prodotti sul mercato secondario per capire se il prodotto è originale e come ottenere le royalties. Queste aziende hanno già investito nel settore della blockchain con una persona interna che istruisce l’azienda. L’80% del loro lavoro consiste nell’educare prima di avere un prodotto. 

Come state aiutando la community?

Stiamo costruendo una community, ma esiste già. Ha una cultura, alcuni codici. È composta principalmente da sviluppatori di base che stanno costruendo sul protocollo o che vedono un vantaggio nell’utilizzo del libro mastro XRP. Stiamo cercando di creare un senso di appartenenza.

Abbiamo alcuni progetti e vogliamo affrontare l’intera catena del valore per gli sviluppatori. Ci sono pochi programmi di supporto per gli sviluppatori, come il programma di sovvenzioni XRPL o l’acceleratore XRPL. Abbiamo appena lanciato l’Aquarium: è un programma di 12 persone per 12 settimane.

Li ospitiamo nel nostro quartier generale di Parigi per aiutarli a trasformare le loro idee in prototipi. Poi possono fare domanda per il programma di sovvenzioni. Uno dei programmi riguarderà la DeFi, per consentire agli sviluppatori di creare nuove dApp su XRPL. Inoltre, l’istituzione pubblica francese che si occupa della stampa di passaporti e documenti d’identità sta studiando la blockchain e quindi credo che sia un buon momento per concentrarsi anche sulle soluzioni decentralizzate per i documenti d’identità.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchiohttps://cryptonomist.ch
Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist, oltre che Italian PR manager per l'exchange Bitget. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e ha pubblicato un libro "NFT: la guida completa'" edito Mondadori. Inoltre è co-founder del progetto NFT chiamati The NFT Magazine, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore. Come advisor, Amelia è anche coinvolta in progetti sul metaverso come The Nemesis e OVER.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS