HomeCriptovaluteCorea del Sud: l’approvazione degli ETF su Bitcoin negli USA non cambierà...

Corea del Sud: l’approvazione degli ETF su Bitcoin negli USA non cambierà il divieto

La Corea del Sud non ha intenzione di seguire le orme degli USA, e ribadisce il divieto nazionale degli ETF su Bitcoin e su tutte le criptovalute. In pratica, le istituzioni finanziarie locali continuano a non poter acquistare o possedere le crypto. 

Corea del Sud continua col divieto degli ETF su Bitcoin

A quanto pare, la Corea del Sud non seguirà le orme degli USA, riguardo la sua ultima decisione di approvare ufficialmente gli ETF su Bitcoin spot, avvenuta ieri

E infatti, a ribadire oggi il divieto nel Paese asiatico è stata l’autorità di regolamentazione finanziaria (Financial Services Commission o FSC) che ha annunciato che procederà con le sue regole. 

“La Corea del Sud ribadisce il divieto sugli ETF di criptovalute nonostante l’approvazione degli Stati Uniti”

In pratica, in Corea del Sud, le istituzioni finanziarie locali hanno il divieto di possedere e acquistare criptovalute, nonché di investire in aziende che offrono le crypto. Questo prevede che siano vietati anche i lanci di exchange-traded fund su Bitcoin e criptovalute. 

Il report della stampa locale Kyunghyang, rivela le dichiarazioni di un funzionario della FSC, che afferma appunto che ciò che è appena successo negli USA non avrà alcuna influenza sulle regole vigenti. 

Corea del Sud e il ban degli ETF su Bitcoin e crypto: proteggere la stabilità dei mercati

Il motivo dietro alle restrizioni vigenti in Corea del Sud, pare sia la stabilità dei mercati finanziari e la protezione degli investitori. 

A tal proposito, la legge sui mercati dei capitali del Paese limita attualmente l’ambito delle attività sottostanti per i titoli dei contratti di investimento, come gli ETF, agli strumenti di investimento finanziario, alle valute e alle materie prime ordinarie, il che non include le criptovalute.

Proprio a inizio di questo gennaio 2024, la FSC avrebbe anche proposto il divieto di utilizzare le carte di credito per acquistare le crypto. L’obiettivo generale è quello di limitare i trader crypto di accedere agli exchange stranieri. 

In questo caso, la preoccupazione della FSC della Corea del Sud è vivere un deflusso illegale di fondi nazionali, o il riciclaggio di denaro o l’incoraggiamento di comportamenti speculativi per i suoi trader nazionali. 

Tale proposta sarà sottoposta al classico processo di votazione previsto nel Paese, prima di diventare legge, ma l’autorità di vigilanza ha deciso di raccogliere feedback dal pubblico prima di procedere, fino al 13 febbraio. 

L’approvazione negli USA: la conclusione di una lotta decennale

Dopo tante attese, la Securities and Exchange Commission (o SEC) degli USA, ha approvato ufficialmente 11 domande di emissione di ETF su Bitcoin spot. 

A partire dal 10 gennaio 2024, negli USA, gli ETF su Bitcoin spot risultano essere strumenti finanziari regolamentati. 

Questa decisione rappresenta uno sviluppo innovativo negli Stati Uniti, che concede agli investitori di ottenere un’esposizione diretta al prezzo di Bitcoin, senza le complessità della proprietà o dell’autodeposito. 

In pratica, gli investitori potranno acquistare azioni di ETF con Bitcoin come attività sottostante. 

La presente approvazione conclude una lotta decennale, iniziata con la richiesta dei fratelli Cameron e Tyler Winklevoss del 2013, di lanciare il Winklevoss Bitcoin Trust, sempre negata dalla SEC per timori di manipolazione del mercato e frode. 

Ciò che ha spinto questo cambiamento normativo, è stato il clamoroso successo di Grayscale in tribunale nell’agosto 2023, che ha annullato il rifiuto della SEC di convertire il Grayscale Bitcoin Trust ($GBTC) in un ETF Bitcoin a pronti. 

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS