HomeSponsoredMiss Universo 2023: domani la finale a El Salvador, il primo paese...

Miss Universo 2023: domani la finale a El Salvador, il primo paese ad adottare Bitcoin come valuta legale

SPONSORED POST*

Il 72esimo concorso di Miss Universo, denominato Miss Universo 2023, si svolgerà domani nella José Adolfo Pineda Arena di San Salvador, a El Salvador. L’ambasciatrice di El Salvador a Washington, Mayorga, ha spiegato che il Paese ha migliorato i suoi livelli di sicurezza, motivo per il quale gli organizzatori lo hanno scelto come sede.

El Salvador è stato il primo paese ad adottare Bitcoin come valuta legale nel 2021: il token sta vivendo un momento felice grazie alle aspettative sull’approvazione degli ETF spot su BTC, che andranno a influenzare il suo valore.

In vista di una sempre più vicina approvazione da parte della SEC, nascono progetti legati agli ETF, come Bitcoin ETF Token, attualmente protagonista di una prevendita che ha superato $900.000 in tempi record.

Domani si terrà la finale di Miss Universo 2023

Arriva anche quest’anno la finale di Miss Universo 2023, che si terrà presso l’Arena José Adolfo Pineda, comprensiva di 13.000 posti, a San Salvador, la capitale di El Salvador. Molti visitatori non hanno perso l’occasione di vedere o salutare le candidate come anche di visitare le piazze e i parchi del centro storico di San Salvador. 

Secondo l’ambasciatrice di El Salvador Mayorga, è stato fondamentale per il Paese prendere la decisione di ospitare un evento internazionale come Miss Universo, di grande prestigio e tradizione. Gli organizzatori del concorso, però, non hanno spiegato le ragioni per cui hanno scelto El Salvador come sede e non hanno risposto alla richiesta di commento della CNN.

Mayorga, che ha rappresentato El Salvador a Miss Universo nel 1996, è stata tra le 10 finaliste e crede che questo tipo di concorso mette alla prova l’organizzazione del Paese e la capacità di ospitare altri eventi internazionali in futuro.

Come ogni anno, anche in questa edizione ci saranno 90 ragazze, provenienti da varie nazioni, a contendersi il titolo: la rappresentante italiana è la 23enne Carmen Panepinto Zayati, che ha rappresentato le Marche nella competizione nazionale e ha sbaragliato le concorrenti.

El Salvador è stato il primo paese ad adottare Bitcoin come valuta legale 

Nel 2022, durante la competizione preliminare di Miss Universo, l’attrice e modella Alejandra Guajardo ha rappresentato El Salvador indossando sulla passerella un abito a tema Bitcoin, creato dall’artista Francisco Guerrero.

A questa sfilata ha fatto seguito l’approvazione di un nuovo disegno di legge a El Salvador, che voleva fornire un quadro normativo per le obbligazioni garantite da Bitcoin, allo scopo di utilizzarle per ripagare il debito sovrano e finanziare la costruzione di una Bitcoin City.

El Salvador, infatti, è stato il primo paese ad adottare Bitcoin come valuta legale nel 2021: il presidente Bukele si era detto spinto dalla necessità di intervenire sullo sviluppo economico del paese, consentendo al contempo ai cittadini di risparmiare sui $400 milioni in commissioni versate in rimesse dagli Usa e altri paesi. 

L’iniziativa era stata messa in atto il 7 settembre del 2021, quando nel paese erano stati creati 200 sportelli, presso i quali i cittadini potevano convertire i dollari in Bitcoin. Per incentivare questa operazione, il governo aveva anche aggiunto un bonus di $30 in BTC a chiunque avesse usato il wallet digitale Chivo.

Tuttavia questo esperimento non ha ancora avuto un buon seguito: l’uso di BTC è infatti molto scarso, infatti le crypto costituiscono meno del 2% delle rimesse estere, ovvero la principale fonte di reddito per l’economia da $29 miliardi di El Salvador.

Forse le cose potrebbero cambiare con l’approvazione degli ETF spot su BTC, che potrebbero far esplodere il token: in vista di questo, arriva il nuovo progetto Bitcoin ETF, che ha da poco superato $900.000 in prevendita.

Bitcoin ETF segue le tappe degli ETF spot su BTC

Il nuovo progetto Bitcoin ETF ha intenzione di far guadagnare ai suoi investitori seguendo  l’andamento degli ETF spot su Bitcoin e dello stesso token di conseguenza: per aumentare il valore di BTCETF, token nativo, il progetto conta sul burning, che andrà a ridurre l’offerta totale facendo potenzialmente aumentare il valore del token. 

Sono previsti cinque traguardi, al raggiungimento di ciascuno dei quali verrà bruciato il 5% dell’offerta totale di BTCETF dedicata al burning, pari al 25%. Ecco quali sono le tappe nel dettaglio: la prima prevede i $100 milioni di volume di trading di BTCETF; la seconda l’approvazione degli ETF spot su BTC; la terza il lancio del primo ETF spot; la quarta il raggiungimento di $1 miliardo dal patrimonio gestito dall’ETF su BTC (AUM); la quinta il raggiungimento di un valore di $100.000 da parte di BTC.

In concomitanza con il burning, ci sarà anche la diminuzione della fee sulle vendite dei token, dal 5% e fino allo 0% con il perseguimento dell’ultimo step. Gli investitori potranno anche guadagnare con il meccanismo di staking: le ricompense per gli utenti verranno distribuite nell’arco di cinque anni e la quantità di token verrà calcolata in base allo staking pool e all’APY, attualmente al 269%.

Secondo la tokenomica del progetto, il 100% della fornitura totale, ovvero 2.100.000.000 token, sarà messo in mano alla community: il 40% è disponibile in prevendita, il 25% è destinato alle ricompense per la comunità e un altro 25% al burning. L’ultimo 10% è invece pensato per garantire la liquidità sugli exchange.

Chi vuole partecipare alla prevendita può usare ETH, USDT, BNB, MATIC o una carta bancaria per l’acquisto dei token, utilizzando il proprio crypto wallet. Le prospettive per BTCETF con il listing sembrano molto interessanti per cui, se il mercato continua con il suo sentiment positivo e l’halving di BTC e l’approvazione degli ETF spot faranno il loro corso, BTCETF potrà fare più di 10x.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS