HomeCriptovaluteNews non buone per le azioni Coinbase (COIN)

News non buone per le azioni Coinbase (COIN)

Il 2024 non è iniziato particolarmente bene per le azioni Coinbase (COIN) in borsa, considerate le ultime news. 

Il 2023 era stato un anno davvero positivo, ma la flessione di ieri del prezzo di Bitcoin ha inciso negativamente anche sul prezzo delle azioni COIN. 

Va ricordato che le azioni Coinbase sono scambiate al Nasdaq, e che questa borsa è aperta solo nei giorni feriali per sole sei ore e mezza al giorno. 

Ultime news: il 2024 delle azioni Coinbase (COIN) in borsa

Le azioni di Coinbase hanno chiuso il 2023 a circa 174$. 

La riapertura del Nasdaq è avvenuta martedì 2 gennaio, con il prezzo delle azioni COIN già in discesa fino a circa 157$. 

Ieri però la discesa è stata più pronunciata, con un calo fino a 144$ in apertura poi parzialmente recuperato. La chiusura è stata a 152$. 

L’apertura in calo di ieri è dovuta al fatto che la notizia falsa riguardo il rinvio della decisione della SEC sugli ETF su Bitcoin spot si era diffusa poche ore prima, e nel giro di qualche ora si è poi rivelata essere per l’appunto un falso. 

Escludendo quindi la discesa a 144$ dovuta ad una notizia falsa, la perdita acquisita in soli due giorni di contrattazioni in questo 2024 è stata cumulativamente del 12,5%. 

Una perdita tale su un titolo azionario in così poco tempo in teoria sarebbe da considerare anomala, o addirittura preoccupante, ma dato che la volatilità del titolo COIN segue quella dei mercati crypto in realtà non è affatto anomala. 

Il 2023 di Coinbase in borsa

Oltretutto va detto che il 2023 è stato un anno decisamente positivo per il titolo Coinbase in borsa. 

Basti pensare che il 2022 fu chiuso a 35$, mentre l’anno scorso la chiusura è stata a 174$. In altre parole in un solo anno il prezzo delle azioni COIN è salito di quasi il 400%, molto più ad esempio del +175% di Bitcoin

Il fatto che le azioni Coinbase in borsa nel 2023 abbiano performato molto meglio di BTC si deve all’incredibile calo del 2022. 

Coinbase esordì in borsa ad aprile 2021, in piena bolla dei mercati crypto. Il prezzo di esordio fu assurdo (380$), tanto che l’anno fu chiuso invece a 252$. 

Quindi nel corso del 2022 perse addirittura l’86%, contro invece il -64% di Bitcoin. 

Se prendiamo come riferimento i prezzi di fine 2021, rispetto ad allora BTC attualmente è a -8%, mentre COIN è ancora a -39%. 

Pertanto Bitcoin nel corso del 2023 ha recuperato quasi tutte le perdite del 2022, mentre il titolo Coinbase è ancora lungi dal recuperarle tutte. In altre parole nel corso del 2022 COIN aveva perso davvero moltissimo, quindi un rimbalzo del +400% nel 2023 ci sta tutto. 

Alla luce di tutto ciò è possibile dire che questo inizio di 2024 per Coinbase in borsa non è particolarmente positivo. 

Le vendite di Ark Invest

Inoltre, gli ETF di Ark Invest di Cathie Wood hanno venduto azioni Coinbase per un totale di 25 milioni di dollari. 

In realtà è ormai da un mese che le vendono, dato che il 5 dicembre in totale detenevano 7,1 milioni di azioni COIN, mentre ora ne detengono solo più 5,8 milioni. 

Va però precisato che Coinbase per valore di mercato posseduto è ancora il principale asset degli ETF di Ark. Ad esempio nel solo ARKF FinTech Innovation ETF il titolo COIN pesa per quasi il 14% dell’intero NAV. 

È probabile che la decisione di vendere da parte di Cathie Wood faccia parte di una strategia di presa di profitto dopo gli aumenti dell’anno scorso. 

Infatti una parte non indifferente di quelle azioni sono state acquistate a partire da novembre 2022, ovvero quando il prezzo era sceso sotto i 60$. Ora che è superiore ai 150$ vendere significa guadagnarci fino al 150%. 

Non è un caso che il numero di azioni possedute complessivamente ad oggi dagli ETF di Ark Invest sia simile a quello di novembre 2022, prima che partisse l’ultima grande campagna di acquisti. In altre parole stanno monetizzando proprio gli acquisti di fine 2022 ed inizio 2023. 

Il successo di Coinbase e delle azioni COIN grazie alle recenti news

Una cosa molto positiva per il celebre exchange crypto americano è che alcuni dei più importanti gestori di ETF crypto l’hanno scelto come custode per i BTC immobilizzati come collaterale. 

In particolare Coinbase sarà il custode dei Bitcoin dell’ETF di BlackRock, che sarà quotato al Nasdaq non appena approvato. 

È possibile che questa scelta abbia inciso anche sullo stesso prezzo delle azioni COIN in borsa negli ultimi mesi, dato che è stata annunciata a giugno e da allora il titolo ha guadagnato più del 200%. 

Ormai Coinbase più che un exchange è una grande società quotata in borsa che offre vari servizi crypto di livello istituzionale, ed è probabilmente questa la ragione trainante del suo successo in borsa nel 2023. 

Infatti come exchange è pur sempre quello principale negli USA, dopo la scomparsa di FTX, ma molto lontano dalla concorrenza straniera per quanto riguarda ad esempio i volumi. Nelle ultime 24 ore a fronte di 26 miliardi di dollari di scambi su Binance e quasi 8 su Upbit, Coinbase si è fermato a 4,5, ovvero meno di Bybit e OKX. 

Se come exchange ormai non è tra i dominatori del mercato, potrebbe invece già esserlo o diventarlo come fornitore di servizi crypto di livello istituzionale. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS