HomeCriptovaluteBitcoinL'impatto dell'halving secondo Bitfinex: come i miner di Bitcoin incidono sul calo...

L’impatto dell’halving secondo Bitfinex: come i miner di Bitcoin incidono sul calo del prezzo

Secondo l’ultimo rapporto di Bitfinex, la discesa del prezzo di Bitcoin al di sotto dei $43.000 può essere parzialmente ricondotta alle vendite di riserve effettuate dai miner. 

In particolare gli analisti sostengono che i miner stiano cedendo le loro riserve al fine di massimizzare i profitti in vista della prossima diminuzione della ricompensa per il mining programmata per aprile, coincidendo con l’evento dell’halving.

Vediamo di seguito tutti i dettagli.

Bitfinex: i miner aggravano la tendenza al ribasso del prezzo di Bitcoin

Come anticipato, il valore di Bitcoin (BTC) è sceso al di sotto della soglia dei 43.000 dollari, influenzato dalla pressione ribassista dei miner che stanno vendendo le loro riserve sul mercato. 

Gli analisti di Bitfinex, nel loro rapporto hanno attribuito gran parte della recente diminuzione del prezzo di Bitcoin, soprattutto dopo l’approvazione degli ETF spot su Bitcoin da parte della SEC, alle vendite effettuate dai miner. 

Questi ultimi infatti avrebbero sfruttato l’impennata dei prezzi di BTC come opportunità per liquidare le proprie posizioni.

Il rapporto ha evidenziato che i miner stanno cedendo le loro riserve in previsione dell’imminente halving di quest’anno. 

Durante il quale le ricompense in Bitcoin saranno ridotte, comportando una diminuzione della redditività delle loro attività. 

Tale vendita fornisce ai miner il capitale necessario per l’aggiornamento dell’infrastruttura, mentre sottolinea l’influenza significativa che essi hanno sulla liquidità del mercato e sulla determinazione dei prezzi.

Secondo il rapporto, le riserve minerarie di Bitcoin hanno subito una significativa diminuzione poco dopo l’approvazione degli ETF spot su Bitcoin. In particolare registrando i più grandi deflussi dai wallet dei miner mai registrati la scorsa settimana. 

Il rapporto suggerisce inoltre che ulteriori vendite potrebbero essere imminenti.

Ricordiamo che l’halving di Bitcoin è previsto per aprile di quest’anno, e comporterà una riduzione del 50% della ricompensa che i miner ricevono per la convalida e l’aggiunta di nuovi blocchi alla blockchain. 

Questo evento, che si verifica circa ogni quattro anni, è programmato nel protocollo Bitcoin per controllare l’offerta di nuovi Bitcoin, rendendola sempre più limitata nel tempo.

Attualmente, la principale criptovaluta al mondo ha registrato una diminuzione di oltre l’1% nelle ultime 24 ore, raggiungendo circa i 42.920 dollari, come riportato dagli ultimi dati. 

Le previsioni positive di alcuni analisti sul prezzo del Bitcoin 

Come accennato sopra, attualmente consolidato intorno ai 43,000 dollari, il BTC non mostra una chiara direzione di movimento. Tuttavia, gli analisti di mercato, tra cui Markus Thielen di 10x Research, mantengono un atteggiamento ottimista per il futuro di Bitcoin nel 2024.

Thielen prevede un ulteriore aumento del 65% rispetto ai livelli attuali, portando il prezzo di BTC a toccare i 70,000 dollari entro la fine dell’anno. 

Nel suo rapporto di venerdì, Thielen ha evidenziato diversi fattori a supporto di questa prospettiva.

Secondo Thielen, il contesto macroeconomico, i favorevoli fattori monetari, il ciclo elettorale statunitense e la crescente domanda da parte degli investitori tradizionali (TradFi) che investono negli ETF su Bitcoin potrebbero contribuire a un rally plausibile verso i 70,000 dollari.

Thielen ha inoltre sottolineato il modello storico della performance di Bitcoin, evidenziando che, nonostante i rendimenti positivi in ​​10 degli ultimi 13 anni, i rendimenti di gennaio sono stati più vari, con sette anni in rialzo e sei in ribasso.

Ricordando la sua precisione nell’analisi passata, Thielen aveva predetto il quasi raddoppio del prezzo di Bitcoin a 45,000 dollari entro la fine del 2023. 

Nonostante la sua previsione di gennaio sul mancato ottenimento dell’approvazione degli ETF spot, Thielen aveva correttamente previsto un calo dei prezzi nella fascia medio-alta dei 30,000 dollari questo gennaio.

L’analisi di Thielen si basa su vari fattori, tra cui il ritardo della Federal Reserve nei tagli dei tassi, tassi di inflazione più bassi e una crescita economica sostenuta. 

Inoltre, porta l’attenzione sulla correlazione storica tra i cicli elettorali presidenziali statunitensi e gli anni di dimezzamento di Bitcoin, che, secondo la sua analisi, sono stati storicamente rialzisti. 

Cathie Wood: Bitcoin si afferma come oro digitale

Cathie Wood, CEO di ARK Invest, sostiene che Bitcoin (BTC) stia sempre più assumendo il ruolo di oro come riserva di valore. 

In un recente aggiornamento su YouTube, Wood ha condiviso la sua visione, affermando che la principale criptovaluta funge da bene privo di rischio e rifugio sicuro durante periodi di instabilità economica.

Durante la crisi bancaria regionale di marzo dello scorso anno, Wood ha sottolineato che Bitcoin è cresciuto del 40%, mentre l’indice bancario regionale (KRE) subiva una forte contrazione. 

Attualmente, con l’indice bancario regionale che si comporta bene dopo una breve correzione seguita all’introduzione di 11 ETF, Wood osserva che Bitcoin sta nuovamente guadagnando popolarità.

Presentando un grafico che confronta il prezzo del Bitcoin con l’oro, Wood ha evidenziato un trend rialzista robusto e a lungo termine. La CEO suggerisce che questa tendenza indichi un graduale spostamento dell’oro a favore di Bitcoin come risorsa di valore.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS