HomeNews dal MondoLe previsioni di Goldman Sachs: il taglio dei tassi della Fed avverrà...

Le previsioni di Goldman Sachs: il taglio dei tassi della Fed avverrà per il terzo trimestre del 2024 

Goldman Sachs ha modificato le sue previsioni, anticipando il primo taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve (FED) nel terzo trimestre del 2024, una mossa dettata dalla clamorosa impennata del mercato crypto.

Le previsioni di Goldman Sachs sul taglio dei tassi della Fed: anticipate al terzo trimestre del 2024

La proiezione aggiornata di Goldman Sachs per il taglio dei tassi di interesse anticipato dalla Federal Reserve, ora previsto nel terzo trimestre del 2024 anziché nel quarto, riflette una risposta strategica all’evoluzione delle dinamiche di mercato. 

L’attuale intervallo di riferimento della Fed per i tassi di interesse è compreso tra il 5,25% e il 5,5%. Questo aggiustamento è in linea con i recenti sviluppi del panorama finanziario, guidati in particolare dall’impressionante ascesa di bitcoin (BTC) e del più ampio mercato delle criptovalute.

Diversi fattori contribuiscono a questo aggiustamento delle tempistiche, e uno dei principali protagonisti è lo slancio rialzista del mercato delle criptovalute. 

L’impennata è alimentata da una confluenza di fattori, tra cui l’imminente lancio di un Exchange-Traded Fund (ETF) a pronti negli Stati Uniti, l’imminente halving della ricompensa per il mining di Bitcoin e la notevole flessione del rendimento del Tesoro statunitense a 10 anni, comunemente indicato come tasso privo di rischio.

Sembra del tutto chiaro che il lancio di un ETF spot negli Stati Uniti infonde ottimismo nello spazio delle criptovalute. Questo strumento finanziario ha il potenziale per attrarre una nuova ondata di investitori istituzionali, offrendo loro una via regolamentata per partecipare al mercato delle criptovalute. 

L’halving della ricompensa del mining di Bitcoin, un evento programmato che si verifica ogni quattro anni circa, funge da ulteriore catalizzatore. Storicamente, tali dimezzamenti sono stati correlati a tendenze rialziste nel mercato delle criptovalute, contribuendo ad aumentare l’interesse e la domanda.

Il taglio dei tassi d’interesse contemporaneamente all’halving del Bitcoin 

Contemporaneamente, il calo del rendimento del Tesoro statunitense a 10 anni amplifica il fascino degli asset alternativi, tra cui le criptovalute. Quando il tasso privo di rischio diminuisce, gli investitori cercano rendimenti più elevati in mercati più rischiosi ma potenzialmente più redditizi. Le criptovalute, note per la loro volatilità, diventano un’opzione interessante in questo panorama.

È fondamentale contestualizzare queste dinamiche di mercato all’interno del più ampio quadro economico governato dai tassi di interesse. 

Il tasso di interesse di riferimento della Fed, attualmente situato tra il 5,25% e il 5,5%, è soggetto alle aspettative degli operatori del mercato dei futures sui Fed funds. Le proiezioni indicano un calo previsto fino a una fascia che inizia al 4% entro la fine del prossimo anno.

L’intricata relazione tra i tassi d’interesse e il comportamento del mercato è fondamentale per comprendere le implicazioni della prevista riduzione dei tassi. Quando i tassi di interesse diminuiscono, il costo dei prestiti diminuisce. 

Questa riduzione dei costi di prestito stimola l’assunzione di rischi nell’economia e nei mercati finanziari, un fenomeno che si estende anche alle criptovalute.

Al contrario, lo scenario inverso si verifica quando i tassi di interesse subiscono una rapida ascesa, come si è osservato nel 2022 quando la Fed ha avviato il suo ciclo di inasprimento per combattere l’inflazione. 

Il conseguente aumento dei costi di finanziamento ha esercitato una pressione al ribasso sugli asset di rischio, comprese le criptovalute. La reazione del mercato ha sottolineato la sensibilità delle criptovalute ai fattori macroeconomici, in particolare ai tassi di interesse.

Conclusione

In conclusione, la revisione delle previsioni di Goldman Sachs sul primo taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve nel terzo trimestre del 2024 riflette una ricalibrazione strategica in risposta a un panorama finanziario dinamico. 

L’impennata del mercato delle criptovalute, trainata dalle prospettive di lancio di un ETF spot, dal dimezzamento della ricompensa per il mining di Bitcoin e dal calo del rendimento del Tesoro americano a 10 anni. Questa mossa sottolinea l’interconnessione tra la finanza tradizionale e il regno in evoluzione degli asset digitali. 

Mentre la Fed sta valutando la sua politica monetaria, l’intricata danza tra i tassi di interesse e i mercati delle criptovalute continua a plasmare la traiettoria delle dinamiche finanziarie.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS