HomeCriptovaluteBitcoinCoinbase: record di Bitcoin in riserva anche grazie agli ETF

Coinbase: record di Bitcoin in riserva anche grazie agli ETF

Il più importante exchange crypto statunitense, Coinbase, sta per raggiungere l’importante traguardo di 1 milione di  Bitcoin in riserva. Questo traguardo potrebbe venir raggiunto a breve anche grazie agli ETF. 

Non si tratta però soltanto dei BTC dei clienti dell’exchange detenuti sui wallet della società, ma di tutti i Bitcoin detenuti per tutti i clienti, compresi quelli della sezione Custody. Coinbase Custody è il principale custode degli ETF americani su Bitcoin spot. 

I Bitcoin detenuti da Coinbase: la riserva aumenta grazie agli ETF

Stando ai dati raccolti e pubblicati da Arkham Intelligence, Coinbase Global in questo momento avrebbe in custodia sui propri wallet più di 995.000 BTC. 

Si tratta di un controvalore di quasi 42 miliardi di dollari, ovvero più del doppio dei 16 miliardi di dollari di ETH custoditi da Coinbase. Curiosamente la società partner di Circle detiene meno di 600 milioni di dollari in USDC, tanto che il terzo token più custodito è LINK di Chainlink con più di 1,1 miliardi di dollari. 

Arkham però distingue tra Coinbase Global e Coinbase Prime, ovvero l’exchange dedicato ai grandi clienti istituzionali, tra cui gli ETF. 

Coinbase Prime custodisce molti meno BTC, ovvero solamente poco più di 1.500, e dato che è l’exchange sul quale vengono inviati i Bitcoin provenienti dall’ETF di Grayscale per la liquidazione, è evidente che questi ultimi sono già stati venduti. 

In totale GBTC ha inviato a Coinbase Prime più di 100.000 BTC nelle ultime due settimane, ma in cassa Coinbase Prime ad oggi ne ha solo più 1.500. 

Da notare che Coinbase Prime fornisce anche servizi di custodia ai propri grandi clienti, quindi dato che detiene pochi BTC in cassa significa che effettivamente i suoi clienti utilizzano questa piattaforma di livello istituzionale soprattutto per vendere o acquistare Bitcoin, ma non per la custodia. 

Gli altri exchange

Sempre su Arkham Intelligence si scopre che ad esempio la versione internazionale di Binance, ovvero il maggior exchange crypto al mondo per volumi di scambio, detiene “solo” 664.000 BTC, tanto che in dollari detiene più BNB che BTC: 50 miliardi contro 28. 

Quindi Coinbase Global è, tra gli exchange, il maggiore detentore di Bitcoin al mondo, grazie sicuramente anche al suo servizio di custodia. 

Per quanto se ne sa, al mondo esiste solamente un unico altro soggetto che ne detiene di più: Satoshi Nakamoto. 

Nakamoto però è scomparso dal 2011, ed ha acquisito il suo 1,1 milione di BTC minandoli. Oltretutto non li ha mai utilizzati. 

Coinbase invece è ancora in piena attività, e li ha acquisiti grazie a depositi dei propri clienti. 

Giusto per avere un metro di paragone, che fa capire quanti siano un milione di BTC, l’ETF di Grayscale ne detiene circa 500.000, ovvero poco più della metà, anche se probabilmente questa settimana finirà per scendere sotto questa soglia. 

MicroStrategy ne detiene quasi 190.000, mentre Block.one 164.000. Sembra che il DIpartimento di Giustizia degli USA ne detenga più di 200.000, grazie a vari sequestri avvenuti nel corso degli anni, e la Cina per i medesimi motivi dovrebbe detenerne 190.000. 

Oltre a questi bisogna citare i 157.000 BTC detenuti sui bridge come quello di WBTC (Wrapped Bitcoin), ed i 140.000 ancora detenuti dall’exchange giapponese Mt.Gox fallito nel 2014. 

Gli ETF

Il più grande ETF su Bitcoin spot al mondo, ovvero per l’appunto Grayscale Bitcoin Trust (GBTC), detiene i suoi BTC proprio sui wallet di Coinbase Custody. 

Nel corso delle ultime due settimane ne ha liquidati molti, quindi i Bitcoin di GBTC sono in diminuzione. 

Ma anche l’ETF di BlackRock, IBIT, ha come custode Coinbase Custody. IBIT in due settimane ha acquisito quasi 50.000 BTC, che sono finiti sempre sui wallet di Coinbase Custody. 

Anche l’ETF di ARK, ARKB, ha lo stesso custode, ed in due settimane ha acquisito più di 13.000 BTC. 

Il fatto che Coinbase Custody sia stato scelto da numerosi ETF americani come custode dei loro BTC ha fatto sì che, nonostante le forti liquidazioni di GBTC, i Bitcoin in custodia presso Coinbase in realtà alla fine siano aumentati. 

Coinbase e il nuovo record dei BTC in riserva: gli ETF Bitcoin aiutano

Coinbase è anche una società quotata in borsa al Nasdaq. 

Da notare che a partire dal 29 dicembre il prezzo delle sue azioni in borsa è sceso. 

In precedenza però era salito dai circa 70$ di fine ottobre ai 187$ del 28 dicembre, per poi iniziare una discesa che ha riportato il prezzo fino a 121$.

Il prezzo attuale è ancora del 70% superiore a quello di fine ottobre, ma non di molto superiore ai 114$ di metà luglio 2023. 

Inoltre è ancora molto sotto i 381$ di partenza di aprile 2021. 

La società ha ancora in corso alcune controversie con la SEC, anche se diversi analisti danno probabile la sconfitta della SEC stessa. 

Ormai non solo è il principale exchange crypto americano, ma è anche di fatto il maggior custode di Bitcoin al mondo, dato che Satoshi Nakamoto risulta effettivamente scomparso. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS