Read this article in the English version here.

Neo, prima Antshares, nasce come blockchain per l’esecuzione di smart contract alternativa ad Ethereum, con l’ambizione di superare il maestro come dimensione.

In passato spesso questo progetto è stato accusato di essere eccessivamente centralizzato.

Ora, con l’elezione dei Consensus Nodes (o Bookkeeping Nodes) si dovrebbe avviare una completa decentralizzazione.

Per capire cosa significa questo passaggio dobbiamo spiegare che Neo si compone di due token diversi: un primo Neo in senso stretto, è corrispondente al possesso di una quota azionaria del progetto, mentre il secondo, denominato GAS, viene utilizzato come corrispettivo per le transazioni e può essere guadagnato anche con l’inserimento di asset sulla blockchain.

Quindi se in Ethereum le fee di transazioni sono pagate nello stesso token, in Neo richiedono il possesso di una certa quantità di GAS, che è un token differente con mercati di scambio diversi e valori diversi da Neo.

I Consensus Nodes sono i nodi chiamati a confermare le transazioni, che ricevono le fee (GAS) per le transazioni stesse. Avremo, apparentemente, una situazione dicotomica che viene risolta dalle elezioni. Infatti:

  • i nodi ricevendo il GAS avrebbero interesse ad aver costi di transazione positivi e/o elevati;
  • i possessori di NEO al contrario ad avere costi di transazione nulli. E dato che sono questi secondi a votare i consensus node, sono loro a poter scegliere quelli con costi nulli o molto bassi;
  • nello stesso tempo tutti hanno convenienza ad aumentare il numero di asset sulla blockchain NEO perché questo genera GAS per tutti gli operatori. Anche gli stessi supernodi, non potendo fare altro, devono appoggiare la crescita della blockchain.

Il primo Consensus Node ad essere votato sarà quello di City of Zion, un gruppo internazionale di sviluppatori open source dei NEO, a cui presto si uniranno i nodi di KPN e di Fenbushi Project.

Purtroppo le caratteristiche per diventare un Consensus Node sono ancora molto stringenti, ma speriamo che, con una maggiore decentralizzazione, vengano ad allentarsi.