HomeCriptovaluteCrypto news: Ripple (XRP) ottiene la registrazione presso la banca Centrale d'Irlanda...

Crypto news: Ripple (XRP) ottiene la registrazione presso la banca Centrale d’Irlanda per i servizi di asset virtuali

Crypto news: Ripple (XRP) si unisce all’elenco dei fornitori di servizi di asset virtuali registrati presso la Banca Centrale d’Irlanda, permettendo all’azienda specializzata in soluzioni blockchain e criptovalute di offrire specifici servizi di asset digitali nel territorio irlandese. 

Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

Crypto news: la registrazione presso la banca d’Irlanda abilita Ripple (XRP) a offrire nuovi servizi 

Come anticipato, Ripple (XRP), leader nelle soluzioni blockchain e crypto per le imprese, ha annunciato oggi che Ripple Markets Ireland Limited (Ripple Markets), la sua filiale irlandese, è stata ufficialmente inserita nell’elenco dei fornitori di servizi di asset virtuali (VASP) registrati presso la Banca Centrale d’Irlanda. 

Questa registrazione consentirà a Ripple Markets di offrire specifici servizi di asset digitali in Irlanda, rafforzando la posizione di Ripple nel panorama finanziario europeo.

In seguito a questa registrazione, Ripple prevede di ampliare la fornitura dei suoi servizi ai clienti nell’intero Spazio economico europeo. 

Specie una volta che il regolamento sui mercati degli asset crittografici (Markets in Crypto Assets Regulation – MiCA) diventerà operativo alla fine del 2024. Tuttavia, ciò avverrà subordinatamente all’acquisizione delle necessarie licenze.

L’apertura dell’ufficio di Ripple a Dublino nel 2022 riflette il riconoscimento dell’Irlanda come una destinazione favorevole per le imprese orientate alla tecnologia nei servizi finanziari. 

La Central Bank of Ireland ha creato l’Innovation Hub nel 2018, facilitando il dialogo informale tra le imprese fintech e l’autorità di regolamentazione.

Eric van Miltenburg, SVP, Iniziative strategiche, ha dichiarato in merito quanto segue: 

“L’inclusione di Ripple Markets nell’elenco dei fornitori di servizi di asset virtuali registrati presso la Central Bank of Ireland è un passo significativo per la nostra presenza nella regione.

L’Irlanda si afferma sempre più come una giurisdizione favorevole per l’industria degli asset virtuali, consolidando la nostra decisione di designare l’Irlanda come regolatore principale nell’UE.

La chiarezza normativa fornita dall’Irlanda, e dall’Unione Europea in generale, accresce la fiducia nell’ecosistema degli asset digitali, dei pagamenti e delle fintech, dimostrando un forte impegno verso la crescita a lungo termine di queste industrie.”

I successi regolamentari di Ripple dall’Irlanda a Dubai 

La registrazione di Ripple Markets come VASP in Irlanda si aggiunge ai successi globali di Ripple nella collaborazione con le autorità di regolamentazione. 

La filiale di Ripple a Singapore, Ripple Markets APAC Pte Ltd, ha infatti ottenuto la registrazione come VASP e ha acquisito la licenza di Major Payments Institution (MPI) dalla Monetary Authority of Singapore (MAS) nell’ottobre 2023. 

Inoltre, negli Stati Uniti, Ripple ha ottenuto la maggior parte delle 35 licenze per trasmettitori di denaro (MTL) nel 2023, consolidando ulteriormente la sua posizione nel settore delle criptovalute.

Nel novembre 2023, l’Autorità dei Servizi Finanziari di Dubai (DFSA) ha dato il via libera all’utilizzo dell’asset digitale XRP all’interno del Dubai International Financial Centre (DIFC). 

Ciò implica che le imprese autorizzate operanti nel DIFC avranno la possibilità di integrare XRP, la criptovaluta nativa del Ledger XRP (XRPL), nei propri servizi di asset virtuali. 

Ripple, in quanto protagonista chiave nello sviluppo e nell’uso del Ledger XRP, considera questa approvazione come un potenziale catalizzatore per l’apertura di nuovi scenari, inclusi pagamenti regionali e altri casi di utilizzo degli asset virtuali sull’XRP Ledger.

Monica Long di Ripple prevede il futuro delle criptovalute nel 2024

Monica Long, presidente di Ripple, anticipa le tendenze chiave nel settore delle criptovalute per l’anno a venire, concentrando l’attenzione su conformità, adozione istituzionale e integrazione blockchain nel sistema finanziario tradizionale.

Nelle sue previsioni per il 2024, Long anticipa un superamento dei cicli speculativi attraverso un focus crescente sulla fornitura di servizi di utilità su larga scala nel settore delle criptovalute. 

L’esperta imprenditrice ritiene infatti che la maturità del settore consentirà una maggiore adozione istituzionale, evidenziata dal prossimo lancio del primo ETF Bitcoin spot negli Stati Uniti.

Long prevede anche una ripresa della fiducia del settore dopo le recenti controversie che coinvolgono importanti attori come FTX e Binance, ma sottolinea che l’approccio centrato sulla conformità sarà essenziale per ristabilire la fiducia del pubblico. 

Invita dunque il settore a sviluppare strumenti di conformità per il settore DeFi, contribuendo a un ambiente più sicuro e regolamentato.

Contrariamente a previsioni pessimistiche, Long sottolinea che la blockchain non sostituirà le banche nel 2024. 

Prevede invece una continuazione del trend in cui istituti finanziari tradizionali integrano soluzioni di pagamento basate su blockchain, mantenendo un “felice matrimonio” tra il vecchio e il nuovo. 

Long pensa dunque che le commissioni basse e i trasferimenti quasi istantanei continueranno ad attrarre istituzioni finanziarie di spicco.

Infine, Long anticipa un aumento della fruibilità delle risorse digitali nel 2024, con un’attenzione particolare sull’importanza dei partner crypto-nativi come Ripple per le aziende tradizionali. 

Contrariamente all’autocustodia diffusa, Long suggerisce che le imprese faranno affidamento su partner consolidati per gestire le risorse crittografiche, aprendo la strada a un futuro in cui la blockchain gioca un ruolo centrale nelle operazioni aziendali.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS