HomeCriptovaluteFTX sotto accusa: rivendicazioni dai debitori verso l’exchange crypto Bybit per il...

FTX sotto accusa: rivendicazioni dai debitori verso l’exchange crypto Bybit per il recupero di $935 milioni

Crypto news: una recente azione legale promossa dalle autorità che sovraintendono il processo di fallimento di FTX mira a recuperare la somma di 935 milioni di dollari. 

Nello specifico, si sostiene che questa considerevole cifra sia stata trasferita al braccio di investimento di Bybit e ad altri attori poco prima che FTX presentasse il Chapter 11 nel novembre 2022. 

Inoltre, si accusa Bybit di aver sfruttato gli asset di FTX depositati sulla sua piattaforma come leva, con l’intento di forzare il trasferimento di circa 20 milioni di dollari

Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

Il braccio di investimento dell’exchange crypto Bybit coinvolto nel contenzioso finanziario con FTX

Come anticipato, una nuova azione legale, avviata dalle entità che supervisionano il processo di fallimento di FTX, accusa Mirana Corp, un braccio di investimento dell’exchange crypto Bybit, di aver sfruttato il suo status di “VIP” per ricevere la parte predominante dei 935 milioni di dollari trasferiti poco prima della presentazione del Chapter 11. 

In particolare, la causa sostiene che questi trasferimenti siano stati effettuati con l’intento di ostacolare, ritardare o frodare i creditori attuali o futuri di FTX.

Gli amministratori fallimentari di FTX sostengono che i trasferimenti multipli a Mirana Corp, Time Research e a vari individui dovrebbero essere considerati fraudolenti secondo la Sezione 548(a)(1)(A) del Codice Fallimentare. 

Questi trasferimenti fraudolenti costituiscono la base legale per la richiesta di restituzione dell’intero importo trasferito, oltre agli interessi, a beneficio della massa fallimentare dei debitori.

Secondo la causa, Mirana Corp ha ricevuto beni per un valore di $837.815.847, mentre Time Research ha ottenuto $47.995.279. 

La rivendicazione contro entrambe le entità potrebbe essere soggetta, in parte, a un ‘nuovo valore successivo’, ma questa dipenderà dai depositi rimanenti sui conti FTX dopo i trasferimenti privilegiati.

Le accuse rivolte a Bybit 

Inoltre, la causa non solo accusa il braccio di investimento di Bybit di trattamento preferenziale fraudolento, ma sostiene anche che la piattaforma di exchange crypto si rifiuti di onorare le richieste di trasferimento dei debitori di FTX. 

Invece, sembra che Bybit avrebbe chiesto il rilascio di circa 20 milioni di dollari che Mirana Corp non è riuscita a prelevare prima che FTX disabilitasse i prelievi l’8 novembre 2022.

I curatori fallimentari affermano che FTX, attraverso entità sotto il suo controllo, detiene asset per 125 milioni di dollari presso Bybit. 

Sebbene la proprietà di questi fondi da parte di FTX non sia oggetto di controversie, la causa sostiene che Bybit stia trattenendo questi asset sperando di influenzare il processo di fallimento.

Al fine di garantire il trasferimento dei fondi al patrimonio dei debitori, i curatori fallimentari di FTX hanno dichiarato di essere pronti a perseguire l’applicazione giudiziaria dei loro diritti in conformità con il codice fallimentare.

Il lancio di Backpack exchange da parte di alcuni ex dirigenti di FTX 

Alcuni ex dirigenti di FTX, incluso l’ex consulente generale Can Sun, protagonista chiave nel processo contro Sam Bankman-Fried, hanno dato vita a una nuova piattaforma crypto chiamata Backpack. 

La piattaforma, gestita dalla startup Trek Labs di Dubai, mira a introdurre un modello di trading sicuro e trasparente, imparando dagli errori del passato, con una versione beta prevista per il lancio.

Backpack Exchange adotta un approccio innovativo al trading, richiedendo l’approvazione di più parti per le transazioni, conferendo agli utenti maggiore controllo e visibilità sui propri asset. 

Inoltre, la piattaforma si concentra su portafogli di “autocustodia” utilizzando il calcolo multipartitico per garantire maggiore sicurezza.

L’exchange, guidato da Sun e da un altro ex dipendente di FTX, Armani Ferrante, ha l’obiettivo di ottenere una valutazione superiore a 100 milioni di dollari per una quota del 10%. 

Inoltre, altri ex dipendenti di FTX, tra cui Claire Zhang, ex vice di Sun, hanno ruoli chiave nella nuova piattaforma.

Sun, che ha collaborato con le autorità di regolamentazione di Dubai e ha firmato un accordo di non-prosecuzione con le autorità statunitensi dopo la debacle di FTX, contribuisce a conferire credibilità all’iniziativa. 

Ferrante, invece, a capo della holding registrata nelle Isole Vergini Britanniche, porta la sua esperienza da FTX e dal suo lavoro con i portafogli di valuta digitale al nuovo progetto, nonostante la perdita di fondi nel crollo di FTX.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS